Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2016 Presenza di anidride carbonica e idrogeno solforato in ambienti confinati

Dove Siamo

 

Presenza di anidride carbonica e idrogeno solforato in ambienti confinati

RSS
01/08/2016 08:00

Lo stato dell'arte sui valori di riferimento a livello mondiale nel recente Rapporto dell'Istituto Superiore di Sanità

Il recente rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità “Presenza di CO2 e H2S in ambienti indoor: conoscenze attuali e letteratura scientifica in materia”, elaborato dal Gruppo di Studio (GdS) nazionale “Inquinamento Indoor” istituito nel 2010 e composto da esperti di vari enti, tenta di colmare le lacune della legislazione italiana per quanto riguarda l'inquinamento indoor.

In Italia, infatti, mancano indicazioni normative e linee guida per l'inquinamento dell'aria indoor che definiscano in maniera puntuale e omogenea come procedere al rilevamento di inquinanti di natura chimica, fisica, biologica e i relativi limiti o valori di riferimento, così che spesso ci si riferisce alla legislazione di altri paesi, a norme tecniche o alla letteratura scientifica sull'argomento.

L'obiettivo di questa relazione è quello di fornire per l'anidride carbonica (CO2) e l'idrogeno solforato (H2S), provenienti da fonti naturali, una panoramica sui valori guida a cui fanno riferimento altri Paesi europei, l'Organizzazione Mondiale della Sanità e altre istituzioni pubbliche. I valori guida per la CO2 si riferiscono all'aria di ambienti confinati (indoor) mentre per l'H2S vengono riportati i valori guida relativi all'aria ambiente (outdoor).

A tale proposito è opportuno sottolineare che in questo studio sono esaminate due sostanze con caratteristiche e con effetti sulla salute molto diversi, per cui le soglie per la CO2 considerano più spesso il comfort abitativo che l'effetto sulla salute, mentre per l'H2S è prevalente il secondo aspetto.

I valori di riferimento per gli ambienti indoor sono volti a diminuire i problemi di salute delle popolazioni più vulnerabili, come i giovani, le donne in gravidanza e gli anziani ed a promuovere il benessere che si ripercuote anche sull'apprendimento di tutti gli occupanti dell'ambiente indoor, come nel caso di istituti scolastici.

— archiviato sotto: ,
Azioni sul documento
Strumenti personali