Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2022 033-22

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Mercoledì 23 febbraio 2022

Firenze: progetto Life Sneak per ridurre il rumore e vibrazioni da traffico stradale


RSS

Il progetto pilota prevede di realizzare in Via La Marmora una pavimentazione per la mitigazione vibro-acustica, combinando gli effetti positivi dell’utilizzo di materiali riciclati e tecnologie innovative

Firenze: progetto Life Sneak per ridurre il rumore e vibrazioni da traffico stradale

Foto progetto Life SNEAK

Nel 2021 la Commissione europea ha destinato oltre 290 milioni di euro al Programma LIFE 2021-2027 per progetti a favore dell’ambiente e dell’azione per il clima e per contribuire al passaggio ad un’economia sostenibile, circolare e tutelare, ripristinare e migliorare la qualità dell’ambiente e della vita. Tra nuovi progetti LIFE approvati e finanziati in Toscana c’è il progetto europeo LIFE SNEAK (optimized Surfaces against NoisE and vibrations produced by tramway track and road traffic) che il Comune di Firenze coordina, in partenariato con altri soggetti pubblici e privati. 

La principale sfida del progetto è la riduzione del rumore da traffico stradale che condizionarumore progetto sneak soprattutto le aree urbane densamente popolate, come quella di Firenze, dove il rumore e le vibrazioni prodotte dalla tranvia si sovrappongono a quelle prodotte dal traffico stradale. Per ottenere una sostanziale riduzione del rumore sarà infatti realizzato un progetto pilota con un tratto di superficie a bassa rumorosità e a basse vibrazioni combinando gli effetti positivi dell’utilizzo di materiali riciclati e tecnologie innovative con costi del ciclo di vita paragonabili a quelli delle superfici standard.

Il rumore generato dal traffico stradale è un grave problema ambientale in Europa e come riportato dall'Agenzia europea per l'ambiente (EEA), almeno il 20% della popolazione vive in zone in cui i livelli di rumore del traffico sono dannosi per la salute umana, causando fastidio, disturbi del sonno, ansia, danni all'udito e problemi cardiovascolari legati allo stress. Secondo l’ EEA sono 113 milioni le persone interessate da livelli di rumore da traffico a lungo termine giorno-sera-notte di almeno 55 dB(A). Anche l’ Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha classificato il rumore del traffico come la seconda causa di cattiva salute in Europa occidentale preceduta solamente dall’inquinamento atmosferico da particolato fine.

Gli obiettivi principali perseguiti dal progetto Life Sneak sono così sintetizzati:

  • riduzione del rumore complessivo derivante dalla sovrapposizione del rumore prodotto dall'interazione ruota-rotaia e pavimentazione-pneumatico e del rumore strutturale derivante dalle stesse interazioni che si propagano attraverso il terreno e la sovrastruttura stradale;
  • utilizzo di "pavimentazione a bassa rumorosità" per mitigare il rumore prodotto dall’interazione ruota-rotaia e pavimentazione-pneumatico, riducendo al minimo gli effetti derivanti da quest’ultimo e la loro propagazione;
  • riduzione del rumore del tram dovuto al contatto ruota-rotaia attraverso un sistema di pannelli fonoassorbenti (realizzati in materiale riciclato) da applicare sul tram (bogie skirts) e valutazione di efficacia di un sistema prototipale con ugelli ad acqua da installare su un tram per la riduzione dello stridio nelle curve a raggio stretto;
  • riduzione del disturbo dovuto al rumore e alle vibrazioni generati dal traffico stradale e dal passaggio del tram;
  • promozione a livello europeo delle soluzioni proposte per ridurre l'inquinamento acustico;
  • integrare i database di emissione sonora dei veicoli definiti dalla Direttiva (UE) 2015/996 con i dati di emissione del tram in rettilineo ed in curva raccolti nello studio pilota con particolare riferimento alle condizioni di stridio attualmente non considerate dalla Direttiva.

Per perseguire gli obiettivi e dimostrare la riduzione del rumore causato dal traffico stradale il progetto prevede la realizzazione del progetto pilota a Firenze attraverso una pavimentazione in Via La Marmora (di larghezza 10 m e lunghezza 150 m) vicino al Liceo Scientifico “Guido Castelnuovo” per la mitigazione vibro-acustica, combinando gli effetti positivi dell’utilizzo di materiali riciclati e tecnologie innovative.

E’ prevista inoltre la progettazione e valutazione di efficacia acustica sia di minigonne fonoassorbenti (bogie skirts) da applicare al tram che di un sistema innovativo con ugelli ad acqua per ridurre lo stridio del tram nelle curve di raggio stretto. Sarà avviata anche un'indagine per la valutazione del disturbo dovuto all’effetto combinato di rumore e vibrazioni prodotte dalla tramvia.

logo progetto sneakI risultati attesi dal progetto pilota sono;

  • la riduzione dei livelli di rumore di almeno 3 dB(A) in termini di Lden (livello giornosera-notte) /Lnight (livello notturno) e di 3,5 dB(A) in termini di CPX (metodo per valutare il rumore pneumatico/strada) ad una velocità di riferimento di 50 km/h nell'area pilota di Firenze.
  •  una riduzione complessiva dei livelli di rumore di 5 dB attraverso le minigonne fonoassorbenti (bogie skirts) da applicare al tram e l'eliminazione dello stridio per l'utilizzo del sistema di ugelli ad acqua.

E' inoltre  attesa una riduzione del 10% del costo del ciclo di vita delle pavimentazioni a bassa rumorosità realizzate con materiali riciclati.

Il progetto è in linea con quanto previsto dalla Direttiva 2002/49/CE “relativa alla determinazione e alla gestione del rumore ambientale - Dichiarazione della Commissione in sede di comitato di conciliazione sulla direttiva relativa alla valutazione ed alla gestione del rumore ambientale” e del Green Deal europeo (COM/2019/640 final).

Ulteriori informazioni, documenti, avanzamento, novità ed eventi sono disponibili sul sito del progetto Life Sneak


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali