Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2019 081-19

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Lunedì 12 Agosto 2019

Arte e ambiente: intervista a Edoardo Malagigi


RSS

Il professore sta realizzando un capodoglio lungo 12 metri con i tetrapak usati. Un'installazione artistica a sostegno del Santuario dei cetacei Pelagos

Edoardo Malagigi ha insegnato per 40 anni all’Accademia di Belle Arti di Firenze e da tempo è impegnato a realizzare installazioni artistiche utilizzando come materia prima dei rifiuti.

Lo ha fatto nel 2009 in Sardegna a Pula (CA) dove ha coinvolto la popolazione locale realizzando “Schillellè”, un pesce lungo 8 metri, fatto di rifiuti che il mare riporta sulla terra ferma; bottiglie, scarpe, reti, legni, plastiche varie. Ha le sembianze del popolare muggine dal quale si estrae la “bottarga”.

schillelledugongo

Un’altra esperienza del genere lo ha visto protagonista nel 2013, a Naha la capitale dell’isola di Okinawa in Giappone. Sono stati raccolti migliaia di piccoli rifiuti arrivati dall’oceano al porto di Naha. Questi sono stati poi lavati e poi ancora piegati con la tecnica degli origami diventando così dei fiori da collocarsi all’esterno di una forma lunga otto metri simile al dugongo, un mammifero in via di estinzione, che ancora frequenta le coste dell’isola.

Malagigi e i tetrapackSiamo andati a trovarlo nella zona industriale di Pisa, in un capannone di Herambiente, dove - insieme ad un gruppo di volontari – sta costruendo un capodoglio lungo 12 metri, delle dimensioni reali di questo mammifero marino che vive nel Santuario dei cetacei Pelagos, che si estende fra la Liguria, la Corsica e la Toscana. [vedi intervista video]

Lo scheletro del cetaceo in costruzione è stato prodotto mirabilmente da un fabbro, un artigiano locale. Per la pelle del capodoglio, invece, Malagigi e i volontari, tutti artisti o studenti di belle arti, Katerine da Chicago, Toni da Barcellona, Silvia da Carrara e Irene da Firenze, utilizzano dei rifiuti.

modello di capodoglioondine per comporre la pelle del capodoglio

Si tratta di tetrapak usati, i diffusissimi contenitori di latte e bevande. Gli artisti ricavano da ciascun contenitore due “ondine” che poi vengono applicate sullo scheletro usando della colla a caldo. Ne saranno necessarie più di cinquemila di queste ‘ondine’, che vengono disposte come delle tegole su di un tetto, perché l’installazione artistica sarà esposta all’aperto e quindi in questo modo la pioggia potrà scorrere lungo la ‘pelle’ del capodoglio.

Katerine applica ondine sul capodoglioIrene applica ondine sul capodoglio

Malagigi realizza un capodoglio per richiamare l’attenzione sul Santuario dei cetacei Pelagos, nel quale vivono questi mammiferi, insieme a tanti delfini ed anche balene.

La scelta di usare dei rifiuti, come i tetrapak usati, è una scelta culturale e fortemente voluta dall’artista che in questo modo vuole manifestare un forte impegno a tutela dell’ambiente, sposando in pieno la logica dell’economia circolare.

colla a caldoSilvia applica le ondine sul capodoglio

Questa esperienza vuole dimostrare come sia possibile riusare i materiali ‘scartati’, diventati rifiuti, come materie prime seconde, l’artista li ha definiti la sua ‘nuova tavolozza’, che ha preso il posto dei tradizionali materiali usati per realizzare le tradizionali opere d’arte, il marmo, il legno, la pietra.

E poi, tanta pazienza, tanta cura, tanta attenzione nel lavoro di questi appassionati volontari nel rispettare la forma pensata dall’artista e descritta sotto forma di un modello, ed esempi di ‘pelle’.

Malagigi e il gruppo dei volomtari

Il capodoglio sarà esposto a settembre 2019 presso l’Orto botanico di Firenze, per poi andare ad Ecomondo, il tradizionale appuntamento sui temi ambientali che si tiene a Rimini, per poi raggiungere Montecarlo, dove si trova la sede del Santuario Pelagos.

Video in formato Adobe Flash
- se non lo vedi correttamente
guardalo nel canale ARPAT su Youtube

Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento

recupero rifiuti

Inviato da Utente anonimo il 12/08/2019 11:00

bella idea...ma porta l'arte a dare messaggi che così non so se sono colti dalla politica...Rifiuti? dobbiamo produrne meno e si può!!!!! basterebbe sfruttare le tante ricerche di recupero fatte dalle nostre università e non considerate da nessuno! oltre a mettere in discussione gli imballaggi e i trasporti lunghissimi... Claudia da Bologna

Strumenti personali