Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Logo Regione Toscana
Sei in: Home Attività Supporto tecnico scientifico Emergenze ambientali Naufragio nave Costa Concordia - 01/2012

Naufragio della Costa Concordia

condividi su facebook
condividi su twitter
RSS

Il 13/01/2012 la nave da crociera Costa Concordia ha urtato gli scogli a poche centinaia di metri dall'Isola del Giglio (GR); l'impatto ha provocato uno squarcio di 70 metri nello scafo che ha causato l'affondamento della nave.

L'emergenza è gestita dal Commissario delegato dal Governo, il responsabile del Dipartimento della Protezione civile, coadiuvato da un Comitato tecnico scientifico di cui ARPAT è parte. Compito di ARPAT è l'attività di monitoraggio ambientale mirata a verificare l'eventuale fuoriuscita di carburante e di tutti gli altri possibili inquinanti presenti a bordo, secondo un piano di monitoraggio predisposto anche in collaborazione con ISPRA ed effettuato con il Poseidon

emergenza Costa Concordia - piano di monitoraggio ambientaleemergenza Costa Concordia - dati relativi al monitoraggio ambientaleemergenza Costa Concordia - i tesori sottomarini dell'Isola del Giglio

 

icona-rss-grande.png Tutti gli aggiornamenti relativi all'emergenza Costa Concordia

 Siti utili

 

logo ISPRA TVlogo Protezione civilelogo LAMMA

Azioni sul documento
Strumenti personali