Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2013 Fonti informative ad accesso gratuito su Internet per ricerche in ambito ambientale e tossicologico

Dove Siamo

 

Fonti informative ad accesso gratuito su Internet per ricerche in ambito ambientale e tossicologico

11/02/2013 15:15

Uno strumento di lavoro per tutti coloro che devono intervenire nelle emergenze ambientali o che si occupano di inquinamento negli ambienti di vita e di lavoro

Il Settore Via Vas e il Settore Comunicazione, Informazione e Documentazione di ARPAT, allo scopo di facilitare un immediato e agevole accesso alle fonti informative sulle proprietà delle sostanze chimiche, hanno predisposto una rassegna bibliografica di banche dati, a accesso gratuito, dove è possibile trovare, oltre alle informazioni di base per l’identificazione delle sostanze, anche indicazioni su aspetti specifici come: i settori d’uso, i valori limite esistenti, la gestione in emergenza, le proprietà chimico fisiche e tossicologiche, il potenziale rischio per la salute umana.
L’intento è quello di fornire uno strumento di lavoro utilizzabile non solo dai tecnici di ARPAT chiamati a intervenire, anche attraverso una gestione integrata con le ASL, nelle emergenze ambientali, ma anche da altri operatori coinvolti in valutazioni inerenti l’inquinamento sia in ambiente di vita che di lavoro.
La rassegna segnala 18 banche dati, nazionali e straniere, gestite da enti accreditati (enti governativi, regionali, istituti pubblici, etc.) che garantiscono l'aggiornamento sistematico delle informazioni online, ed è strutturata in schede sintetiche informative delle principali caratteristiche di ogni singola banca dati e il relativo link di accesso.
Aprono il repertorio le banche dati bibliografiche, seguono quelle fattuali (prima le italiane e poi le straniere) e chiudono i portali, come ChemIDplus, che svolgono la ricerca all’interno di una rosa di banche dati.
Fra le banche dati in italiano segnaliamo la International Chemical Safety Cards (ICSC), curata dall’International Labour Organization (ILO), che vede la partecipazione di alcune agenzie ambientali, fra cui ARPAT, al processo continuo di elaborazione e revisione (peer-review) delle schede nell'ambito di un gruppo di studiosi afferenti a istituzioni di tutto il mondo. Dal 2001 la versione in italiano della ICSC è curata dalle Agenzie ambientali e periodicamente diffusa attraverso CD, anche allegato al Giornale degli igienisti industriali. Arpa Emilia Romagna è coordinatrice del gruppo di lavoro italiano e dal suo sito è accessibile la banca dati ICSC che viene continuamente allineata con la versione originale in inglese.
La rassegna è la revisione di quella elaborata nel 2007 per il corso di aggiornamento in Epidemiologia ambientale organizzato da ARPAT, in collaborazione con l’Agenzia Regionale di Sanità della Toscana

Azioni sul documento
Strumenti personali