Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2017 Il progetto MON ACUMEN

Dove Siamo

 

Il progetto MON ACUMEN

RSS
28/08/2017 07:30

Fra i progetti approvati dal Programma Interreg Italia-Francia Marittimo

Nel mese di luglio 2017 il Consiglio di Sorveglianza del Programma Interreg Italia-Francia Marittimo 2014-2020 ha approvato 32 nuovi progetti, fra questi anche un progetto - MON ACUMEN - a cui ARPAT partecipa insieme ad Autorità portuale di Livorno, Università degli studi di Genova, Autorità Portuale di Cagliari, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale e la Chambre de Commerce et d’Industrie de Bas-a et de la Haute-Corse.

Il progetto MON ACUMEN si propone di realizzare la prima rete di monitoraggio e controllo dell'inquinamento acustico generato dai porti in ambito transfrontaliero. La realizzazione comporterà sia investimenti in dispositivi installati nei porti commerciali di Livorno, Bastia, Cagliari e La Spezia ma anche la messa a punto della relativa parte software, cioè dei sistemi di monitoraggio ambientale.

La dimensione transfrontaliera degli investimenti consente un set di interventi non altrimenti ottenibili nella sola dimensione locale ed una profondità di analisi che misura differenti tipologie di attività a seconda delle caratteristiche di ciascun porto.

Attraverso un'analisi preliminare delle attività portuali e del loro impatto acustico, si perverrà alla definizione dei siti da tenere sotto controllo attraverso un monitoraggio in continuo.

La realizzazione di questo sistema di monitoraggio dell'inquinamento acustico permetterà la conoscenza in tempo reale dell’impatto delle fonti di rumore e anche la possibilità di individuare e prevenire le situazioni di criticità, che inevitabilmente fanno scattare le azioni di protesta dei residenti.

La rete così realizzata permetterà per la prima volta la predisposizione di Piani di azione in conformità con la Direttiva europea sul rumore che tengano conto dell'impatto generato dalle attività portuali oltre che delle altre infrastrutture di trasporto.

I sistemi di monitoraggio installati nei porti commerciali saranno interoperabili e permetteranno un confronto dei dati sull'inquinamento acustico, consentendo una pianificazione di livello transfrontaliero per la gestione e la mitigazione del rumore.

— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali