Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2014 Auguri per un buon 2015

Dove Siamo

 

Auguri per un buon 2015

RSS
31/12/2014 11:00

ARPAT anche nel 2014 ha effettuato più di 4.000 ispezioni ambientali, ha analizzato nei propri laboratori circa 19.000 campioni, ed ha espresso circa 4.500 pareri su richiesta delle diverse amministrazioni locali, ha avuto oltre 5.200 contatti con il pubblico attraverso l'URP e registrato più di 1.400.000 visite al sito Web

Oggi è l'ultimo giorno del 2014.

ARPAT in questo anno è stata fortemente impegnata su tanti fronti, ed attraverso le pagine del sito Web dell'Agenzia e la nostra newsletter ARPATnews abbiamo cercato di informare i cittadini, le associazioni, i comitati, le organizzazioni di categoria, gli enti e le aziende che operano in Toscana, ma non solo, di quanto facciamo quotidianamente.

L'Agenzia reputa fondamentale rendere disponibili a tutti i dati e le informazioni ambientali che rileva attraverso la propria attività di controllo e monitoraggio dell'ambiente della nostra regione. Per questo, ad esempio, da tre anni pubblica regolarmente l'Annuario ARPAT dei dati ambientali, che quest'anno è stato affiancato anche da fascicoli provinciali.

ARPAT anche nel 2014 ha effettuato più di 4.000 ispezioni ambientali, ha analizzato nei propri laboratori circa 19.000 campioni, ed ha espresso circa 4.500 pareri su richiesta delle diverse amministrazioni locali, ha avuto oltre 5.200 contatti con il pubblico attraverso l'URP e registrato più di 1.400.000 visite al sito Web.

Fra le questioni più rilevanti sulle quali sono stati impegnati i circa 700 operatori dell'Agenzia, che hanno dato il loro contributo fondamentale sia se direttamente interessati alle attività primarie che in quelle di supporto,  ricordiamo:

  • il monitoraggio delle acque dell'isola di Giglio fino alla rimozione del relitto della Costa Concordia, e più in generale tutta l'attività di monitoraggio della qualità del nostro mare, specialmente per quanto riguarda le acque di balneazione nel periodo estivo, che nel 2015 vedrà i primi effettivi dell'attuazione della Direttiva Europea sul Mare (Marine Strategy);
  • le situazioni di emergenza ambientale dovuta a comportamenti dolosi di smaltimento illegale dei rifiuti ovvero al persistere di situazioni di mancata bonifica di siti contaminati in varie situazioni del territorio regionale: dall'ex cava Calce Paterno (Vaglia -.FI), all'ex area Cjmeco (Aulla - MS), alle Cave di Quarata (Arezzo), ed a varie altre; ma anche le situazioni di emergenza dovute a eventi improvvisi (ad es. incendi) o a eventi climatici estremi, come la tromba d'aria che ha investito l'area di Cerreto Guidi (Firenze) con la dispersione di molte coperture in cemento-amianto;
  • il Progetto speciale, voluto dal Presidente della Giunta Regionale, per il potenziamento dei controlli ambientali e sanitari finalizzati a contrastare l'insorgere di un’economia illegale in alcuni settori produttivi della Toscana (tessile, rottami metallici, rifiuti liquidi, ecc.;
  •  una sempre maggiore attenzione al controllo delle emissioni degli impianti di produzione energetica, con particolare attenzione alla geotermia ed alle biomasse;
  • il monitoraggio effettuato durante lo smantellamento (decommissioning) dell'ex reattore nucleare CISAM di a San Piero a Grado (Pisa);
  • il monitoraggio della qualità dell'aria, il controllo delle emissioni degli inceneritori ed i tanti controlli effettuati a seguito di segnalazioni da parte dei cittadini per situazioni di maleodoranze prodotte da impianti di smaltimento di rifiuti, ma anche attività industriali (Comprensorio del Cuoio, Livorno, ecc.);
  • il controllo delle acque dei corsi di acqua che troppe volte sono stati interessati da sversamenti di sostanze inquinante e da morie di pesci, ed il costante monitoraggio della qualità delle acque superficiali e sotterranee;
  • l'attività di controllo dei lavori per le grandi opere infrastrutturali di mobilità ed il supporto tecnico agli Osservatori Ambientali che verificano il rispetto delle prescrizioni date in sede di Valutazione di Impatto Ambientale;
  • il supporto tecnico dato alla Regione Toscana riguardo ai Siti in bonifica di Interesse Regionale (già appartenenti ai Siti di Interesse Nazionale).

Siamo sicuri che il 2015 ci darà tante ulteriori occasioni di lavorare per la salvaguardia dell'ambiente della Toscana, nell'interesse di tutti i cittadini.

Auguri per un buon 2015

Azioni sul documento
Strumenti personali