Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2020 101-20

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Venerdì 17 luglio 2020

Rapporto EEA: la gestione dei rifiuti organici in Europa


RSS

Questo report fornisce un quadro sulla prevenzione, produzione, raccolta e trattamento dei rifiuti organici in Europa. Esso si pone l’obiettivo di supportare gli Stati europei nello scambio di esperienze e buone pratiche. I rifiuti organici possono giocare un ruolo importante nella transizione verso l’economia circolare, sia nell’ottica di prevenirne la produzione che di catturarne il potenziale come fonte di materia seconda.

Rapporto EEA: la gestione dei rifiuti organici in Europa

Foto di herb007 da Pixabay

L’economia circolare europea e le politiche sui rifiuti ritengono quelli organici una tra le principali chiavi per una "moderna" gestione dei flussi di rifiuti. Proprio in considerazione della loro importanza e del loro potenziale, questo nuovo report, recentemente pubblicato dall'Agenzia Europea per l'ambiente (EEA), approfondisce questo tema, articolandosi in più capitoli, dove si

  • affronta la questione dell'importanza del trattamento dei rifiuti organici in Europa
  • offre una panoramica sui sistemi di raccolta e gestione dei rifiuti organici e gli output che possono derivare dal loro corretto trattamento
  • focalizza l'attenzione sui rifiuti alimentari, soffermandosi in particolare sulle politiche e misure per la riduzione di questa particolare tipologia di rifiuti
  • fa il punto sulla gestione del compost e del digestato e su come creare un mercato per questi particolari prodotti
  • guarda all'innovazione e alla ricerca per valorizzare i rifiuti organici traendone e trasformandoli in nuovi prodotti.

I rifiuti organici rappresentano un quantitativo superiore al 34% del complesso dei rifiuti urbani, raggiungevano, nel 2017, 86 milioni di tonnellate nell’UE a 28. Partendo da questi dati, è facile da capire il motivo per cui riciclare i rifiuti organici costituisca un punto cruciale per raggiungere l’obiettivo posto dall’UE: raggiungere il 65% di riciclo dei rifiuti urbani entro il 2035.

suddivisione dei rifiuti organici nelle diverse tipologieInoltre la gestione sostenibile dei rifiuti organici contribuirà a dimezzare, entro il 2030, la quantità di rifiuti urbani prodotta, infatti, una quota parte di questi sono costituiti da rifiuti organici non differenziati.

Per raggiungere gli obiettivi contenuti nell'Action Plan dell'Unione Europea sull'economia circolare è necessario che gli amministratori a livello nazionale, regionale e locale insieme agli stakeholders prendano importanti decisioni, nelle prossime decadi, per la gestione sostenibile di questa particolare tipologia di rifiuti.

Per questo il nuovo report dell'EEA sui rifiuti organici si rivolge in particolare agli amministratori, fornendo le basi della conoscenza in questo ambito e supportando l'implementazione dei processi di gestione di questi rifiuti con lo scambio di esperienze e buone pratiche.

Allo stato attuale, il livello di raccolta differenziata, in generale e nello specifico per questo tipo di rifiuti, differisce, anche in modo considerevole, da un paese all’altro all'interno dell’UE, in particolare alcuni paesi membri appaiono alquanto lontani dal raggiungere il pieno potenziale derivante da una corretta gestione di questa particolare tipologia di rifiuti, anche l’implementazione dei sistemi di raccolta differenziata si mostra piuttosto lenta oltre che complessa.

Per superare queste differenze è necessaria una politica dei rifiuti coordinata, che comprenda in sé anche la strategia sui rifiuti organici, insieme a strategie tese al raggiungimento dei valori dell'economia circolare, in particolare è necessario puntare su:

  • il principio in base al quale si paga in base a quanti rifiuti si produce
  • incentivi chiari che stimolino a differenziare i residui organici dagli altri tipi di rifiuti
  • senso di consapevolezza e corretta informazione dei consumatori
  • capacità di trattare i volumi di rifiuti organici differenziati

Gli scarti alimentari, invece, rappresentano i due terzi (circa il 60%) di tutti i rifiuti organici provenienti dalle abitazioni private e da situazioni analoghe.

la piramide rovesciata dei rifiuti alimentariPiù che per altri tipi di rifiuti, ridurre la quantità di cibo gettato costituisce una responsabilità anche morale per la nostra società. Fortunatamente, nella maggior parte dei paesi membri dellUE, ridurre gli sprechi alimentari rappresenta una priorità nella politica di prevenzione dei rifiuti.

Le azioni più comuni per arrivare alla riduzione di rifiuti alimentari passano dalla consapevolezza e dalle campagne di informazione. Altre misure che vengono adottate sono: la redistribuzione del cibo attraverso l’utilizzo di piattaforme e l’incremento delle vendite di cibo di “seconda classe”. In ogni caso, misurare l’efficacia delle misure e delle politiche di prevenzione rimane una sfida. Nel futuro, i dati armonizzati consentiranno di comparare gli impatti potenziali delle diverse politiche di prevenzione adottate nei paesi europei.

Il compostaggio (trattamento in presenza di ossigeno) e la digestione anaerobica (in assenza di ossigeno) sono al momento le due tecniche maggiormente utilizzate. Il compostaggio risulta, ad oggi, dominante ma la digestione anaerobica è in aumento. Quest’ultima è in grado di generare biogas, risultando una fonte di energia rinnovabile.

produzione nei diversi paesi UE delle diverse tipologie di rifiuti organiciIl tipo di trattamento scelto dipende dalla composizione dei rifiuti organici e dalle specificità dei sistemi di raccolta differenziata ma si può affermare che la digestione anaerobica fornisca maggiori benefici ambientali.

Per chiudere il cerchio, il compost e il digestato dovrebbero essere di buona qualità in modo da essere impiegato per migliorare e fertilizzare il terreno. Per creare un mercato del compost e del digestato è necessario che l’intero processo e il prodotto finale siano di alta qualità in modo anche da generare fiducia nel consumatore.Questo può essere fatto solo separando i rifiuti organici all'origine in modo da garantire la produzione di un compost o un digestato di qualità in grado di apportare nutrienti, azoto minerale, fosforo e potassio, ai terreni depauperati, migliorandone la capacità di trattenere l’acqua e nutrienti oltre che quella di stoccare carbonio, rendendolo più fertile.

Dei paesi assoggettati a verifica da questo report, 24 hanno o stanno sviluppando standard nazionali di qualità per il compost. Di questi 12 hanno già un sistema di gestione in qualità del compost e schemi di garanzia del processo, che garantiscono standard di qualità per prodotti come il terriccio. 

capacità di trattamento nei diversi paesi UEÈ stato stimato che, in Europa, 134 mila tonnellate di azoto e 44 mila tonnellate di fosforo vengono perse a causa di un’errata raccolta differenziata dei rifiuti organici di provenienza urbana.

Svariati prodotti di uso comune, come le borse di plastica, ma anche molti altri beni, sono classificati come “compostabili” o “biodegradabili”, in alcuni paesi, questi vengono utilizzati per la raccolta differenziata di questa particolare tipologia di rifiuti ed evitare contaminazioni con altri materiali plastici, mentre, in altri Stati tutto questo non viene fatto.

La capacità di degradarsi di questi sacchetti dipende da varie condizioni, come, ad esempio, la presenza di umidità ed ossigeno, per questo il loro uso necessita di un’attenta valutazione e una capacità di trattamento da parte dell’impianto di gestione dei rifiuti, in genere, le plastiche dei sacchetti non sono biodegradabili durante il processo di digestione anaerobica.

I prodotti compostabili non sono necessariamente biodegradabili in natura o nella compostiera domestica, per questo è molto importante che vi siano etichette chiare, istruzioni d’uso e disposizioni sulla biodegradabilità e compostabilità delle plastiche per una buona gestione dei rifiuti organici.

Nel 2018, la direttiva sui rifiuti, sottoposta a modifiche, ha introdotto importanti cambiamenti per quanto riguarda i rifiuti organici, in particolare, ha previsto:

  • l'obbligo per tutti gli stati membri di raccogliere separatamente i rifiuti organici o assicurare il riciclo a partire dalla fine del 2023
  • nuovi targets per la preparazione per il riuso e il riciclaggio dei rifiuti urbani, che, in accordo con la direttiva sulle discariche, necessita di individuare una corretta gestione dei rifiuti organici
  • l'obiettivo di ridurre gli scarti alimentari in linea con quanto stabilito dagli obiettivi di sviluppo sostenibile, prevedendo di dimezzarne i quantitativi prodotti entro il 2030
  • l'imposizione per tutti gli Stati membri UE di misurare e riportare i dati raccolti sulla produzione dei rifiuti alimentari generati ogni anno.

I rifiuti organici hanno un importante potenziale non solo come fertilizzanti in grado di migliorare i terreni ma anche in termini di nuovi prodotti, come il biocarburanti e non solo.

Per approfondire: EEA Bio-waste in Europe


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto:
Azioni sul documento
Strumenti personali