Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2015 Sistema nazionale di protezione ambientale e prospettive di riforma

Sistema nazionale di protezione ambientale e prospettive di riforma

12/04/2015 12:35

Il Presidente di ISPRA, Bernardo De Bernardinis, ad un seminario di ARPA FVG

Sistema nazionale di protezione ambientale e prospettive di riforma è il tema del seminario che si svolto nella sede dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente (ARPA) del Friuli Venezia Giulia a Palmanova (UD), nell'ambito di un ciclo di aggiornamento per i dipendenti dell'Agenzia (in precedenza si era parlato di comunicazione con ARPAT e di ambiente e salute con il direttore generale di ARPA Puglia, chiamati a operare in un settore che sta subendo rapidi mutamenti dal punto di vista legislativo e istituzionale.

Ad approfondire il tema del seminario è stato Bernardo De Bernardinis, presidente dell'Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (ISPRA), presente il direttore dell'ARPA del FVG Luca Marchesi. Come è stato rilevato nel corso dell'incontro, l'ARPA deve essere una struttura all'avanguardia, che opera su scala regionale, ma con forti legami con tutte le altre strutture nazionali che si occupano di ambiente.

La soluzione di problemi complessi, come sono quelli ambientali, passa infatti attraverso la capacità di fare rete, amplificando così le singole conoscenze e competenze. A livello nazionale il primo interlocutore è proprio l'ISPRA, Istituto vigilato dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, che svolge attività di ricerca, sperimentazione e monitoraggio, fungendo da aggregatore delle singole Agenzie regionali per l'Ambiente.

“Con l’approvazione della legge di riforma (Disegno di legge 1458), già approvata dalla Camera dei Deputati e ora al vaglio del Senato - ha spiegato De Bernardinis - verrà a costituirsi un vero e proprio Sistema nazionale a rete per la protezione dell’ambiente, composto da ISPRA e da tutte le agenzie regionali, che opereranno in modo coordinato tra loro, valorizzando le eccellenze locali e fungendo da autorevole interlocutore tecnico nelle relazioni internazionali”.

ISPRA, come ha il suo Presidente, ha 1.350 dipendenti distribuiti in 12 sedi e svolge numerosi compiti, oggi ancora poco noti; attualmente ISPRA è affiancato dalle Agenzie per la Protezione dell'Ambiente regionali o provinciali.

Il compito principale sarà quello di uniformare gli standard delle singole Agenzie, garantendo quindi metodi di rilevamento e informazioni univoche su scala nazionale; tra gli altri obiettivi anche quello di potenziare le reti di monitoraggio esistenti.

Azioni sul documento

ISPRA & Agenzie Regionali

Inviato da Utente anonimo il 16/04/2015 13:28

"attualmente ISPRA è affiancato dalle Agenzie per la Protezione dell'Ambiente regionali o provinciali"

Mi sembra un'affermazione esagerata: è ISPRA che dovrebbe supportare le agenzie su temi di rilevanza nazionale, ma non ho molti esempi.

ISPRA & Agenzie Regionali

Inviato da Utente anonimo il 16/04/2015 13:28

"attualmente ISPRA è affiancato dalle Agenzie per la Protezione dell'Ambiente regionali o provinciali"

Mi sembra un'affermazione esagerata: è ISPRA che dovrebbe supportare le agenzie su temi di rilevanza nazionale, ma non ho molti esempi.

Strumenti personali