Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Temi ambientali Acque Balneazione Dati del monitoraggio

Dove Siamo

 

Dati del monitoraggio

RSS

Dal 1 aprile a 30 settembre di ciascun anno ARPAT effettua il monitoraggio delle acque di balneazione al fine di valutarne la qualità dal punto di vista igienico-sanitario.

In caso di inquinamento, dopo il primo superamento dei limiti scatta immediatamente l’ordinanza del Sindaco per il divieto temporaneo su tutta l’area di balneazione. Il provvedimento di chiusura alla balneazione viene revocato, sempre con ordinanza sindacale, dopo il primo esito analitico favorevole successivo all’evento di inquinamento.

Il monitoraggio periodico viene effettuato anche nelle aree interessate da un divieto permanente istituito per motivi igienico sanitari, al fine di sorvegliarne e valutarne il risanamento. 

Esiti del monitoraggio suddivisi per Comune

Le analisi hanno una durata, stabilita dalla legge, di 48 ore e solo trascorso questo tempo l'esito può essere validato. Tuttavia quando il superamento è già evidente a 24 ore dall'inizio delle analisi, viene comunque comunicato al Sindaco per l'adozione dei provvedimenti. Questo può determinare una differenza fra i dati qui pubblicati (che sono quelli validati) e l'adozione dei divieti. Per un quadro più tempestivo del fenomeni di inquinamento consultare la pagina dedicata ai divieti temporanei.

 

Viene infine effettuato il monitoraggio dell'alga tossica Ostreopsis ovata

Azioni sul documento
Strumenti personali