Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2017 027-17

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Mercoledì 08 febbraio 2017

Raccolta differenziata: obiettivo 65% nei comuni toscani


RSS

La Regione Toscana ha reso noto l'elenco dei comuni che hanno raggiunto e superato l'obiettivo del 65% di raccolta differenziata nel 2015

La Regione Toscana ha reso pubblici i dati dei 60 comuni che hanno raggiunto e superato l'obiettivo del 65% di raccolta differenziata nel 2015. Si tratta di quei comuni toscani, sui 276 complessivi, con elevate quantità di rifiuti raccolti in modo differenziato.

situazione comuni toscani - generale

Elenco nominale dei comuni con rd superiore 65%

I comuni delle province di Firenze, Prato e Pistoia

situazione comuni rd > 65% ato centroLe province di Firenze, Pistoia e Prato, che corrispondono all'Ato centro, risultano il territorio con le migliori performance a livello regionale: dei 60 comuni che hanno raggiunto il 65% di raccolta differenziata ben 31 si trovano in questo ambito territoriale.

Nella sola provincia di Firenze troviamo 20 dei 60 comuni. Di questi 20, 11 si trovano nel territorio dell'Empolese.

Nella provincia di Prato, invece, sono 5 su 7 i comuni con una raccolta differenziata superiore al 65%, mentre a Pistoia sono 6 su 14.

I comuni delle province di Lucca, Pisa, Massa Carrara e Livorno

situazione comuni rd > 65% ms lu pi liSe guardiamo alle province della costa, ovvero Massa Carrara, Pisa, Livorno e Lucca, troviamo 27 comuni che hanno raggiunto l'obiettivo del 65%, ma ricadono nelle sole province di Pisa e Lucca. Nessun comune appartiene alle province di Massa Carrara e Livorno.

Lucca, con una percentuale di raccolta differenziata pari a 72,04%, è l'unica città capoluogo di provincia ad avere raggiunto e superato l'obiettivo del 65% a livello regionale.

I comuni delle province di Arezzo, Siena e Grosseto

Per quanto riguarda invece le province che rappresentano la zona sud della nostra regione, troviamo che Chiusi, con una percentuale di raccolta differenziata del 69,83%, e Magliano in Toscana, con il 71,79%, sono gli unici due comuni che rappresentano rispettivamente le province di Siena e Grosseto. Nessun comune della provincia di Arezzo raggiunge il 65% di raccolta differenziata.

Comuni con raccolta superiore al 65% e popolazione residente

Se, invece, analizziamo i dati riportati dalla Regione, facendo riferimento alla popolazione residente in quelli con le migliori performances di raccolta differenziata, risulta che:

Elenco comuni con rd sup 65 suddivisione per abitanti

  • 8 comuni sono sotto i 5000 abitanti
  • 33 hanno tra i 5000 e i 15 000 abitanti
  • 14 superano i 15000 abitanti ma sono sotto i 30000
  • 4 sono sopra i 30000 e Lucca supera i 50000 abitanti

Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento

Raccolta differenziata

Inviato da Utente anonimo il 08/02/2017 18:46

Penso che per raggiungere obbiettivi più lusinghieri occorra favorire la collaborazione dei cittadini e non complicarla come mi sembra sia qui a Firenze con incomprensibili chiavette, bocche dei contenitori anguste e centri di raccolta degli speciali inesistenti od in capo al mondo, per non parlare di un ritiro sciatto, che spesso lascia le isole più sporche di prima, non dando un esempio edificante. Grazie per l'opportunità che almeno l'ARPAT offre ai cittadini.

raccolta differenziata

Inviato da Utente anonimo il 10/02/2017 10:10

In provincia di Prato non ci sono sei comuni che raggiungono il 65% ma cinque, mancano Montemurlo e Prato

raccolta differenziata

Inviato da Utente anonimo il 10/02/2017 12:33

La ringraziamo per la segnalazione. Abbiamo provveduto a correggere il testo e l'immagine. La Redazione Web

Miglioramento raccolta differenziata

Inviato da Utente anonimo il 09/11/2017 17:41

Per umentare ancora le percentuali di raccolta, bisognerebbe che ci fosse un unico metodo di raccolta per tutta la Toscana. Con bidoncini, bidoni e carrellati dello stesso colore per ogni tipologia di rifiuto. Talvolta capita che da comune a comune oltre che il colore dei carrellati cambi anche il metodo di raccolta (esempio: il multiamteriale in alcuni comuni comprende il Tetrapck in altri no oppure comprende il vetro in altri no e ci sono moltissimi di questi esempi). Bisognerebbe uniformare la raccolta in tutta la regione per migliorare ancora. Inoltre bisognerebbe sanzionare seriamente ed in modo deciso chi non esegue la raccolta differenziata in modo corretto. In questo modo le percentuali aumenterebbero di molto anche in tanti altri comuni che ora non raggiungono la quota del 65% e migliorerebbe anche la qualità del materiale raccolto, diminuendo la parte che viene scartata della differenziata.

Miglioramento raccolta differenziata

Inviato da Utente anonimo il 09/11/2017 18:25

Tutte consierazioni di buon senso condivisibili. La Redazione

Strumenti personali