Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2021 071-21

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Giovedì 08 aprile 2021

Schiume e maleodoranze nel rio Vitiana di Empoli (FI)


RSS

Rilevate schiume e maleodoranze nel rio di Vitiana ed irregolarità del sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue dell’azienda di Via Lucchese con superamento del limite autorizzato per il parametro azoto totale

I tecnici del Dipartimento ARPAT del Circondario Empolese sono intervenuti a seguito segnalazione di un cittadino circa la presenza di schiume e maleodoranze nel rio Vitiana di Empoli.

L’ispezione è iniziata dalla foce del rio che si immette nel fiume Arno ed è proseguita presso l’azienda Lapi Gelatine di Via Lucchese con prelievo di campioni di acqua del rio e dello scarico produttivo dell’azienda, che sono stati sottoposti ad analisi.

Al momento del sopralluogo l’acqua che proveniva dal rio Vitiana e scaricava in Arno formava schiume di colore bianco, mentre l’acqua del tratto lungo Via Valdarno era visibilmente torbida ed emanava un odore caratteristico dolciastro e pungente di sostanza organica.

A monte dell’azienda l’acqua del rio si presentava decisamente più limpida e inodore.

tubo scarico

È stata quindi effettuata un’ispezione all’interno dello stabilimento industriale dove era in atto lo scarico produttivo che recapitava nel rio Vitiana.

Gli accertamenti e l’esito delle nostre analisi hanno evidenziato irregolarità sul sistema di raccolta e trattamento delle acque reflue dell’insediamento produttivo ed il superamento dei limiti autorizzati per il parametro azoto totale; la forte presenza di ammoniaca riscontrata nelle analisi dei reflui produttivi conferma un loro inadeguato trattamento depurativo.

schiume rio VitianaLe analisi del campione di acqua del rio Vitiana prelevato a valle dello scarico dell’azienda hanno mostrato un incremento di azoto totale e ammoniacale rispetto ai valori molto più bassi del campione prelevato a monte, evidenziando quindi un peggioramento dello stato delle acque del rio imputabile agli scarichi dell’insediamento.

L'esito degli accertamenti è stato riferito agli enti ed autorità competenti e proposta l’adozione dei provvedimenti per la regolarizzazione del sistema di trattamento degli scarichi dell’insediamento produttivo anche al fine di ricondurli entro i limiti autorizzati.

Lo stabilimento della Lapi Gelatine ha attualmente in corso un procedimento regionale di verifica di assoggettabilità a VIA sul quale ARPAT ha fornito il proprio supporto tecnico agli enti tenendo conto anche delle risultanze di questo accertamento. Il progetto prevede l’ampliamento dell’insediamento di Via Lucchese con incremento della linea produttiva ed interventi di innovazione ed implementazione dell’impianto di depurazione che potranno migliorarne l’efficienza depurativa.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali