Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2020 165-20

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Venerdì 13 novembre 2020

Specie vegetali aliene in Toscana


RSS

ARPAT inaugura una nuova collana editoriale

Con questo primo numero della nuova collana Quaderni ambientali, ARPAT propone una breve panoramica sulle specie vegetali aliene presenti in Toscana.

La pubblicazione è frutto dell’osservazione di un collaboratore tecnico professionale biologo dell’Agenzia che nell’ambito della propria attività di monitoraggio fluviale, cogliendo le potenzialità dell’osservazione, si è dedicata anche al rilevamento di specie vegetali, non autoctone, rinvenute presso le stazioni di monitoraggio.

monitoraggio-fluviale.JPGAttualmente, il monitoraggio che l’Agenzia svolge sui corsi d’acqua superficiali non prevede infatti lo studio di specie alloctone; la ricerca per il controllo della qualità ambientale dei fiumi, sulla base della normativa, è rivolta verso lo studio degli indicatori biologici, quali diatomee, macrofite, macroinvertebrati, e non richiede la ricerca sistematica di organismi alloctoni.

Negli ultimi anni, però, il problema delle forme alloctone si sta facendo sempre più impattante e la ricerca scientifica e la legislazione si stanno impegnando per limitare tale problema richiedendo la segnalazione della loro presenza. 

La pubblicazione edita da ARPAT, dopo aver spiegato cosa sono le piante vegetali aliene, fornisce alcuni cenni storici in merito all'introduzione in Italia di tali piante, dalle grandi civiltà del Mediterraneo che con i loro scambi commerciali contribuivano ad introdurre piante e frutti diversi da quelli originari, all'epoca imperiale romana, quando le specie botaniche particolari erano molto richieste per abbellire i giardini delle ville patrizie e stupire i commensali, ai monaci che durante il Medioevo utilizzavano le nuove piante per le proprietà officinali, fino ad arrivare ai giorni nostri quando l'importazione e la coltivazione a scopo ornamentale nei vivai di piante alloctone e la conseguente presenza in parchi, giardini pubblici e privati rappresenta una delle maggiori cause della loro diffusione.

pianta alienaSi propone poi una classificazione delle piante alloctone in base a:

  • periodo in cui sono state introdotte nel territorio
  • grado di adattamento ad un ambiente diverso da quello di origine.

Qualche cenno anche agli elementi naturali che possono sfavorire l’espansione delle specie alloctone e a quelli che invece agevolano la diffusione e agli impatti causati dall’introduzione di piante alloctone.

Particolare importanza viene data infine al monitoraggio biologico come fonte di conoscenza e indagine e quindi all'attività di monitoraggio svolta da ARPAT.

Inoltre, arricchiscono il documento un glossario, un elenco della principale normativa in materia e una ricca bibliografia di approfondimento.

Vero e proprio cuore della pubblicazione sono le schede dedicate alle varie specie alloctone che si sono insediate in tempi più o meno recenti sul territorio regionale.

scheda tipo per piante aliene

Le schede sono frutto dei ritrovamenti incidentali fatti durante l’attività di monitoraggio biologico di alcuni fiumi toscani e costituiscono un utile punto di partenza per aggiungere, nel tempo, altre segnalazioni e informazioni che verranno raccolte lungo i corsi d’acqua della Toscana facenti parte della rete di controllo di ARPAT. Grazie infatti all’impegno degli operatori dell’Agenzia e al formato flessibile della pubblicazione, ci auguriamo di mantenerla aggiornata ogni qualvolta nuove specie vengano rilevate. 

Ciascuna scheda (vedi esempio nell'immagine), oltre a presentare una fotografia scattata sul posto di ritrovamento, fornisce alcune informazioni chiave su: famiglia, genere, specie, nome comune, caratteristiche, origine, habitat, usi, impatti, classificazione, curiosità, ritrovamento (il nome del corpo idrico in cui sono state ritrovate le piante).


Le pubblicazioni della collana Quaderni ambientali, pensate per una consultazione esclusivamente online, in una logica di sostenibilità ambientale, anche se, all'occorrenza, sono realizzate in un formato facilmente stampabile a cura dell'utente, si propongono come uno strumento agile ma comunque, grazie alla loro natura digitale, dotate di un livello di approfondimento maggiore rispetto ad altre pubblicazioni divulgative edite dell’Agenzia, come ad esempio la serie delle Schede informative, che, realizzate anche in versione cartacea, possiedono necessariamente dimensioni limitate. La possibilità di aggiornamento, che il supporto digitale permette, consente infine alle pubblicazioni di mantenerne intatta l’attualità dell’elaborato e delle immagini a corredo del testo.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento

quaderni specie vegetali aliene presenti in Toscana

Inviato da Utente anonimo il 13/11/2020 10:49

Mettete cortesemente online il link per scaricare il documento in pdf

quaderni specie vegetali aliene presenti in Toscana

Inviato da Utente anonimo il 13/11/2020 11:27

Dal secondo link all'inizio di questa notizia può consultare la scheda relativa alla pubblicazione, dalla quale è possibile scaricarla in formato PDF. La Redazione Web

quaderni specie vegetali aliene presenti in Toscana

Inviato da Utente anonimo il 13/11/2020 13:06

MI sembra una pubblicazione interessante per capire le trasformazioni ambientali del nostro territorio.

quaderni specie vegetali aliene presenti in Toscana

Inviato da Utente anonimo il 13/11/2020 13:07

Le specie aliene, sia vegetali che animali, possono costituire un grave problema che mina la biodiversità locale. Le acque interne sono forse l'ecosistema che più ha risentito di questo impatto.

Ottima iniziativa

Inviato da Utente anonimo il 15/11/2020 22:24

Grazie

Definite meglio piante autoctone

Inviato da Utente anonimo il 16/11/2020 16:01

Sono piuttosto perplesso sull'utilità di una simile articolo e sui suoi contenuti ma soprattutto mi chiedo cosa si vuol comunicare? Forse volevate riferirvi a piante infestanti alloctone? In base a quale parametro viene definita autoctona una pianta? Perché presente in Italia nell'era pleistocenica? Nell'articolo si parla di piante introdotte da grandi civiltà del Mediterraneo, in quale epoca? Etruschi? Fenici? Greci? Quante volte è cambiato il clima - e con esso la vegetazione -da allora? Se avete un minimo di conoscenza di storia naturale sapete dirmi quante volte le piante hanno fatto il giro del mondo in cinque milioni di anni? Infine quale pubblica utilità deriva dallo scrivere un articolo di questo tipo? Pensate di eliminare gli olivi, i cipressi, i pini, i fruttiferi e moltissime piante ornamentali dal nostro paesaggio? La cultura del verde è una cosa seria, articoli inutili come questo sono uno spreco di denaro pubblico. Ah dimenticavo, avete pubblicato una Syringa per Buddleia. Attenzione.

Definite meglio piante autoctone

Inviato da Utente anonimo il 20/11/2020 12:56

Ringraziamo per l'attenzione rivolta alla notizia e alla nostra pubblicazione "Specie vegetali aliene in Toscana". Valuteremo sicuramente i suoi suggerimenti nella revisione della pubblicazione. La redazione

Strumenti personali