Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2015 Qualità dell'aria in Toscana: novità in arrivo

Dove Siamo

 

Qualità dell'aria in Toscana: novità in arrivo

24/12/2015 08:00

Numero maggiore di stazioni, nuove aree di superamento dei limiti, aumento dei Comuni soggetti all'elaborazione ed approvazione dei Piani di Azione Comunale

Due recenti delibere della Giunta regionale apportano importanti novità nella gestione dell’inquinamento atmosferico in Toscana.

Viene ridisegnata in primo luogo la rete regionale di monitoraggio della qualità dell’aria: nella nuova rete le stazioni di misura saliranno a 37 rispetto alle 32 definite nella DGRT 1025/10. Tre sono già attive da tempo: nella Zona Valdarno Pisano e Piana Lucchese una stazione "traffico" a Lucca (LU-Micheletto), nella Zona collinare montana una "fondo" a Fornoli-Lucca e nella zona Costiera una "industriale" a Piombino (LI-Cotone) - vedi criteri di classificazione delle centraline "fondo", traffico", ecc.

Ulteriori due, una "fondo" nella Zona Valdarno aretino e Valdichiana a Figline (FI) e una "traffico" nella Zona costiera a Grosseto (Via Sonnino) dovranno essere attivate.

Inoltre la rete sarà arricchita di 2 stazioni mobili che da una parte potranno sopperire ad eventuali malfunzionamenti delle stazioni fisse di rete e garantire pertanto la continuità delle misurazioni e dall’altra potranno servire a svolgere indagini specifiche in particolari aree del territorio toscano.

Un’altra novità riguarda il numero dei Comuni che da ora in avanti dovranno attivare interventi contingibili ed urgenti a seguito delle rilevazioni quotidiane delle centraline della rete regionale per il monitoraggio della qualità dell’aria. Passano infatti da 31 a 63 i comuni toscani che dovranno dotarsi di un Piano di Azione Comunale (PAC), cioè il programma che prevede tutti gli interventi per combattere lo smog.

Il nuovo elenco dei comuni è frutto di un lavoro della Regione, che si è avvalsa anche dei contributi di Lamma ed ARPAT sulla rappresentatività spaziale delle stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria, lavoro che ha portato ad una nuova definizione dell'estensione territoriale da associarsi ai dati misurati dalle singole stazioni della rete. Si è dunque arrivati ad un nuovo disegno delle aree comprendenti più comuni omogenei per qualità dell'aria, comuni che dovranno predisporre i rispettivi PAC.

Le due Delibere in questione sono la 964 del 12/10/2015 e la 1182 del 9/12/2015.

Azioni sul documento

Qualità dell'aria in Toscana

Inviato da Utente anonimo il 30/12/2015 19:33

E LA VALTIBERINA CON GLI ESSICCATOI DI TABACCO????

Qualità dell'aria della Valtiberina

Inviato da Utente anonimo il 31/12/2015 11:47

E che si pensa di fare per il controllo della qualità dell'aria della Valtiberina (zona a cavallo fra Toscana e Umbria) soprattutto durante i periodi di essiccazione del tabacco?

tabacco uguale morte

Inviato da Utente anonimo il 30/05/2016 18:42

CONTROLLATE SENNò IO LO FARò CON ALTRI MEZZI IN VALTIBERINA UN ALTRA ESTATE DOVE CI AMMAZZANO CON QUESTO TABACCO E QUESTI FITOFARMACI!!!!

tabacco uguale morte

Inviato da Utente anonimo il 03/06/2016 20:35

Per le zone nelle quali non sono presenti centraline della rete regionale di monitoraggio della qualita' dell'aria, sononeffettuate campagne di monitoraggio con mezzi mobili. Vedi gli esiti di quelle effettuate in provincia di Arezzo http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2016/108-16/108-16-maleodoranze-tipo-di-urina-di-gatto-a-livorno-esiti-attivita-arpat I comuni possono richiedere ulteriori campagne all'Agenzia e alla Regione. Per segnalare eventuali comportamenti scorretti in campo ambientale puo' farlo utilizzando la mail urp@arpat.toscana.it La redazione di Arpatnews

tabacco uguale morte

Inviato da Utente anonimo il 03/06/2016 20:38

Scusi, ecco il link giusto dove puo' trovare gli esiti delle campagne di monitoraggio http://www.arpat.toscana.it/temi-ambientali/aria/monitoraggio/report/laboratori-mobili-arezzo

Strumenti personali