Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2014 Qualità dell’aria e composti dell’azoto

Dove Siamo

 

Qualità dell’aria e composti dell’azoto

RSS
06/10/2014 13:00

Una ricerca europea fa il punto sullo stato delle conoscenze

Il Rapporto Research findings in support of the EU air quality review, di cui abbiamo parlato nell’Arpatnews 88/2014, riassume per il largo pubblico, secondo il sistema delle FAQ, lo stato delle conoscenze sui temi più rilevanti inerenti la qualità dell'aria. Affrontiamo qui il tema Qualità dell’aria e composti dell’azoto, riproponendo lo schema domanda/risposta offerto dallo studio europeo che prende in esame i risultati di tutti i progetti di ricerca europei nel settore.


  • Come interagiscono qualità dell'aria ed effetti delle emissioni di azoto sui cambiamenti climatici?

Tra gli effetti dell'inquinamento da azoto sul clima troviamo il riscaldamento da ossido di diazoto e il contributo dell’azoto all’ozono troposferico. Il miglioramento nell'efficienza d’uso dell’azoto deve essere un elemento centrale tra le strategie di riduzione delle emissioni dei composti di azoto, coniugando le politiche di qualità dell’aria e del clima. Una migliore gestione dell’azoto per la qualità dell'aria produrrebbe infatti simultaneamente una riduzione nelle emissioni di ossidi di diazoto.

  • Un nuovo valore limite per l’ammoniaca aiuterebbe a raggiungere gli impegni della direttiva Habitat?

L'utilizzo di un nuovo valore limite di qualità dell’aria per l’ammoniaca potrebbe fornire sostanziali benefici per la direttiva Habitat. Il livello critico per l'ammoniaca è stato rivisto ed è stato adottato dalla Convenzione sull'inquinamento atmosferico transfrontaliero a lunga distanza (CLRTAP UNECE). Il livello critico potrebbe fornire la base per definire un valore limite per l’ammoniaca applicabile a reti di aree speciali di conservazione.
Un limite per l’ammoniaca fornirebbe vantaggi per gli habitat, il clima e la salute.

  • Qual è il costo economico complessivo dell’azoto in Europa?

I costi complessivi sono stimati in 70- 320.000.000.000 € all'anno, di cui il 57-59% è legato agli effetti dell'inquinamento atmosferico sulla salute umana. Lo studio dei costi di abbattimento di ammoniaca in tutta Europa indica un costo di 0,6 € miliardi di euro l'anno, pari a 0,8 Euro/kg di ammoniaca diminuita.

  • Come possiamo migliorare la valutazione degli effetti dell’inquinamento atmosferico sugli ecosistemi?

Anche se una prima valutazione degli effetti sull'ecosistema è stata fatta nell’ambito del rapporto European Nitrogen Assessment, l’abbinamento della relazione dose-risposta e della valutazione del danno non è stato ancora sufficientemente sviluppato, ad esempio per ottimizzare le misure di controllo.

  • Quali sono i costi e i benefici del controllo delle emissioni di ossidi di azoto e ammoniaca?

Mentre nel corso degli ultimi decenni si sono ridotte le emissioni di ossidi di azoto, l’ammoniaca resta oggi l’inquinante prioritario tra i composti dell’azoto: il controllo futuro delle emissioni di ammoniaca si conferma quindi una priorità.
In Europa sono state finora adottate solo alcune delle misure tecniche disponibili per l’ammoniaca: molte di queste sono anche a basso costo.
Il costo totale dell’inquinamento da azoto in Europa a 27 è molto maggiore dei costi per ridurre le emissioni.

— archiviato sotto: , , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali