Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2018 047-18

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Venerdì 20 aprile 2018

I controlli agli impianti AIA a Livorno


Esito dei controlli del Dipartimento ARPAT di Livorno presso le installazioni soggette all’Autorizzazione Integrata Ambientale nel 2017

Nella parte di territorio livornese di competenza del Dipartimento ARPAT di Livorno (territorio compreso tra i comuni di Livorno e Castagneto Carducci) sono presenti 27 installazioni soggette ad Autorizzazione Integrata Ambientale. Di queste, 9 rientrano, per dimensione e tipologia di attività, nelle competenze del Ministero dell'Ambiente (nel seguito AIA nazionali) e 18 sono invece di competenza della Regione Toscana (nel seguito AIA regionali).

Nel corso del 2017 il Dipartimento di Livorno ha effettuato controlli di tipo:

  • programmato presso 17 aziende di cui 5 AIA nazionali e 12 AIA regionali (pianificato nel mese di dicembre 2016);
  • non programmato presso 1 azienda con AIA nazionale, per problematiche legate all'evento alluvionale che ha colpito la città di Livorno nel mese di settembre 2017, e 2 aziende con AIA regionale, per attività di supporto alla magistratura.

Nella tabella sottostante è riportato l’elenco completo di tutte le installazioni AIA, con evidenziate in verde quelle soggette a controllo programmato nel 2017:

tabella controlli aia livorno

I controlli programmati prevedono un livello di approfondimento molto più elevato rispetto ai secondi. In particolare, in accordo all’Istruzione Operativa di ARPAT entrata in vigore dal 1/09/2015 (Modalità operative per lo svolgimento delle ispezioni ambientali presso aziende AIA provinciali), oltre alle attività di campionamento ed analitico per la verifica del rispetto dei Valori Limite di Emissione (VLE) riportati nell’Atto autorizzativo (AIA), vengono effettuate verifiche di tipo documentale riguardanti i seguenti aspetti:

  • Aspetti generali e Sistema di Gestione Ambientale (SGA)
  • Materie prime
  • Scarichi idrici
  • Emissioni in atmosfera
  • Rifiuti
  • Rumore
  • Applicazione delle BAT - Migliori Tecniche Disponibili riportate nei BREF (Reference Document on Best Available Techniques) dello specifico settore produttivo

Queste verifiche possono portare ad evidenziare proposte di miglioramento e/o Non Conformità (NC) rispetto alle prescrizioni contenute nell’AIA, relativamente alle varie matrici ambientali. In quest’ultimo caso si possono avere violazioni amministrative e/o penali, a seconda della gravità della Non Conformità.

Nella seguente tabella sono sinteticamente riassunti gli esiti di tali controlli.

Esiti dei controlli 2017
                     Aspetti generali e SGA Materie prime Scarichi idrici Emissioni in atmosfera Rifiuti Rumore Acque sotterranee Applicazione delle BAT
Azioni di miglioramento 7 3 7 12 7 2 1 2
NC (violazioni amministrative) 1   1 2        
NC (violazioni penali)     2   4      

Per tutti gli impianti per i quali nel 2017 non era stata programmata l'ispezione AIA con sopralluogo è stata svolta una verifica di tipo documentale che riguarda i contenuti del Report Annuale che ogni installazione ha l'obbligo di inviare entro il 30 aprile di ogni anno. Tale documento riguarda gli esiti delle attività di verifica previste dal Piano di monitoraggio e controllo dell'autorizzazione AIA.

Per quanto riguarda infine i controlli di tipo non programmato, questi sono stati originati da anomalie di varia natura. I risultati di tali controlli sono stati prontamente segnalati alla Regione Toscana, in qualità di Autorità Competente al rilascio del provvedimento dell’AIA, per il riesame della stessa e, nel caso, all’Autorità giudiziaria.

Testo a cura di Francesca Andreis


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento

1

Inviato da Utente anonimo il 06/05/2018 15:17

1

Strumenti personali