Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie Notizie brevi 2014 Riforme istituzionali ed ambiente

Dove Siamo

 

Riforme istituzionali ed ambiente

RSS
03/03/2014 15:00

Un tema poco discusso

Nell’agenda politica e nel dibattito pubblico il tema delle riforme istituzionali è decisamente all’ordine del giorno. Oltre alla riforma del sistema elettorale si sta discutendo di importanti aspetti dell’architettura istituzionale del nostro Paese. Fra questi anche della revisione del Titolo V della Costituzione, quello dove sono definite le Regioni e le autonomie locali ed è definita la distribuzione delle competenze fra i vari enti.

La ventilata abolizione delle amministrazioni provinciali, ad esempio, deve passare per la modifica del primo articolo (114) del Titolo V.

In questa stessa parte della Costituzione è citato (l’unica in tutto il testo fondamentale della nostra Repubblica) il termine “ambiente”, esattamente al punto s) dell’art. 117, fra le materia di competenza esclusiva dello Stato.

Un primo punto da prendere in considerazione potrebbe essere, appunto, quello di valutare se l’ambiente debba continuare ad essere una materia di esclusiva competenza statale o se può divenire una materia concorrente, dove cioè lo Stato definisce gli indirizzi fondamentali, la “cornice” entro la quale ci si deve muovere, e poi le Regioni emanino le norme di dettaglio.

Un secondo punto fondamentale è quello relativo alle attribuzioni in materia ambientale attualmente affidate alle Province. Dal complesso della normativa nazionale e regionale – ad esempio in Toscana (ma in molte regioni ci sono situazioni analoghe) – le amministrazioni provinciali hanno compiti fondamentali in materia di procedure di VIA e VAS, in materia di tutela delle acque dall’inquinamento e delle gestione delle risorse idriche; di gestione dei rifiuti e della bonifica dei siti inquinati; in materia di tutela dell’aria e di riduzione delle emissioni in atmosfera, nonché riguardo alle politiche energetiche. In particolare le Province sono attualmente attori protagonisti nel rilascio delle AIA e delle AUA.

Mentre appare naturale pensare ad una attribuzione di competenze alle Regioni per tutti gli aspetti di pianificazione in campo ambientale, ed ai comuni per tutti gli aspetti che non interessano ambiti più ampi rispetto al singolo territorio comunale, sono da considerare con attenzione le situazioni di maggiore rilievo per le potenziali ricadute sull’ambiente e sulla salute. In particolare andrebbe definito l’autorità che – una volta sciolte le Province (se questa riforma istituzionale sarà effettivamente attuata) – dovrà assumere ruolo preminente nelle procedure di VIA e VAS e nel rilascio delle AIA. Una ipotesi che molti valutano con attenzione potrebbe essere quella di attribuire al sistema delle agenzie ambientali un ruolo più diretto per questo tipo di attività e, non solo, come ora ,di supporto tecnico nei confronti delle amministrazioni locali. D’altra parte anche in materia di controlli ambientali, il titolare di questa funzione essenziale è l’ente locale, che poi si avvale delle ARPA. In alcune specifiche materie,poi, c’è una non chiara suddivisione di compiti fra enti locali, agenzie ambientali ed aziende sanitarie, definire in modo chiaro le autorità competenti, costituirebbe una effettiva semplificazione di cui si sente bisogno.

Nel momento in cui, poi, si sta ridefinendo il quadro istituzionale, appare a pieno titolo legittima la necessita di portare a conclusione la riforma del sistema delle agenzie ambientali (istituite nella seconda metà degli anni novanta a seguito degli esiti di un referendum popolare).

Ormai da diverse legislature la proposta di riforma è in discussione ma non riesce ad arrivare a conclusione. L’attuale stagione “costituente” potrebbe essere l’occasione per mettere un punto fermo anche su questo versante che è sicuramente importante, anche alla luce della crescente attenzione dell’opinione pubblica nei confronti della tutela dell’ambiente.

Ci pare utile cercare di contribuire a portare nell’agenda in discussione questi temi, e – da parte nostra – ci rivolgeremo nelle prossime settimane ad una serie di possibili protagonisti (esponenti politici, amministratori, rappresentanti di associazioni ambientaliste e categorie economiche, ecc.) per avere il loro punto di vista e quindi favorire la maturazione di un dibattito pubblico.

Azioni sul documento

Un ente unico nazionale

Inviato da Utente anonimo il 05/03/2014 08:49

L'unica proposta di riorganizzazione delle Arpa passa dalla creazione di un unico ente statale. Le Arpa sono vittime dell'ideologia sballata del falso federalismo degli anni '90. Bisogna uscire dallo stato di soggezione politica, economica e culturale degli enti regionali strumentali ed avere il coraggio di tutelare l'ambiente con una vera riforma che razionalizzi il sistema dei controlli. Del resto è quello che accade in Germania, Francia, Inghilterra...

L'ambiente deve rimanere di competenza esclusiva stataleativa statale

Inviato da Utente anonimo il 07/03/2014 08:33

In materia di ambiente sarebbe estremamente pericoloso introdurre la legislazione concorrente tra Stato e Regioni. Dovrebbe invece essere rafforzato il livello normativo europeo. Avere "20 ambienti diversi" aggiungerebbe un'ulteriore classificazione/ingiustizia tra i cittadini che si trovano a vivere nelle diverse regioni d'Italia. L'ambiente non può avere confini né limiti purtroppo spesso introdotti dalla politica per tornaconti economici (es. consumo di territorio). La globalizzazione, con tutti i suoi aspetti negativi, ha perlomeno posto all'attenzione di tutti che la deforestazione dell'Amazzonia ha conseguenze negative sul mondo a cominciare dall'aria che respiriamo. Questa è l'ottica da cui dobbiamo partire per salvaguardare e migliorare l'ambiente, per il nostro futuro e soprattutto per quello dei nostri figli.

siamo sicuri ?

Inviato da Utente anonimo il 07/03/2014 09:38

Siamo sicuri che sia una buona idea proporre tra le materie concorrenti l'ambiente ?, già l'Europa non riesce a fare fronte ai problemi ambientali come l'inquinamento atmosferico e a livello mondiale si combatte ancora senza alcun successo contro i cambiamenti climatici, lasciare la scelta alle singole regioni su come affrontare questioni di portata addirittura sovranazionale non mi sembra una buona idea. In più abbiamo già attribuito, a livello nazionale, la competenza ambientale all'Europa, tutta la normativa ambientale è frutto di recepimento di direttive europee e sarebbe tecnicamente più problematico il recepimento da parte delle singole regioni. Non facciamo prendere dal sacro furore di cambiare tutto !

Strumenti personali