Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2016 102-16

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 102 - Mercoledì 25 maggio 2016

Cantieri TAV nodo Firenze: monitoraggio qualità dell'aria


L'andamento del monitoraggio della qualità dell'aria circostante i cantieri del Nodo Alta velocità di Firenze e le problematiche evidenziate

Questa nota analizza sommariamente l'andamento del monitoraggio della qualità dell'aria circostante i cantieri del Nodo AV di Firenze, evidenziando in sintesi le problematiche esistenti.

La rete di monitoraggio, prescritta in sede di VIA e gestita da Italferr, consiste attualmente in 5 centraline fisse per il monitoraggio dei cantieri

  • 3 postazioni nei pressi del cantiere della stazione AV - ex Macelli
  • 2 postazioni nei pressi di Campo di Marte (da dove partirà la fresa per lo scavo delle gallerie).

Mappa dei punti di monitoraggio area stazione AV e area Campo di Marte

Vi sono poi delle postazioni mobili (centraline di viabilità) per la valutazione, in campagne di 20 giorni a stagione, l'eventuale influenza del traffico indotto dai cantieri sulle aree circostanti la viabilità interessata.

I parametri monitorati sono:

I dati di monitoraggio sono consultabili sul sito dell'Osservatorio Ambientale, dove sono disponibili anche i dati fino a 24 ore precedenti (di norma non ancora validati da Italferr).

I valori soglia di riferimento, e relative azioni, sono stati adottati dall'Osservatorio Ambientale il 28/5/2012 (per PTS e PM10) e il 10/12/2014 per gli altri parametri.

Nell'analisi che segue, i valori soglia hanno valore di riferimento per l'analisi dei dati, anche per quelli antecedenti a tali approvazioni. Il quadro completo delle soglie di monitoraggio e delle azioni correttive approvate dall’Osservatorio Ambientale è consultabile sul sito Web di ARPAT.

PTS e PM10
L'incremento di questi parametri può essere in correlazione alle attività di cantiere. Si tratta infatti di polveri che possono generarsi da movimentazione di terre, dal transito di mezzi o anche a causa del vento. A tale fine il Piano Ambientale della Cantierizzazione prevede che vengano messi in atto una serie di accorgimenti, fra cui uno dei più importanti è la bagnatura dei cumuli e delle piste di cantiere. L'insufficienza di queste mitigazioni può portare ad un aumento di questi parametri nelle centraline circostanti il cantiere.

Dato che il fondo cittadino è caratterizzato già di per sé da concentrazioni variabili di PTS o PM10, il valore soglia non è fisso, ma è correlato ai valori misurati ogni giorno dalle centraline della Rete Regionale di monitoraggio della qualità dell'aria.

A tal proposito si ricorda che:

  • soglia di attenzione è la media delle 4 stazioni di confronto della Rete Regionale + 20µg/m3 per 1 giorno, quando il valore giornaliero di PM10 restituito da una singola stazione di cantiere supera i 50 µg/m3;
  • soglia di intervento è la media delle 4 stazioni di confronto della Rete Regionale + 50µg/m3 per 1 giorno, sempre quando il valore giornaliero di PM10 restituito da una singola stazione di cantiere supera i 50 µg/m3

Dal 2012 al 2015 si sono verificati solo alcuni superamenti per il PM10, che hanno interessato soprattutto l'area del cantiere della stazione AV (vedi tabella).

Monitoraggio cantieri Nodo AV Firenze - PM10 – superamenti soglia di attenzione 2012-2015

Nodo AV Firenze - Schema di sintesi dei superamenti soglia attenzione PM10 dal 2012 al 2015

In più occasioni ARPAT ha segnalato all'Osservatorio che a tali superamenti può aver contribuito l'area di cantiere; l’Agenzia ha sollecitato l'attuazione delle misure di mitigazione anche a cantiere fermo, in quanto non è escludibile un risollevamento da cumuli e/o piste asciutte.

In particolare, ARPAT, a seguito di un esposto, ha effettuato sopralluoghi nel marzo 2015, dai quali sono emerse una serie prescrizioni non rispettate, in particolare riguardo la bagnatura delle aree e dei cumuli dell'impianto di betonaggio (di produzione del calcestruzzo). A seguito di tali eventi, il gestore dell'impianto di betonaggio ha presentato una proposta tecnica migliorativa.

Da rilevare, infine, un episodico superamento della soglia di attenzione per PM10 e PTS nella postazione di viabilità AT-VI-01 (via del Terzolle).

Altri inquinanti
Gli altri inquinanti monitorati (Biossido di azoto, Biossido di zolfo, IPA, Benzene, Metalli), in relazione al tipo di attività monitorata, sono in gran parte riconducibili ad emissioni da parte di veicoli e macchinari. Per quanto riguarda questi inquinanti non si sono mai verificate situazioni di particolare criticità.

ARPAT ha comunque evidenziato più volte la necessità di una più corretta e regolare manutenzione strumentale, data la non infrequente evidenza di dati/trend palesemente anomali.

Tale tipo di problematica si è verificata con maggiore frequenza per gli analizzatori di ossidi di azoto. In questo caso, infatti, si sono avuti negli anni alcuni valori superiori al valore soglia approvato a fine 2014, ma che in tutti i casi erano riconducibili a problemi strumentali.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento

dati monitoraggio aria

Inviato da Utente anonimo il 25/05/2016 09:42

dati non accessibili, errore server

dati monitoraggio aria

Inviato da Utente anonimo il 25/05/2016 17:03

I link presenti nell'articolo ci risultano tutti funzionanti (compresi quelli esterni al nostro sito a cui si rimanda per i dati http://osservatorioambientale.nododifirenze.it/Reportpubblici/Reportpubblici/Wizard.aspx?ispublic=1&IDtratta=13&comp=&ambito=1) Può darsi che sia stato un malfunzionamento temporaneo, la invitiamo a riprovare e - nel caso riscontrasse ulteriori problemi - a contattarci all'indirizzo web@arpat.toscana.it avendo cura di riportare con esattezza il link della risorsa non funzionante. La redazione Web

Strumenti personali