Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2017 Polveri ultrafini a Roma: una campagna del CNR

Dove Siamo

 

Polveri ultrafini a Roma: una campagna del CNR

RSS
13/02/2017 07:30

Obiettivo individuare la frazione ultrafine ed il black carbon presenti nel particolato atmosferico di Roma e valutarne l'impatto sulla salute

Gli studi relativi all'impatto delle polveri ultrafini presenti in atmosfera sulla salute umana sono numerosi. Tra gli ultimi, una ricerca canadese, pubblicata ad inizio 2017 dalla rivista scientifica «Lancet», ha dimostrato che frequentare strade molto trafficate aumenta il rischio di demenza senile, compresa l'Alzheimer.

Frequentare ambienti urbani incide notevolmente sull'esposizione alle particelle ultrafini e, in particolare, alla frazione di tali particelle nota come black carbon, emessa dai processi di combustione, in particolare dal traffico stradale diesel.

Le particelle ultrafini ed il black carbon sono dunque ancora oggetto di continua ricerca e quindi la loro misura non è oggi prevista dalle norme europee relative alla qualità dell'aria.

La campagna CARE (Carbonaceous Aerosol in Rome and Environs), avviata a Roma il primo febbraio 2017 e coordinata dall'Istituto di scienze dell'atmosfera e del clima del Cnr, si colloca proprio in questo ambito, con l'obiettivo di sviluppare una metodologia per individuare la frazione ultrafine ed il black carbon presenti nel particolato atmosferico di Roma e valutarne l'impatto sulla salute.

Al progetto collaborano vari gruppi di ricerca nazionali ed internazionali: l'Istituto di scienze dell’atmosfera e del clima del Cnr (laboratorio AEROLAB), l'Istituto di inquinamento atmosferico del Cnr, l'Istituto nazionale di fisica nucleare di Sesto Fiorentino, l'Enea di Bologna e Roma, le Università Statale di Milano (gruppo Fisica dell'Ambiente), Sapienza di Roma e La Tuscia di Viterbo, ARPA Lazio, l’IDAEA-CSIC di Barcellona e l’Istituto TROPOS di Lipsia.

Il sito oggetto di indagine si trova vicino alle Terme di Caracalla, in una zona molto trafficata della città nel corso di tutta la giornata.

Come si svolge la campagna:

  • a bordo di due laboratori mobili del Cnr, saranno effettuate misure della composizione, dimensione, 'colore' del particolato atmosferico, della sua frazione ultrafine e del black carbon, con elevatissima risoluzione temporale;
  • saranno contemporaneamente esposte in-vitro cellule del polmone umano per valutare la tossicità del particolato ultrafine e del black carbon;
  • ogni giorno ricercatori muniti di speciale zainetto contenente strumentazione portatile per la caratterizzazione del black carbon si recheranno in vari ambienti della città, dalle zone a traffico limitato alle direttrici più inquinate.

CARE fornirà così la prima caratterizzazione dell’attuale esposizione della città, dei suoi abitanti e dei suoi monumenti al particolato ultrafine ed al black carbon.

— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali