Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2014 Da circa 80.000 anni usiamo il fuoco di legna, ma abbiamo imparato a farlo bene?

Dove Siamo

 

Da circa 80.000 anni usiamo il fuoco di legna, ma abbiamo imparato a farlo bene?

15/12/2014 13:05

Una scheda informativa ed un video a cura dell'ARPA Friuli Venezia Giulia

Forse non sappiamo tutto quello che c’è da sapere sulla combustione corretta della legna da ardere e delle biomasse in generale.

Per esempio si tratta di materiali rinnovabili e dunque sostenibili, ma in termini di emissioni il loro peso sulla qualità dell’aria può essere davvero molto significativo.

Il fumo della legna contiene oltre 100 diversi composti chimici, alcuni dei quali molto dannosi per la salute, ed è stato rilevato che la maggior parte delle polveri sottili che cadono sulle nostre case sono emesse da caminetti e stufe a legna, tanto che nei momenti di maggiore concentrazione di queste polveri nell’aria sarebbe sconsigliato l’uso degli impianti di combustione che li utilizzano.

Infatti, per ogni kg di legna un caminetto aperto emette 8 grammi di PM10, una stufa tradizionale 4 grammi, una stufa a pellet 1 grammo, mentre un m3 di gas naturale, che equivale a 2,5 kg di legna, solo 0.006 grammi. 

L’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente del Friuli Venezia Giulia ha realizzato una scheda informativa ed un video esplicativo per informare i cittadini sulle modalità più corrette e meno inquinanti per l’utilizzo della legna: cosa bruciare, cosa non bruciare, come ottenere la migliore combustione possibile e gli accorgimenti da attuare per ottenere una migliore qualità dell’aria.

Azioni sul documento

Da circa 80.000 anni usiamo il fuoco a legna, ma abbiamo imparato a usarlo bene?

Inviato da Utente anonimo il 18/12/2014 10:54

Molto bene per l'info (la legna secca a quale u% ). Richard Wrangham , un antropologo statunitense, e studioso dei primati, sostiene che l'evoluzione umana è stata implementata ca. 1.9M anni fa (da h. abilis a h. erectus) con la scoperta della cottura dei cibi con il fuoco, che ne incrementa enormemente il potere nutritivo, liberando così molto più "tempo libero" per attività che hanno permesso una forte evoluzione, la diminuzione dello stomaco e soprattutto della bocca (che ha permesso la crescita della scatola cranica ecc...) CFR. "L'intelligenza del Fuoco R.W. Bollati Boringhieri cari saluti Enrico Valentini

Strumenti personali