Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2018 L'aggiornamento di Mobilitaria 2018

L'aggiornamento di Mobilitaria 2018

RSS
18/12/2018 07:45

Le auto continuano a crescere nelle città ed aree metropolitane

Mobilitaria 2018 è uno studio elaborato da Kyoto Club e CNR, Istituto sull’Inquinamento Atmosferico, che ha analizzato la qualità dell’aria e dei provvedimenti di mobilità nelle 14 grandi città italiane nel periodo 2006-2016.

Gli enti autori del rapporto ne hanno fornito un aggiornamento analizzando le tendenze in atto per l’anno 2017, in particolare per l’andamento dei veicoli privati e dei veicoli commerciali nei comuni capoluogo e nelle città metropolitane di area vasta.

Firenze risulta essere la prima città metropolitana per tasso di motorizzazione, con ben 720 auto su 1000 abitanti, seguita da Catania con 710 auto su 1000 abitanti e Torino con 661 auto su 1000 abitanti.

Nel corso dell’ultimo anno, inoltre, la città metropolitana di Firenze ha subito un incremento delle auto del +3,6%, quota che nessun’altra città metropolitana ha eguagliato; solo Torino ha registrato un incremento del +2,9% tra il 2016 e 2017.

Le altre città metropolitane si assestano tutte su una crescita, negli anni 2016-2017 di auto private, che va dal +1,2% di Milano al +2 di Messina, Napoli e Bari (+1,7), Catania (+1,8), Reggio Calabria (+1,9), Bologna (+1,6). Roma cresce dello 0,3% e risulta una delle più basse insieme a Cagliari.

tasso di motorizzazione

A destare preoccupazione sono sicuramente anche i dati relativi alle classi ambientali delle autovetture circolanti. Se infatti al Nord la maggioranza dei veicoli è Euro 4-Euro 5 (con qualche punta di Euro 6), al Sud la prevalenza è addirittura di Euro 3-Euro 4.

La categoria di alimentazione prevalente è la benzina/diesel in tutte le 14 città metropolitane. Il GPL è molto scarso sfiorando punte del 10% in alcune città (come Torino e Bologna) ma anche valori minimi (Cagliari 3%, Palermo e Milano 5%, Roma 7%). L’alimentazione elettrica ed ibrida invece è praticamente inesistente con quote del 1,3% (Milano e Bologna) e dello 0,1-0,3% in tutte le città metropolitane del Sud Italia.

auto per alimentazione

Il rapporto continua poi con un approfondimento sulla situazione dei veicoli commerciali, che registra una netta prevalenza di alimentazione a gasolio.

alimentazione veicoli commerciali

— archiviato sotto: , , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali