Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Logo Regione Toscana
Sei in: Home Temi ambientali Sistemi produttivi Aziende a rischio di incidente rilevante D.Lgs. 334/99 come modificato dal D.Lgs. 238/05 - Allegato 1 parte 2

Dove Siamo

 

D.Lgs. 334/99 come modificato dal D.Lgs. 238/05 - Allegato 1 parte 2

condividi su facebook
condividi su twitter
RSS

Categorie di sostanze e preparati non indicati in modo specifico nella Parte 1

Nella tabella sottostante sono riportate le quantità limite della sostanza pericolosa ai sensi dell'art.3, paragrafo 5 che differiscono ai fini dell'applicazione degli artt.6-7 (notifica e Sistema di Gestione della Sicurezza) e dell'articolo 8 (Rapporto di sicurezza che comprende anche il documento di cui all'art.7). In entrambi i casi le quantità sono espresse in tonnellate.

Colonna 1 - Classe di sostanza pericolosa Colonna 2
(artt.6 e 7)
Colonna 3
(art.8)
1. MOLTO TOSSICHE 5 20
2. TOSSICHE 50 200
3. COMBURENTI 50 200
4. ESPLOSIVE: (cfr. nota 2) sostanze, preparati o articoli assegnati alla UN/ADR 1.4 50 200
5. ESPLOSIVE: (cfr. nota 2) sostanze, preparati o articoli assegnati alle divisioni : UN/ADR 1.1.1.2, 1.3, 1.5 o 1.6, ovvero classificati con frasi di rischio R2 o R3 10 50
6. INFIAMMABILI [sostanze o preparati che rientrano nella definizione di cui alla nota 3.a)] 5.000 50.000
7a. FACILMENTE INFIAMMABILI[sostanze o preparati che rientrano nella definizione di cui alla nota 3.b) 1)] 50 200
7b. Liquidi FACILMENTE INFIAMMABILI [sostanze o preparati che rientrano nella definizione di cui alla nota 3.b) 2)] 5.000 50.000
8. ESTREMAMENTE INFIAMMABILI [sostanze o preparati che rientrano nella definizione di cui alla nota 3.c)] 10 50

9. SOSTANZE PERICOLOSE PER L'AMBIENTE in combinazione con le seguenti frasi che descrivono il rischio:
i) R50:-molto tossico per gli organismi acquatici (compresa frase R50/53)

100 200
ii) R51/53:- tossico per gli organismi acquatici; può causare effetti negativi a lungo termine nell'ambiente acquatico 200 500
10. ALTRE CATEGORIE che non rientrano in quelle precedenti, in combinazione con le seguenti frasi che descrivono il rischio:
i) R14:- reagisce violentemente a contatto con l'acqua (compresa la frase  R14/15)
100 500
ii) R29:- libera gas tossici a contatto con l'acqua 50 200


La classificazione delle sostanze e dei preparati è effettuata sulla base della normativa di recepimento delle seguenti direttive e modifiche e al loro attuale adeguamento al progresso tecnico:

Direttive:
67/548/CEE (direttiva madre; ha avuto 7 modifiche e 31 adeguamenti)
Abrogata dal regolamento n. 1272/2008/CE del 16 dicembre 2008 che sarà applicato a decorrere dal 1 dicembre 2010 per le sostanze e dal 1 giugno 2015 per le miscele per i Titoli:

  • II: classificazione dei pericoli
  • III: Comunicazione dei pericoli per mezzo dell’etichetta
  • IV: imballaggio.

Leggi italiane di recepimento attualmente in vigore:

Sostanze

  • Decreto Legislativo n.52 del 3 febbraio 1997
  • Decreto 14 giugno 2002 n.197, Suppl. Ord. alla G.U. n. 244 del 17 ottobre 2002 - Serie generale

Preparati

  • Decreto Legislativo 14 marzo 2003 n.65, Suppl. Ord. alla G.U. n. 87 del 14 aprile 2003 - Serie generale

 

Azioni sul documento
Strumenti personali