Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2020 150-20

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Mercoledì 28 ottobre 2020

Mobilità su ruote: come sta cambiando?


RSS

La redazione Arpatnews ha chiesto a Massimo Ciuffini, esperto di mobilità sostenibile, come si sta evolvendo la mobilità dolce su due ruote

La mobilità su ruota è nella rosa delle possibili soluzioni ai problemi di congestionamento delle città e di inquinamento atmosferico e acustico, tanto che alcune amministrazioni territoriali stanno facendo una vera e propria corsa alla creazione di nuove piste per mezzi su ruota.

La redazione di Arpatnews ha pensato di rivolgere qualche domanda a Massimo Ciuffini, architetto con una solida competenza nel settore della mobilità sostenibile maturata negli anni sia per l'attività svolta da libero professionista che per gli incarichi ricoperti, sia presso la Fondazione Sviluppo Sostenibile, con il ruolo di Coordinatore Mobilità Sostenibile sia nell'Osservatorio Nazionale Sharing Mobility, dov'è coordinatore di team.

bike sharingNegli ultimi tempi, abbiamo visto nascere piste ciclabili anche in carreggiata, delimitate da semplice segnaletica a terra, questo ha creato una convivenza tra auto, biciclette, monopattini e altri mezzi di mobilità su ruote;  è un bene ? Cosa ne pensa ?

La convivenza tra biciclette, auto e altri mezzi è positiva, va vista come un’opportunità, non solo per chi utilizza la mobilità su 2 ruote per muoversi, o per chi intende farlo, ma anche per chi progetta e realizza le piste ciclabili e gli spazi dedicati alla mobilità alternativa.

La condivisione di uno stesso spazio da parte di più mezzi può creare dei conflitti che possono essere risolti riducendo la velocità, in sostanza, ampliando le zone dove la velocità massima consentita è 30 km/h e allargando gli spazi delle piste ciclabili.

Oggi, con le nuove norme, c’è la possibilità di realizzare percorsi ciclabili velocemente e a basso costo, parliamo di un vantaggio rispetto al passato, anche se non ancora colto a pieno, perché accada, è necessario che crescano le competenze di chi progetta e realizza questi percorsi all’interno delle nostre amministrazioni. Bisogna, prima di tutto, puntare a:

  • dare continuità alla rete ciclabile
  • eliminare interruzioni e intersezioni
  • garantire la visibilità per rendere fruibili i percorsi in sicurezza.

Dai recenti dati pubblicati sul bike sharing, emerge che le biciclette condivise, in modalità free floating, sono utilizzate per percorsi molto brevi e tempi altrettanto esigui, crede che sia un segnale positivo o negativo ?

monopattinoIl bike sharing sta cambiando, siamo solo all’inizio del processo, si stanno affacciando sul mercato nuovi operatori che propongono biciclette più leggere e maneggevoli, a pedalata assistita e nuovi mezzi come i monopattini.

Se all’inizio il mercato apparirà convulso, nel giro di pochi anni, resteranno solo i migliori e avremo un’offerta di qualità anche nel settore della mobilità “dolce”.

I dati mostrano che in molte città il percorso effettuato con le biciclette in sharing free floating è breve in termini di chilometraggio e tempi, questo non va generalizzato, infatti non vale per tutte le città e rimane, comunque, un elemento positivo in quanto mostra che ci sono persone che hanno abbandonato l’auto e optato per mezzi alternativi.

I cambiamenti non riguardano solo gli operatori sul mercato, ma anche la nascita di una nuova sensibilità da parte delle amministrazioni locali, che, come già accade in Europa, si cominciano a mostrare più attente e pronte nel controllo, vietando, ad esempio, la “sosta selvaggia” di biciclette e monopattini in sharing, che può creare qualche disagio, in particolare ai pedoni, oltre che problemi di estetica, soprattuto, nei centri storici di pregio.

