Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2016 Qualità dell'aria a Parigi nel 2015

Dove Siamo

 

Qualità dell'aria a Parigi nel 2015

RSS
10/05/2016 08:00

I dati pubblicati da Airparif, l'organizzazione preposta al controllo della qualità dell'aria nella regione parigina

Nel 2014 erano più di 2,3 milioni i parigini esposti a livelli di inquinamento oltre i limiti di legge, soprattutto per particolato e biossido di azoto; nel 2015 tale numero scende a circa 1,5 milioni.

Rispetto all'anno precedente, i livelli di particolato e ozono si stabilizzano mentre il biossido di azoto registra un certo miglioramento. Questa situazione risente delle condizioni climatiche abbastanza favorevoli alla dispersione degli inquinanti per tutto il 2015, ad eccezione però degli episodi di inquinamento del mese di marzo. Inoltre, le temperature invernali molto miti hanno limitato l'uso del riscaldamento (tranne in febbraio).

Tuttavia, nel medio termine, è soprattutto una combinazione di misure normative ed incentivi per ridurre le emissioni, a livello europeo, nazionale e locale, che ha permesso questa tendenza al miglioramento.

Quanto all'ozono, si confermano i livelli registrati nel 2014: la sua soglia per la protezione della salute viene superata ogni anno in tutta la regione della capitale, ma soprattutto nelle zone rurali.

Al di là di questo inquinamento cronico, il 2015 è stato caratterizzato dallo stesso numero di episodi di inquinamento dell'anno precedente (16 giorni). Questi episodi hanno riguardato essenzialmente il particolato (oltre all'ozono durante l'estate) e, come per l'anno precedente, gli episodi relativi al particolato si sono concentrati nei primi tre mesi dell'anno, in particolare nel mese di marzo, dando luogo anche all'adozione di specifiche misure di emergenza.

In definitiva, nel 2015, cinque inquinanti superano ancora i regolamenti, a vari livelli: il biossido di azoto, il particolato (PM10 e PM2.5), l'ozono e il benzene.

I più colpiti sono i cittadini che vivono nella zona di Parigi e lungo le tratte stradali: in prossimità di certi assi stradali l'inquinamento è infatti fino a due volte superiore ai limiti annuali.

I livelli di PM10 e biossido di azoto sono anche oggetto di una controversia tra la Francia e la Commissione europea per il mancato rispetto delle direttive sulla qualità dell'aria.

Per approfondimenti: il bilancio della qualità dell'aria nella regione parigina nel 2015

Azioni sul documento
Strumenti personali