Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2012 212-12

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 212 - Mercoledì 31 ottobre 2012

Terre e rocce di scavo: il punto sulle nuove norme


RSS

Intervista a Giovanni Barca (Direttore generale ARPAT), pubblicata su Greenreport nei giorni scorsi

Quali sono le situazioni in Toscana interessate al decreto relativo alle rocce da scavo?
Tutte le grandi opere infrastrutturali i cui interventi non siano conclusi sono interessate dal nuovo DM 161/2012, ivi comprese l’AV di Firenze e l’ampliamento della Autostrada A1. I proponenti l’opera hanno tempo 180 giorni per decidere di sottoporre i propri interventi alla nuova disciplina o alla precedente.

Il decreto, finalmente, può essere considerato un contributo chiaro alla gestione di questi scarti?
Sì, in quanto il decreto stabilisce i criteri qualitativi e quantitativi da soddisfare affinchè i materiali di scavo siano considerati sottoprodotti e non rifiuti nelle condizioni previste dall’art.184-bis del D. Lgs. 152/2006 come modificato dal D. Lgs. 205/2010. In particolare viene stabilito che il materiale di scavo comprende anche il materiale di riporto e altro materiale eventualmente presente quale calcestruzzo, bentonite, vetroresina, additivi per scavo meccanizzato ecc. Vengono inoltre stabiliti i trattamenti ammessi sul materiale scavato per essere riutilizzato come sottoprodotto.

Proprio questa estensione dei materiali ammessi nel recupero delle terre di scavo ha indotto molte preoccupazione e ha fatto additare questo decreto come un via libero allo scempio ambientale ed al traffico di rifiuti: ARPAT non è preoccupata?
No non siamo preoccupati. Il decreto introduce un criterio ragionevole derivato dalla direttiva europea: il materiale si valuta in relazione all'adeguatezza all'impiego a cui e destinato, sia dal punto di vista funzionale che ambientale, anziché in relazione ad astratti criteri di purezza. Tali modalità di impiego sono quelle indicate nel Piano di Utilizzo che prevede precise condizioni operative, gestionali, ambientali e tecnico/prestazionali da rispettare Ovviamente in fase applicativa occorrerà prestare attenzione alla verifica dei requisiti prestazionali e di quelli ambientali. Riguardo ai traffici di materiali il nuovo decreto fissa paletti molto restrittivi che rendono molto più blindato e lineare il percorso dei materiali, anche rispetto alla attuale normativa sulle terre e rocce.

Il decreto sembra aver chiarito una volta per tutte che cosa è un rifiuto e cosa no, anche per quanto riguarda gli aspetti gestionali. Quali le principali ripercussioni della recente norma quale per esempio le possibilità di riutilizzare i materiali favorendo una gestione sostenibile dei flussi di materia?
Anche prima dell’emanazione del decreto non era preclusa la gestione sostenibile dei flussi di materia. La Toscana fino dal 1998 privilegia l’utilizzo di materiali recuperabili al posto di estrarre materiali “vergini” di cava. La differenza è che oggi tale materiale, in ossequio alla Direttiva Europea del 2008 sui rifiuti, può essere gestito con le modalità specifiche dei sottoprodotti, diverse da quelle previste per i rifiuti. La gestione come rifiuti delle terre introduceva oneri amministrativi ed economici che, di fatto, ne scoraggiavano il recupero, favorendo così anche una maggior prelievo di materiali di cava.

In che modo, il decreto incide sul sistema dei controlli e sul Ruolo dei vari enti preposti a svolgerli?
Rispetto al regime dei controlli ci sono alcune novità. In fase di approvazione dell’opera, l’autorità competente (per le grandi opere il Ministero dell’Ambiente) può chiedere ad ARPAT di verificare, con approfondimenti di indagine i cui costi sono a carico del proponente, se i requisiti di qualità ambientale siano rispettati. In particolari casi, quali quelli nei quali si preveda una potenziale contaminazione derivante dalla tecnologia di scavo, sono previste verifiche di qualità ambientale a carico del proponente anche in corso d’opera. Per le Agenzie Ambientali il decreto prevede verifiche ambientali a completamento o durante la posa in opera del materiale, in base al piano di utilizzo presentato dall’azienda ed approvato dall’Autorità competente.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali