Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2013 Sostanze lesive dell'ozono in Europa

Dove Siamo

 

Sostanze lesive dell'ozono in Europa

08/10/2013 15:00

In un recente report dell'Agenzia europea per l'ambiente i dati aggregati su produzione, importazione, esportazione, distruzione e uso di sostanze che riducono lo strato di ozono aggiornati al 2012

Nel 1989 è entrato in vigore il protocollo di Montreal che ha l’obiettivo di eliminare gradualmente la produzione e l’uso di quelle sostanze che contribuiscono al danneggiamento dello strato d’ozono. In Europa, l’uso e il commercio di queste sostanze è regolato dal Regolamento (CE) 1005/2009 (ODS Regulation) che stabilisce le norme in materia di produzione, importazione, esportazione, immissione sul mercato, uso, recupero, riciclo, rigenerazione e distruzione delle sostanze che riducono lo strato di ozono e dei prodotti e apparecchiature che contengono o dipendono da tali sostanze.

Il report appena pubblicato sintetizza i dati più recenti relativamente al regolamento 1005 e dà uno sguardo all’andamento 2006-2012. Le informazioni fornite dalle aziende sono riservate e per questo il report fornisce solo dati aggregati.

  • La produzione di queste sostanze in Europea continua a diminuire dal 2006 (significativo calo a causa della crisi economica del 2009). La produzione in Europa è quasi esclusivamente per utilizzo di materia prima.
  • La quantità di sostanze importate è diminuita stabilmente tra il 2006 e il 2010 (da 18608 a 8880 tonnellate, mentre dal 2010 al 2012 la quantità è stata relativamente costante.
  • Nel 2012 la quantità di sostanze esportate ha continuato a diminuire dal 2006; nel 2012 è stata approssimativamente 1700 tonnellate in meno rispetto al 2011.

In Italia è stato recentemente pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Dlgs 13 settembre 2013, n. 108 recante la Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni derivanti dal Regolamento (CE) n. 1005/2009 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono. A partire dall'entrata in vigore del Decreto (12/10/2013) si applicheranno le nuove sanzioni (che arrivano sino a tre anni di arresto e ad euro 150.000 di ammenda).

— archiviato sotto: , , , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali