Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Documentazione Catalogo pubblicazioni ARPAT Le sorgenti di emissione della Piana lucchese

Dove Siamo

 

Le sorgenti di emissione della Piana lucchese

RSS
Le principali fonti di emissione primaria di polveri e dei lori principali precursori

Anno di pubblicazione: 2015

A cura di: ARPAT - Settore Centro Regionale per la Tutela della Qualità dell'Aria

In collaborazione con:

Pagine:

Prezzo:

Il presente documento è redatto al fine di individuare le principali fonti di emissione primaria di polveri e dei lori principali precursori nei comuni della Piana lucchese

Il report dà conto dell'attività svolta per individuare le principali fonti di emissione primaria di polveri  e dei lori principali precursori nei comuni della Piana lucchese. A tale scopo sono stati analizzati i dati relativi all’anno 2010, ovvero dell' ultimo aggiornamento  disponibile dell’inventario regionale delle sorgenti di emissione. In estrema sintesi risulta che:

  • Polveri - PM10 e PM2,5

Circa il 60% delle emissioni primarie di PM10 e PM2,5 relative all’intera Piana lucchese sono imputabili alla combustione domestica di legna in caminetti e stufe tradizionali; contributi minori (circa il 10%) sono imputabili al trasporto locale – di cui in particolare l’80% è attribuibile a veicoli diesel.

  • Ossidi di azoto (NOx)

La principale fonte di emissione è il trasporto su strada; in particolare il 45% è dovuto a traffico locale - di questo circa il 90% è attribuibile a veicoli diesel – e il 24% a traffico su strade extraurbane; circa il 13% è imputabile alla combustione industriale.

  • Composti organici volatili non metanici (COVNM)

La principale fonte di emissione di tale inquinante è l’uso di solventi; in particolare si attribuisce alla lavorazione della schiuma poliuretanica, effettuata nel comune di Porcari, e alla lavorazione di pelli e cuoio; contributi minori (circa il 14% in totale) sono imputabili al trasporto locale – in particolare di questo l’85% è attribuibile ai ciclomotori – e alla combustione domestica di legna (7%).

  • Ossidi di zolfo (SOx)

Tra le principali fonti di emissione di tale inquinante c’è il riscaldamento domestico; circa il 30% delle emissioni deriva dalla combustione di legna - in particolare di questo circa l’80% è attribuibile alla combustione domestica di legna in caminetti e stufe tradizionali; circa il 35% dalla combustione di olio combustibile e gasolio; il 29% delle emissioni deriva dall’attività di produzione del vetro.

  • Ammoniaca (NH3)

Le principali fonti di emissione di tale inquinante sono l’uso di fertilizzanti in agricoltura e gli allevamenti di animali (circa il 50%); circa il 30% delle emissioni di ammoniaca deriva dalla combustione domestica di legna - in particolare di questo circa l’80% è attribuibile alla combustione domestica di legna in caminetti e stufe tradizionali.

Azioni sul documento
Strumenti personali