Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2019 Valutare l'efficacia degli interventi per migliorare la qualità dell'aria e la salute

Dove Siamo

 

Valutare l'efficacia degli interventi per migliorare la qualità dell'aria e la salute

RSS
09/04/2019 07:30

Una panoramica completa delle azioni che si possono intraprendere per migliorare la qualità dell'aria e la salute è stata tracciata dall’Agenzia britannica per la salute

L'inquinamento atmosferico costituisce la più grande minaccia ambientale per la salute nel Regno Unito, con 28.000-36.000 morti all'anno attribuite all'esposizione a lungo termine. Vi sono infatti forti prove che l'inquinamento atmosferico causi lo sviluppo di cardiopatia coronarica, ictus, malattie respiratorie e cancro ai polmoni e aggravi l'asma.

Ma come si può allora migliorare l’aria nel Regno Unito? Per rispondere alla domanda l’Agenzia britannica per la salute (PHE) è stata incaricata di passare in rassegna ed esaminare gli interventi messi in atto per la riduzione dei danni da inquinamento atmosferico e fornire raccomandazioni pratiche per le azioni volte a migliorare la qualità dell'aria. Sono pochi infatti gli studi che ad oggi hanno esaminato direttamente gli effetti degli interventi sulle concentrazioni in aria e sui risultati sanitari che ne derivano.

La rassegna si è concentrata sulle azioni a disposizione delle autorità locali e, se del caso, sulle azioni nazionali necessarie per sostenerle, ad esempio attraverso i giusti incentivi.

Il PHE ha individuato 5 aree di potenziale azione e per ciascuna ha raccolto gli interventi volti a ridurre l'impatto dell'inquinamento atmosferico:

  • veicoli e carburanti,
  • pianificazione territoriale,
  • industria,
  • agricoltura,
  • comportamento delle persone.

Tra gli interventi chiave che le autorità locali possono adottare troviamo:

  • promuovere un cambiamento radicale nell'utilizzo di veicoli a basse emissioni, fissando obiettivi più ambiziosi per i punti di ricarica delle auto elettriche e incoraggiando i carburanti a basse emissioni e le auto elettriche
  • incentivare gli investimenti nei trasporti pubblici puliti, nonché nelle piste ciclabili e pedonali per migliorare la salute
  • ridisegnare le città in modo che le persone non siano troppo vicine a strade altamente inquinate
  • dissuadere i veicoli altamente inquinanti dall'entrare in aree popolate, ad esempio con zone a basse emissioni o "zone ad aria pulita"

Questo lavoro potrebbe comprendere, nella progettazione di nuove infrastrutture, la previsione di strade più ampie o l'uso di siepi per schermare gli agenti inquinanti.

Secondo il Direttore sanitario del PHE “a livello locale qualsiasi nuova politica o programma di lavoro che incida sull'inquinamento atmosferico dovrebbe mirare a fornire un beneficio globale per la salute pubblica.”

Nella rassegna dell’Agenzia si pone particolare enfasi all’impatto negativo dell’inquinamento atmosferico sui bambini e quindi sulle azioni necessarie per mitigare tali impatti. Le autorità locali, in tal senso, devono prendere in considerazione una serie di interventi come ad esempio

  • implementare zone di inattività al di fuori delle scuole,
  • rendere più facile per i bambini andare a scuola a piedi o in bicicletta,
  • aumentare la consapevolezza pubblica relativa all'inquinamento atmosferico e agli impatti sulla salute dei bambini.

fonti-inquinamento.jpg

Se dal 1990 sono andate diminuendo le principali fonti di inquinamento atmosferico, sono aumentate di importanza le fonti meno diffuse, come le attività industriali più piccole e non regolamentate, l'uso di prodotti di consumo, la combustione domestica e lo spargimento di letame nelle aziende agricole.

Per valutare le azioni e la loro efficacia sono stati presi in considerazione diversi aspetti tra cui la potenzialità dell’intervento di migliorare la qualità dell'aria e la salute pubblica a livello nazionale e locale, la potenzialità anche di affrontare o migliorare le disuguaglianze sanitarie, la fattibilità dell'attuazione, i tempi di intervento e quindi la velocità dell'impatto positivo.

Gli interventi sono stati altresì classificati in base ad una precisa gerarchia:

  • Prevenire: l'intervento previene o riduce le emissioni
  • Mitigare: l'intervento riduce le concentrazioni ambientali una volta che le emissioni si sono verificate
  • Evitare: l’intervento riduce l'esposizione personale o della popolazione agli inquinanti ambientali.
— archiviato sotto: ,
Azioni sul documento
Strumenti personali