La mobilità ciclabile elettrica è diventata attrattiva, catturando a sé una fascia di persone che prima non avrebbero usato la bicicletta, con un aumento di potenziali ciclisti e vantaggi per l’ambiente; qualche domanda sulla bicicletta a pedala assistita, però, si pone, sia sull’approvvigionamento energetico, non sempre da fonti alternative, che sulla gestione delle batterie, una volta divenute rifiuti. Dal suo punto di vista “benefici” e “malefici” ambientali si possono compensare?

ebikeL’ e-bike ha il grande vantaggio di attrarre verso la mobilità sostenibile un segmento ampio di persone che altrimenti non utilizzerebbero la bicicletta. Si tratta di un piccolo mezzo piuttosto leggero in grado di trasportare anche 80 kg di peso utilizzando una potenza esigua, quindi con un basso dispendio energetico. Questo costituisce un elemento di positività a fronte del quale c’è l’interrogativo legato al ciclo di vita della batteria. Su questo aspetto, al momento, gli studi non sono univoci ma l’e-bike rimane comunque un’opportunità da sfruttare per superare il predominio delle quattro ruote.

L’introduzione del noleggio a medio e lungo termine delle biciclette a pedalata assistita, con l’assicurazione sul furto, potrà rappresentare la vera svolta per un’ampia diffusione di questo mezzo, ancora piuttosto costoso e troppo spesso oggetto di furti.

Per creare percorsi di mobilità sostenibile bisogna ridisegnare la città, ripensare gli spazi e talvolta i tempi, si tratta di cambiamenti importanti, in grado di generare anche contrasti tra portatori di interessi contrari ma agguerriti (commercianti contro amministrazioni, cittadini contro turisti). Non sarebbe necessaria una partecipazione maggiore e un coinvolgimento più ampio?

Il tema della condivisione e della partecipazione nel ridisegnare gli spazi urbani è fondamentale. Oggi sempre più cittadini chiedono alla politica di attuare scelte ambientalmente sostenibili ma, poi, non sempre si mostrano propensi al cambiamento o alla perdita di vantaggi o abitudini assodate.

La politica ha il compito di avviare processi di partecipazione volti al cambiamento ma deve farlo ascoltando veramente le esigenze dei cittadini e delle varie parti in gioco, in modo da non creare contraccolpi nell’opinione pubblica in grado di rallentare il processo di affermazione della mobilità alternativa, sostenibile. Non si possono fare scelte radicali, bisogna introdurre piccoli ma concreti cambiamenti, frutto di una capacità progettuale intelligente. Tutto questo sarà più facile avvalendosi di processi di condivisione, di vero ascolto, che convincano ad abbandonare lo status quo in contrasto con le attuali esigenze di sostenibilità a favore di soluzioni che, comunque, devono sempre garantire la sicurezza dei cittadini.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: ,
Azioni sul documento

Cambiamenti radicali cercasi

Inviato da Utente anonimo il 28/10/2020 11:25

Cito dall'intervista: "Non si possono fare scelte radicali, bisogna introdurre piccoli ma concreti cambiamenti, frutto di una capacità progettuale intelligente."

Sembra che la sindaco di Parigi non sia d'accordo con l'opinione di Ciuffini, e meno male direi!

Cambiamenti radicali cercasi

Inviato da Utente anonimo il 30/10/2020 18:57

Ogni opinione è legittima, per fortuna, ancora ognuno può esprimere, in modo libero, la propria idea e visione. Personalmente credo che i territori siano molto diversi e bisogna tenerne conto. A Parigi come a Milano, i Sindaci (Hidalgo e Sala) almeno nei loro proclami, hanno una politica molto più "spinta" su certi temi, come la mobilità "dolce" ma le loro posizioni non possono essere applicate in generale, quello che voglio dire è che Parigi non è la Francia e Milano non è l'Italia. Ci sono zone e città, nel nostro Paese, dove si possono fare scelte più radicali e altre in cui è più facile ottenere qualche successo con politiche dei "piccoli passi". Concludo dicendo che quello che conta, almeno, per me è "muoversi", non importa a quale velocità, quello che è importante è affermare una cultura più attenta all'ambiente dove ognuno è disponibile ai cambiamenti perchè ci crede veramente.

Stefania Calleri

Stefania Calleri

Strumenti personali