Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2016 Green Drop Award 2016: i vincitori

Dove Siamo

 

Green Drop Award 2016: i vincitori

26/09/2016 08:00

Il premio a due documentari che indagano il rapporto fra uomo e natura

La giuria, composta da Ricky Tognazzi, Simona Izzo e Antonio Disi, ha premiato ex aequo i film “Spira Mirabilis” di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti e “Voyage of Time: Life’s Journey” di Terrence Malick quali vincitori della quinta edizione del Green Drop Award, premio collaterale per il film che meglio interpreta la sostenibilità tra quelli in gara alla 73a Mostra del cinema di Venezia.

Per la prima volta il premio è stato assegnato ex aequo con le seguenti motivazioni della giuria: «La prima goccia va al film “Spira Mirabilis” di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti per aver raccontato l'aspirazione della natura all'immortalità; la seconda goccia, invece, va a “Voyage of time: life’s journey” di Terence Malick, opera con cui l'autore giunge al compimento di un discorso sulla natura avviato già dai tempi di “La Rabbia giovane”» e ancora: «Il fatto che artisti diversi abbiano esplorato temi contigui e in molti casi identici rende manifesto, oggi più che mai, la ricerca di una visione di insieme seppure nelle diversità che ci aiuti a capire il nostro posto nella storia del tempo e della vita».

La goccia d'acqua in vetro soffiato, realizzata dal maestro vetraio di Murano Simone Cenedese, che ogni anno viene consegnata come premio, contiene ogni anno la terra di un luogo simbolico; quest'anno per rimarcare il messaggio e dare ancor più risalto all'Enciclica “Laudato sì” di Papa Francesco, la terra è stata raccolta nella Selva di San Francesco ad Assisi. In cambio, alla Basilica di Assisi, è stato donato il compost prodotto dal Consorzio Italiano Compostatori (CIC), per sottolineare come la difesa dell'ambiente passi anche attraverso le buone pratiche dell'economia circolare.

Azioni sul documento
Strumenti personali