Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

logo twitter logo facebook logo flickr logo youtube logo issuu logo RSS app ARPAT per dispositivi mobili
Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2018 Cambiamenti climatici ed Artico

Cambiamenti climatici ed Artico

RSS
11/10/2018 07:30

La vegetazione ora cresce in aree prima troppo fredde per permettere la vita delle piante

Con l'aumento delle temperature nell'Artico a seguito del cambiamento climatico, la vegetazione ha invaso le aree una volta troppo fredde per permettere la vita delle piante. Gli scienziati dell'Università di Berkeley e del Berkeley Lab hanno studiato un modo per quantificare questo aumento della crescita delle piante, scoprendo che il 16% delle aree dell'Artico in cui le temperature fredde avevano limitato la crescita delle piante nel 1982 ora presenta la vegetazione.

I ricercatori prevedono che entro il 2100, solo il 20% della superficie vegetata nell'emisfero settentrionale sarà limitata dal freddo, consentendo alle piante di crescere prima del tempo (stagioni) e in luoghi nuovi e inaspettati.

"Anche se l'ecocompatibilità potrebbe sembrare una buona notizia in quanto significa maggiore assorbimento di carbonio e produzione di biomassa, rappresenta uno sconvolgimento importante per il delicato equilibrio negli ecosistemi freddi", ha detto il primo autore della ricerca Trevor Keenan, uno scienziato del Berkeley Lab.

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato 30 anni di dati raccolti dal Radiometro Avanzato ad altissima risoluzione a bordo di una serie di satelliti gestiti dalla National Oceanic and Atmospheric Administration. Ogni pixel rappresenta la radiazione assorbita su un'area di circa 25 miglia quadrate, che il team ha utilizzato per stimare la copertura vegetale.

Hanno confrontato i loro risultati con modelli climatici allo stato dell'arte - parte della Coupled Model Intercomparison Project Phase 5, o CMIP5 - e hanno visto modifiche sorprendenti.

"I nostri risultati suggeriscono che le previsioni di CMIP5 potrebbero aver significativamente sottovalutato i cambiamenti nell'ecosistema artico e che i modelli climatici dovranno essere migliorati per capire meglio e prevedere il futuro dell'Artico", ha detto Keenan.

Per chi vuole approfondire

— archiviato sotto: ,
Azioni sul documento
Strumenti personali