Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2017 Progetto pilota per spostamenti a impatto zero tra Isola del Giglio, Monte Argentario e Orbetello

Dove Siamo

 

Progetto pilota per spostamenti a impatto zero tra Isola del Giglio, Monte Argentario e Orbetello

04/08/2017 07:45

Life for Silver Coast. I cittadini e gli operatori di settore diventano protagonisti nell’ideazione del servizio

Le amministrazioni comunali di Monte Argentario, Isola del Giglio ed Orbetello, hanno presentato il progetto di mobilità sostenibile "Life for Silver Coast" (LSC) che sarà finanziato dalla Commissione Europea nell'ambito del programma LIFE.

I tre comuni, insieme ai cittadini e agli operatori presenti sul territorio, adotteranno un piano innovativo che punta a creare un sistema di spostamenti alternativi ed ecocompatibili.  In questo territorio il turismo è uno dei più importanti settori economici; le tre città insieme hanno circa 29.000 residenti ed ospitano fino a 330.000 turisti all'anno.

Il piano, con un costo stimato di oltre 5 milioni di euro,si basa sull’utilizzo di veicoli esclusivamente elettrici che renderanno accessibili, specialmente per i turisti, aree non servite dai mezzi pubblici.

Nuovi battelli si occuperanno di trasportare gli utenti via mare e all’interno della laguna: due collegheranno Orbetello con le spiagge della Giannella e della Feniglia, altri due le coste dell’Argentario e del Giglio; un servizio shuttle, poi, farà spola tra la stazione dei treni di Orbetello e i centri cittadini.

Saranno inoltre a disposizione degli utenti in punti strategici del territorio city car, scooter elettrici e e-Bikes. Per la fruizione dei mezzi sarà a disposizione degli utenti il prototipo “ElectricHub 360”,
un’innovativa stazione di bike sharing dotata di pannelli fotovoltaici che racchiuderà nel suo cilindro i mezzi a pedalata assistita, proteggendoli dalle intemperie e dagli atti vandalici.

L’intero parco mezzi sarà corredato da un sistema di ricarica intelligente in grado di soddisfare le esigenze dei veicoli leggeri e di quelli pesanti, adottando soluzioni di alimentazione rapida sia terrestre che acquatica.

Gli elementi comunicheranno tra loro attraverso una piattaforma di infomobilità, che fornirà informazioni ai gestori e agli utenti, permetterà di acquistare i biglietti per usufruire dei servizi e consentirà ai fruitori di lasciare commenti, foto e impressioni relative ai nuovi mezzi.

L'intero sistema di mobilità intermodale, inoltre, sarà dotato di una rete di sensori fissi e mobili per la raccolta di dati ambientali utile a valutare lo stato di salute del territorio e i miglioramenti apportati.

Life for Silver Coast sarà pienamente operativo nell’estate del 2019. Il sistema prevede una fase di sperimentazione di circa due anni, al termine della quale il servizio entrerà a completo regime e sarà parte integrante del sistema di trasporto pubblico locale. Grazie al nuovo sistema di mobilità, si prevede una riduzione di circa 1.200 tonnellate di CO2.

Oltre ai comuni coinvolti, il progetto vedrà la partecipazione di aziende come Enel, Green Action, Newave Italia, Primordial, UNeed.IT e di enti e centri di ricerca attivi nel campo trasporti e della mobilità, come l’Università di Firenze e il Polo Mobilità Sostenibile (POMOS) della “Sapienza” Università di Roma, coordinatore del progetto

Azioni sul documento
Strumenti personali