Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

logo twitter logo facebook logo flickr logo youtube logo issuu logo RSS app ARPAT per dispositivi mobili
Sei in: Home Documentazione Report Report geotermia Verifiche autocontrollo ENEL Geotermia: monitoraggio delle acque nell'area del Monte Amiata (2014 - 2016)

Dove Siamo

 

Geotermia: monitoraggio delle acque nell'area del Monte Amiata (2014 - 2016)

Verifica del monitoraggio svolto da parte di ENEL Greenpower

Anno di pubblicazione: 2017

A cura di: ARPAT - Settore Geotermia

Verifica del monitoraggio svolto da parte di ENEL Greenpower (EGP), nell'ambito del "Riassetto dell'Area geotermica di Piancastagnaio"

Come previsto dalla pronuncia di compatibilità ambientale sul progetto relativo al "Riassetto dell'Area geotermica di Piancastagnaio", di cui alla Delibera della RT n. 229/2011 - che prevede la realizzazione di opere volte a razionalizzare e migliorare l'impiego della risorsa geotermica sia sotto l'aspetto energetico sia sotto l'aspetto ambientale - ENEL Greenpower (EGP) effettua il monitoraggio delle acque superficiali e sotterranee nei modi e nei tempi stabiliti dal Piano di monitoraggio ENEL n. 1374206 del 11/02/2013, presentato nel procedimento di VIA di Bagnore 4 che integra e
aggiorna il piano già presentato nel procedimento di VIA per il riassetto dell'Area geotermica di Piancastagnaio (entrambi i documenti sono stati approvati da ARPAT). Il monitoraggio è iniziato nel mese di ottobre 2012 e dovrà durare per tutta la vita della futura centrale geotermoelettrica Bagnore 4.

Il settore Geotermia di ARPAT - verifica la congruità dei dati ENEL mediante l'effettuazione di prelievi in parallelo per verificare eventuali scostamenti significativi; nel presente documento sono riportati i risultati ottenuti.

Questa attività, sebbene distinta dal piano di controllo generale delle acque di cui al Dlgs
152/2006 - di competenza ARPAT - ne costituisce di fatto una integrazione poiché aumenta i punti di controllo della falda acquifera e, in più, monitora anche acque superficiali e profonde del Monte Amiata.

I controlli sono stati svolti presso:

  • 8 stazioni di acque superficiali (PAS) localizzate nei comuni di Piancastagnaio e Santa Fiora;
  • 9 stazioni di acque di falda (PAF), delle quali tre coincidenti con il piano di controllo generale, localizzate nei comuni di Castiglione d’Orcia, Abbadia S.Salvatore, Piancastagnaio, Castel del Piano, Santa Fiora e Arcidosso;
  • 4 piezometri, Pz6, Pz7, dal Settembre 2014 il Pz4 e dal Luglio 2015 il Pz9, tutti nel comune di Santa Fiora (GR) eccetto Pz9 ubicato in Comune di Abbadia San Salvatore (SI);
  • 3 punti di prelievo in località Merigar nel comune di Santa Fiora (GR)
Azioni sul documento
Strumenti personali