Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Dati e mappe Dati Concentrazione di cesio-137 nelle acque superficiali - anni 2012-2017 e 2019-2021

Dove Siamo

 

Concentrazione di cesio-137 nelle acque superficiali - anni 2012-2017 e 2019-2021

RSS
20/10/2022 12:15

Dati del monitoraggio della radioattività ambientale in Toscana

Concentrazione di cesio-137 nelle acque superficiali - anni 2012-2017 e 2019-2021

ARPAT effettua il monitoraggio ai fini delle analisi di radioattività dei principali corsi d’acqua del territorio regionale, con un campionamento trimestrale e misura della concentrazione dei principali radionuclidi emettitori gamma.

Questa attività è prevista dal programma regionale di monitoraggio della radioattività ambientale e dalla rete nazionale di sorveglianza della radioattività ambientale (RESORAD), ai sensi dell’art. 152 del D. Lgs. 101/20.

Nel 2020 e nel 2021 è stato effettuato soltanto il monitoraggio del fiume Arno in un unico punto di prelievo in conseguenza delle misure adottate a seguito dell’emergenza sanitaria legata al COVID-19. Come negli ultimi anni non si è osservata contaminazione in acque superficiali da radionuclidi emettitori gamma, incluso il Cs-137, di origine antropica.

È possibile consultare anche la mappa con i punti di prelievo utilizzati negli anni per monitorare acque superficiali e detriti organici sedimentabili - DMOS.

Note: Becquerel (Bq): unità di misura dell’attività nel Sistema Internazionale; 1 Becquerel equivale ad una transizione per secondo: 1 Bq = 1 s-1. L'attività è il numero di transizioni nucleari spontanee, per unità di tempo, di una determinata quantità di un radionuclide.

Nell'annuario dei dati ambientali della Toscana 2022 sono presenti i dati di sintesi relativi all'ultimo anno disponibile. Nei file PDF e CSV sono inclusi anche dati relativi ad anni precedenti.

Azioni sul documento
Strumenti personali