Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2019 Cittadinanza attiva: la piattaforma Oppidoo

Dove Siamo

 

Cittadinanza attiva: la piattaforma Oppidoo

RSS
31/05/2019 07:30

Attiva oggi per il comune di Prato, la piattaforma aiuta chi voglia agire in prima persona concretamente per migliorare la propria città

Proseguiamo sul tema della cittadinanza attiva, raccontando l’esperienza di Oppidoo, la piattaforma cloud che aiuta i cittadini che abbiano voglia di fare qualcosa per la propria città, promuovendone i progetti di partecipazione.

Attraverso Oppidoo (da Oppidum – Lat. Città fortificata + do – Ingl. fare), singoli cittadini, associazioni, comitati possono infatti vedere, aderire e partecipare alle attività in corso, oppure proporre ai comuni aderenti nuovi progetti per la cura della città, proprio come previsto dalla legge di revisione costituzionale che nel 2001 ha introdotto nella nostra Costituzione il principio di sussidiarietà orizzontale.

La piattaforma è composta da tre parti:

  • una pubblica, tramite la quale accedere e consultare le attività in corso nei comuni aderenti
  • una riservata, attraverso cui – previa registrazione - cittadini e associazioni possono proporre nuove attività alle amministrazioni comunali, aderire ad attività già pubblicate e pubblicare aggiornamenti circa le attività a cui partecipano
  • una dedicata agli enti aderenti attraverso cui si possono recepire e valutare le proposte dei cittadini, decidendo quali pubblicare o inserendone ex novo, gestire tutti i dettagli e la documentazione relativa alle varie attività, consultare le statistiche.

Il primo Comune ad aderire ed adottare nel 2018 Oppidoo è stato Prato, che ha approvato un proprio Regolamento per l'amministrazione condivisa dei beni comuni già nel 2017.

Oppidoo ha ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui quello della Mostra dell’Ingegno 2017 nella sezione "Valorizzazione dell’accessibilità alle informazioni nell’era hi-tech in un’ottica di integrazione fisica e culturale" e quello del FORUM PA 2018 per l’ambito “Città, infrastrutture e capitale sociale”.

Nel corso del 2018 Kiwibit, l’azienda ideatrice di Oppidoo, ha siglato un accordo di collaborazione con Labsus, il Laboratorio per l’attuazione del principio di sussidiarietà; entrambe le realtà infatti ritengono fondamentale, per lo sviluppo della società, la diffusione della cultura della sussidiarietà e dell’amministrazione condivisa. Labsus ha ideato lo strumento dei Patti di collaborazione ed è impegnata in Italia per la diffusione dei Regolamenti per l’amministrazione condivisa dei beni comuni, che ad oggi risultano approvati o in via di approvazione da parte di 191 amministrazioni comunali.

Per maggiori informazioni su Oppidoo:

— archiviato sotto:
Azioni sul documento
Strumenti personali