Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2022 122-22

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Mercoledì 17 agosto 2022

Dati 2022: i procedimenti di bonifica in Toscana


RSS

In Toscana i procedimenti di bonifica sono complessivamente 4883 e la superficie di suolo, in ettari relativa a questi procedimenti risulta pari a 18.316 ettari, per lo più, 13.404 ettari, connessi ad attività produttive

Con questa ARPATnews anticipiamo alcuni dati che saranno riportati nell’Annuario 2022 dei dati ambientali in Toscana, che pubblichiamo, ormai da diversi anni, nel periodo autunnale. Quest'ARPATnews contiene alcune informazioni ambientali sui procedimenti di bonifica nel territorio toscano, estrapolate dalla "Banca dati dei siti interessati da procedimento di bonifica", alimentata e gestista tramite l'applicativo SISBON, realizzato da ARPAT per conto della Regione Toscana nel 2011.

Dai dati estrapolati tramite SISBON, a marzo 2022, risulta che i siti interessati da procedimenti di bonifica nella nostra regione sono 4883 e la superficie di suolo, in ettari, relativa a questi procedimenti è pari a 18.316 ettari, per lo più, 13.404 ettari, connessa da attività produttive.

I procedimenti di bonifica attivi, ovvero in corso di svolgimento, sono 2176, mentre quelli chiusi, ovvero che hanno concluso l’iter, risultano 499.

Quadro del numero di bonifiche suddivise per provincia _ 2022

SISBON contiene le informazioni sullo stato di tutti i procedimenti attivati sul territorio toscano (anche quelli di competenza ministeriale ricadenti nei Siti di Interesse Nazionale - SIN) e quelli di competenza regionale ricadenti nei Siti di Interesse Regionale - SIR. Queste informazioni vengon condivise con le Pubbliche Amministrazioni coinvolte nel percorso amministrativo inerente la bonifica dei siti inquinati. Alcune informazioni sui procedimenti di bonifica in corso sono altresì accessibile al pubblico esterno che può visualizzare alcuni dati di sintesi come il numero di siti ricadenti su un determinato territorio oltre a dati puntuali come:

  • i dati anagrafici essenziali
  • il motivo di inserimento del sito nella banca dati 
  • l'ultimo stato dell' iter amministrativo registrato di ogni singolo sito.

In attesa dell'emanazione della Delibera di Giunta regionale toscana, prevista dall'art. 5 bis della Legge Regionale 25/1998 nonchè dal Piano Regionale Bonifiche e dal DOP Bonifiche, che dovrà definire e rendere cogenti i ruoli e le modalità di aggiornamento della "Banca dati dei siti interessati da procedimenti di bonifica", i dati contenuti nella banca dati gestita tramite l'applicativo SISBON possono non essere del tutto esaustivi e aggiornati. Questo rende le informazioni ambientali relative alle bonifiche nella nostra regione potenzialmente affetto da errori, tali comunque da non alterare in maniera significativa il quadro generale presentato.

Quadro del numero di siti suddivisi per provincia

Dai dati ambientali ricavabili dalla banca dati emerge che Firenze è la provincia con il maggiore numero di siti procedimenti, 1356, seguita da Lucca con 492; Prato con 159 siti è la provincia con il minor numero.

Se guardiamo, invece, agli ettari di suolo interessati da procedimenti di bonifica, l'ordine cambia come segue: la provincia di Livorno è quella maggiormente interessata, con 6470,43 ettari seguita dalla provincia di Massa e Carrara con 3456,82 e da quella di Grosseto con 3280,91 ettari. Tali estensioni sono dovute alle aree perimetrate come Siti di Interesse Nazionale (SIN) di Livorno, di Piombino e di Massa Carrara, divenute oggi, in parte, di competenza regionale a seguito dei recenti decreti di deperimetrazione (SIR).

Provincianumero dei sitiettari suolo dei siti interessati da procedimento di bonifica
AR 426 1605,05
FI 1356 2076,25
GR 333 3280,91
LI 467 6470,43
LU 492 477,77
MS 474 3456,82
PI 432 299,7
PO 159 74,74
PT 442 278,09
SI 302 296,19

 

Grafico relativo al suolo interessato da procedimento di bonifica suddiviso per singola provincia toscana.

