Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Documentazione Catalogo pubblicazioni ARPAT Il controllo dei depuratori superiori a 2.000 abitanti equivalenti nel 2018

Dove Siamo

 

Il controllo dei depuratori superiori a 2.000 abitanti equivalenti nel 2018

RSS
Oltre 500 ispezioni in tutta la Toscana

Anno di pubblicazione: 2019

A cura di: ARPAT - Settore Indirizzo Tecnico delle Attività

In collaborazione con:

Pagine: 61

Prezzo:

Durante il 2018 ARPAT ha effettuato oltre 500 ispezioni agli impianti di depurazione >2.000 AE in tutta la Toscana, controllando 179 depuratori su un totale di 192 censiti in tutta la regione (93%)

Il mancato completamento del programma di controllo è stato determinato sia dalla necessità di effettuare attività urgenti ed impreviste (emergenze ambientali, indagini delegate dalle Procure, ecc.), che dalla progressiva riduzione delle risorse di personale dell'Agenzia. Il dato è più evidente per le province di Pistoia e Massa Carrara, dove risultano controllati tra il 67 ed il 75% dei depuratori, seguite da Grosseto (86%) e Siena (97%).

L'impegno dell'Agenzia è stato orientato verso gli impianti che nel corso del tempo avevano evidenziato maggiori criticità e, comunque, che trattano la maggior quantità di acque reflue: nel 2018 sono stati controllati tutti i 27 depuratori che hanno una potenzialità >50000 AE e tutti quelli (51) compresi tra 10000 e 50000 AE, che rappresentano, complessivamente, quasi il 94% del carico di acque reflue depurate della Toscana.

Nel corso dei controlli sono emerse un numero significativo (107) di violazioni accertate da ARPAT, di natura più o meno grave (sanzioni amministrative o notizie di reato penale).

Quasi 1 ispezione su 5 ha fatto emergere una violazione e, in generale, risulta una netta prevalenza (85%) di violazioni minori sanzionate amministrativamente.

Dei 16 casi di violazione segnalate all’Autorità Giudiziaria (CNR) 5 derivano dal superamento di limiti allo scarico di sostanze pericolose.

Le violazioni hanno riguardato quasi il 30% degli impianti controllati, con maggiore incidenza in quelli presenti in provincia di Prato (86%), seguiti da Lucca (68%) e Massa Carrara (67%).

Significativo il fatto che 8 dei 9 depuratori più grandi (potenzialità >100.000 AE) sono stati oggetto, nel 2018, di almeno 1 violazione, così come buona parte (44%) di quelli compresi tra 50.000 e 100.000 AE.

È disponibile anche la versione sfogliabile della pubblicazione (sito Web esterno, si apre in una nuova finestra)

— archiviato sotto: ,
Azioni sul documento
Strumenti personali