Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Documentazione Catalogo pubblicazioni ARPAT Qualità delle acque superficiali e andamento dei nutrienti in alcuni punti di monitoraggio della Valdinievole - Anno 2018

Dove Siamo

 

Qualità delle acque superficiali e andamento dei nutrienti in alcuni punti di monitoraggio della Valdinievole - Anno 2018

RSS
Dati raccolti tra il 2002 e il 2017

Anno di pubblicazione: 2019

A cura di: ARPAT - Dipartimento Pistoia

In collaborazione con:

Pagine: 32

Prezzo:

Il rapporto sullo stato delle acque nel comprensorio del Padule di Fucecchio prende in esame i dati del periodo 2002-2017 nei punti monitorati da ARPAT ed evidenzia le novità emerse nel 2017 allo scopo di verificare gli effetti degli interventi fatti e valutare le problematiche ancora presenti, soprattutto riguardo ai nutrienti e allo Stato ecologico e chimico dei corsi d'acqua.

La situazione dei corsi d’acqua della Valdinievole, si presenta nella sua generalità ancora lontana dal raggiungere gli obiettivi di qualità delle acque previsti dalla normativa (eccetto il punto di monitoraggio Nievole monte, Forrabuia).

Le prospettive che si profilano vannto distinte per quanto riguarda:

  • Stato chimico: nel 2017 i problemi sono registrati su sostanze (nonilfenolo, mercurio e nichel) che appaiono con concentrazioni critiche in maniera saltuaria e per le quali ci possiamo aspettare effetti risolutivi con gli interventi di miglioramento della depurazione, già in programma, o con interventi mirati una volta individuate le fonti specifiche;
  • Stato ecologico: il monitoraggio del 2017 evidenzia problematiche più consistenti. L’estensione della ricerca dei fitofarmaci ha riscontrato in alcune stazioni concentrazioni significative di AMPA, glifosate e pesticidi totali tali da impedire di raggiungere il livello di classificazione “buono”, corrispondente all’obiettivo fissato dalle norme per quasi tutti i corpi idrici della Valdinievole.
    Al momento, non si profilano interventi in grado di modificare significativamente l’impatto dell’uso di tali pesticidi. Si sottolinea inoltre che i fitofarmaci, essendo sostanze impiegate per la lotta ai parassiti delle piante o per l’eliminazione delle erbe infestanti (insetticidi, acaricidi, molluschicidi, erbicidi, etc), hanno anche un effetto negativo sulla vita degli organismi acquatici che determina, molto probabilmente, uno scadimento anche di altri parametri di classificazione. I pesticidi, infatti, possono influenzare anche la composizione e l’abbondanza delle specie vegetali e animali acquatiche, andando ad eliminare gli organismi più sensibili alle varie sostanze utilizzate nelle pratiche agricole e vivaistiche.
Azioni sul documento
Strumenti personali