Quadro ettari di suolo interessati da procedimenti di bonifica_2022

 

Al fine di dare un ordine di grandezza delle dimensioni dei siti coinvolti da procedimento bonifica, prendiamo come esempio un campo da calcio regolare, che ha una dimensione di 0,7 ettari. Nella provincia di Arezzo, dove i procedimenti di bonifica riguardano una superficie di suolo circa 1605 ettari, sarebbe interessati l’equivalente di circa 2.300 campi da calcio regolari.

Quadro dei procedimenti di bonifica suddivisi per tipologia di attività

Le principali tipologie di attività interessate da procedimento di bonifica, nella nostra regione, sono le seguenti:

  • attività industriali (35,5%)
  • distributori di carburante (20,7%)
  • impianti di gestione e smaltimento rifiuti (13,5%)
  • altre attività (18,5%).
Tipologia di attivitànumero di siti%
impianti distribuzione carburante100920,7 %
impianti gestione e smaltimento rifiuti66013,5 %
attività industriali173635,5 %
attività mineraria962 %
attività da cave370,8 %
altra attività90518,5 %
attività  non precisata4419 %
 4883 

 

Tipologia di attivitàsuperficie in ettari%
impianti distribuzione carburante3772,1 %
impianti gestione e smaltimento rifiuti207611,3 %
attività industriali1340473,2 %
attività mineraria6313,4 %
attività da cave610,3 %
altra attività14197,7 %
attività  non precisata3481,9 %
 18316 

 

Scavo per estrazione serbatoioSISBON fornisce anche dati relativi allo stato del procedimento amministrativo di bonifica, normato dal Titolo V del Testo unico “Norme in materia ambientale” (D.Lgs 152/06), che disciplina gli interventi di bonifica e il ripristino ambientale e istituisce lo strumento "analisi di rischio sanitario ambientale sito-specifica" atto ad individuare se un sito sia o meno contaminato e, nel caso, quali siano gli obiettivi da raggiungere con la bonifica.

Nel dettaglio, con riferimento ai dati relativi allo stato del procedimento amministrativo di bonifica, distinguiamo 3 diverse tipologia:

  • siti attivi (con procedimento in corso)
  • chiusi con certificazione di avvenuto intervento di bonifica/MISP/MISO
  • siti chiusi con non necesssità di intervento di bonifica/MISP/MISO.. Quest'ultima voce aggrega dati relativi ai siti con diverse possibili conclusioni dei procedimenti, come, ad esempio, informazioni riguardanti:
  • siti in cui le misure preventive e le indagini preliminari sui contaminanti hanno evidenziato il non superamento delle concentrazioni soglia di contaminanzione (CSC)

oppure

  • siti in cui l'analisi di rischio sito-specifica ha mostrato che la concentrazione dei contaminanti presenti nel sito risulta inferiore alle concentrazioni soglia di rischio (CSR)
  • siti con non necessità di intervento in base a quanto stabilito dal vecchio piano regionale bonifiche (DCRT 384/1999
  • siti sui cui si è concluso un procedimento ai sensi del DM 471/1999.

I procedimenti attivi risultano 2176, molte le attività industriali (815) seguite da impianti di distribuzione carburante (383) ed attività di gestione e smaltimento rifiuti (363). 

I procedimenti conclusi, invece, risultano essere 499.

Tipologia di attivitàsiti attivisiti chiusi con non necessità di interventositi chiusi con certificazione di avvenuto intervento
 numerosuperficienumerosuperficienumerosupeficie
Distributore di carburante383199 454 104172 74
Gestione e smaltimento rifiuti363799 2361098 61 180
Industria8158957 736 3898184 549
Attività mineraria87625 4 0,035 5
Attività da cava2326 9235 12
Altre attività254612 58668365 124
Attività non precisata251144 183 2047 0,22
 217611362 2208 6010,03499 944,22

 

Ulteriori informazioni sono reperibili nella


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento

Numeri

Inviato da Utente anonimo il 17/08/2022 12:26

Nei grafici i siti di Lucca sono superiori a Livorno. Nel testo l'inverso

Numeri

Inviato da Utente anonimo il 22/08/2022 15:26

Grazie per la segnalazione, abbiamo provveduto a correggere il refuso nel testo. La Redazione Web

Strumenti personali