Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2019 La gestione delle emergenze nell'era dei cambiamenti climatici

Dove Siamo

 

La gestione delle emergenze nell'era dei cambiamenti climatici

RSS
17/04/2019 07:30

Nel mondo con il clima che cambia stiamo vivendo più e più forti uragani, incendi boschivi in ​​aree non comuni che si sono diffuse durante tutto l'anno, siccità prolungate e inondazioni diffuse. Le applicazioni di osservazione della terra per la gestione delle emergenze stanno diventando sempre più importanti

I disastri naturali colpiscono indiscriminatamente, ma la mitigazione dei loro effetti, la preparazione, la risposta e il ripristino delle aree colpite richiedono approcci diversi. Il meccanismo di protezione civile dell'Unione europea consente una risposta coordinata a livello internazionale. Con questo meccanismo, gli aerei antincendio francesi possono estinguere gli incendi boschivi in ​​Spagna, mentre gli esperti in Italia preparano mappe di alluvioni satellitari per la Svezia. Ci sono numerose altre storie di soccorritori che lavorano 24 ore su 24, 365 giorni l'anno per sostenere gli sforzi internazionali di riduzione del rischio di disastri.

Nonostante questa collaborazione internazionale, non tutti i paesi hanno la stessa capacità di affrontare un numero crescente di disastri, né tutti hanno un proprio programma spaziale per sostenere gli sforzi di gestione del rischio di catastrofi.

Se combinata con una crescente difficoltà per le organizzazioni umanitarie internazionali di soddisfare adeguatamente tutti coloro che ne hanno bisogno, abbiamo un gran numero di popolazioni più vulnerabili che rischiano di perdere la vita o i mezzi di sostentamento quando si verifica un disastro.

I satelliti per l'osservazione della Terra orbitano attorno al Pianeta senza restrizioni di confine e possono contribuire a colmare il divario tra le capacità di gestione delle emergenze tra i Paesi ad alto e basso reddito.

I dati raccolti, combinati con strumenti e servizi che trasformano i dati in informazioni per i decisori, possono contribuire a risultati migliori in tutte le fasi del ciclo di riduzione del rischio di disastri.

Il servizio di emergenza Copernicus (Copernicus EMS) - uno dei numerosi servizi forniti da Copernicus - ha una suite di strumenti per supportare la riduzione del rischio di disastri e la gestione delle emergenze per gli utenti di tutto il mondo. Questi comprendono:

  • Risk & Recovery Mapping Quanto è vulnerabile la rete stradale nella tua città in caso di terremoto? Quali parti della città saranno invase di più dalle esondazioni? Queste e molte altre domande relative al rischio, alla vulnerabilità e all'esposizione possono essere risolte con i prodotti geospaziali messi a disposizione.
  • Rapid Mapping Quando si verifica un disastro, Rapid Mapping è disponibile 24 ore su 24, 7 giorni su 7, per aiutare a valutare i danni, tra cui l'estensione dell'inondazione, le dimensioni delle aree bruciate o il numero di edifici distrutti da un terremoto.
  • Early Warning & Monitoring Systems I sistemi di allarme precoce e di monitoraggio per incendi boschivi, alluvioni e siccità sono disponibili nelle versioni europea e globale, con strumenti liberamente disponibili per l'uso in qualsiasi parte del mondo.

Nel nostro mondo che cambia, anche noi dobbiamo cambiare. Con gli strumenti del Copernicus Emergency Service, gratuiti e aperti che affrontano ogni fase della gestione del rischio di catastrofi, diventa possibile una risposta più efficace, efficiente e integrata.

Domande? Scrivi a support@copernicus.eu

— archiviato sotto: ,
Azioni sul documento
Strumenti personali