Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2022 117-22

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Lunedì 01 agosto 2022

Appello dei leader mondiali per salvare l'oceano


RSS

La dichiarazione finale della Conferenza oceanica di Lisbona ha evidenziato come il cambiamento climatico sia una delle più grandi sfide del nostro tempo

È sceso, così, il sipario sulla Conferenza oceanica delle Nazioni Unite (Lisbona 27 giugno - 1° luglio), che era stata introdotta da António Guterres, Segretario generale dell’ONU, con un monito alla comunità internazionale a impegnarsi per la protezione e la conservazione dei nostri mari.
Riconoscendo che il cambiamento climatico è "una delle più grandi sfide del nostro tempo" e la necessità di "agire in modo deciso e urgente per migliorare la salute, la produttività, l'uso sostenibile e la resilienza dell'oceano e dei suoi ecosistemi", i leader mondiali hanno sottolineato come le azioni innovative e basate sulla scienza, insieme alla cooperazione internazionale, sono fondamentali per fornire le soluzioni necessarie.

Consapevoli del passato “fallimento collettivo” nella dichiarazione finale della Conferenza, i leader mondiali hanno chiesto una maggiore ambizione per garantire che il terribile stato dell'oceano sia affrontato e hanno ammesso francamente di essere "profondamente allarmati dall'emergenza globale che sta affrontando l'oceano".
La scienza è chiara: le minacce antropogeniche, tra cui la deossigenazione, l'acidificazione degli oceani, l'inquinamento marino e la pesca eccessiva, si sono tradotte in un forte declino della salute degli oceani. Tra le sfide che l'oceano deve affrontare si annoverano: l'erosione costiera, l'innalzamento del livello del mare, le acque più calde e più acide, l'inquinamento marino, lo sfruttamento eccessivo degli stock ittici e la diminuzione della biodiversità marina.

Alla conferenza hanno partecipato più di 6.000 partecipanti, tra cui 24 capi di Stato e di governo, e oltre 2.000 rappresentanti della società civile, sostenendo azioni urgenti e concrete per affrontare la crisi oceanica.

Nel corso della settimana, i rappresentanti si sono incontrati per produrre tre risultati principali: una dichiarazione politica, “Il nostro oceano, il nostro futuro, la nostra responsabilità”, un registro aggiornato degli impegni volontari e messaggi chiave dalle dichiarazioni plenarie e dai dialoghi di partenariato.

Dalla Conferenza oceanica delle Nazioni Unite del 2017 e dopo due anni di ritardo a causa della pandemia di COVID-19, la consapevolezza di agire in fretta si è accresciuta. I leader mondiali hanno richiesto un cambiamento trasformativo, sottolineando l’urgenza di affrontare gli impatti cumulativi di un pianeta in riscaldamento, sull'oceano, compreso il degrado dell'ecosistema e l'estinzione delle specie. Gli effetti del degrado sono evidenti e innegabili: lo sbiancamento dei coralli si sta diffondendo, le specie marine si stanno spostando verso i poli a causa del cambiamento climatico, l'oceano è diventato più acido e ci sono più rifiuti di plastica. Molti relatori e relatrici hanno ricordato che l'oceano ha salvato il pianeta dagli impatti più estremi delle emissioni di gas serra assorbendo il 90% del calore in eccesso negli ultimi decenni, fungendo da pozzo di assorbimento del carbonio, ma hanno riconosciuto che ora siamo al di sopra o al di là della capacità di l'oceano per assorbire i nostri eccessi. Una ricercatrice delle Galapágos ha detto semplicemente: "Se non agiamo ora, non rimarranno barriere coralline". Le soluzioni scientifiche disponibili, includono progetti di ripristino dei coralli, sfruttando la potenza dell'energia offshore per allontanarsi dai combustibili fossili, il sequestro del carbonio, le alghe come biocarburante e le alghe come fonte di cibo a basso input.

mare

Gli impegni volontari

I delegati hanno manifestato l’intenzione di invertire il declino della salute degli ecosistemi e della biodiversità dell'oceano, proteggerne e ripristinarne la resilienza e l'integrità ecologica, con una serie di impegni volontari che di seguito rappresentiamo sinteticamente.

Più di 150 Stati membri si sono impegnati volontariamente a conservare o proteggere almeno il 30% dell'oceano mondiale entro il 2030 all'interno delle Aree Marine Protette ed a adottare efficaci misure di conservazione. In sintesi, alcuni esempi di impegni riguardano:

  • Proteggere o superare il 30% delle zone marittime nazionali entro il 2030
  • Raggiungere la carbon neutrality entro il 2040
  • Ridurre l'inquinamento da plastica
  • Aumentare il consumo di energia rinnovabile

La Protecting Our Planet Challenge investirà almeno un miliardo di dollari per sostenere la creazione, l'espansione e la gestione delle aree marine protette entro il 2030. La Banca europea per gli investimenti estenderà altri 150 milioni di EUR alla regione dei Caraibi nell'ambito dell'iniziativa Clean Oceans per migliorare la resilienza climatica, la gestione delle risorse idriche e la gestione dei rifiuti solidi.

Il Portogallo si è impegnato a garantire che il 100% dell'area marina soggetta alla sovranità o alla giurisdizione portoghese sia valutata in buono stato ambientale e classifichi il 30% delle aree marine nazionali entro il 2030.

Il Kenya sta attualmente sviluppando un piano strategico nazionale per l'economia blu, inclusivo e multistakeholder. Il Kenya si è inoltre impegnato a sviluppare un piano d'azione nazionale sui rifiuti di plastica marini provenienti dal mare.

L'India si è impegnata in una campagna per i mari puliti costieri e lavorerà per vietare la plastica monouso.

Dare potere ai giovani, alle donne e alle popolazioni indigene 

Riconoscendo l'importante ruolo delle conoscenze, dell'innovazione e delle pratiche indigene, tradizionali e locali detenute dalle popolazioni indigene, nonché il ruolo delle scienze sociali nella pianificazione, nel processo decisionale e nell'attuazione, i leader chiedono una partecipazione significativa delle comunità locali. "Responsabilizzare le donne e le ragazze, poiché la loro partecipazione piena, equa e significativa è la chiave per progredire verso un'economia sostenibile basata sull'oceano", sottolinea la dichiarazione, enfatizzando la promozione di un'istruzione di qualità e l'apprendimento permanente per l'alfabetizzazione oceanica.

Il percorso dopo Lisbona

Il finanziamento è un altro obiettivo particolare della dichiarazione. Il documento finale afferma che è necessario trovare soluzioni di finanziamento innovative per guidare la trasformazione verso economie oceaniche sostenibili e aumentare le soluzioni basate sulla natura, nonché approcci basati sugli ecosistemi per sostenere la resilienza, il ripristino e la conservazione delle coste ecosistemi.

Dopo l'evento di Lisbona, il percorso per salvare il nostro oceano continuerà attraverso la Conferenza intergovernativa su un trattato sulla biodiversità marina delle aree al di fuori della giurisdizione nazionale, i negoziati sul quadro globale per la biodiversità post 2020 e i negoziati per maggiori finanziamenti per il clima e azioni di adattamento alla COP27 in Egitto.

In chiusura, il Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite per gli Affari Legali, Miguel de Serpa Soares, ha affermato che “La conferenza ci ha dato il opportunità di spacchettare le criticità e generare nuove idee. Ha anche chiarito il lavoro che rimane e la necessità di aumentare tale lavoro per il recupero del nostro oceano", aggiungendo che è essenziale ora invertire la rotta.


Per maggiori approfondimenti consultare il Rapporto finale della Conferenza ONU sull'oceano  


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali