Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2017 172-17

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Martedì 31 Ottobre 2017

Il rumore aeroportuale a Pisa


RSS

Il contributo ARPAT alla Commissione Aeroportuale dell’Aeroporto di Pisa, che si è riunita il 26 ottobre 2017

Il 26 ottobre 2017 si è riunita la Commissione Aeroportuale dell’Aeroporto di Pisa di cui fanno parte, tra gli altri, oltre agli amministratori dei Comuni dell’intorno aeroportuale interessati dal traffico dell’aeroporto e in particolare il Comune di Pisa e il Comune di San Giuliano Terme, anche i rappresentanti del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, della Regione Toscana, di ARPAT, della 46a Aerobrigata, dei vettori che operano sullo scalo e del gestore Toscana Aeroporti.

La riunione era finalizzata all'analisi di alcune tematiche inerenti l’inquinamento acustico e ambientale a seguito di numerosi esposti e segnalazioni provenienti da cittadini residenti nei dintorni dello scalo, in particolare nel Comune San Giuliano, frazione Ghezzano, che rilevano un aumento del rumore causato dagli aerei in fase di decollo.

Nella riunione è stata espressa la volontà di trovare soluzioni idonee a ridurre i fattori evidenziati dai cittadini e comunque a ridurre globalmente il rumore prodotto. Si evidenzia infatti l’esistenza di una porzione dell’abitato di Pisa in cui le emissioni aeroportuali superano i limiti previsti sia dalla zonizzazione aeroportuale (LVA) che dal piano comunale di classificazione acustica (LAeq,TR) come confermano i risultati del sistema di monitoraggio acustico aeroportuale e le indagini strumentali condotte da ARPAT.

Nel corso della riunione, ARPAT ha presentato il lavoro sul rumore aeroportuale ed i sistemi, sviluppati nell'ambito di una tesi di dottorato in Fisica svolta presso ARPAT, che potranno essere adottati dal 1 gennaio 2018 dalla società che gestisce l'aeroporto.

Le traiettorie dei singoli aerei saranno messe in relazione ai livelli sonori misurati a terra.

ricostruzione

Le possibili soluzioni per la riduzione del rumore proposte da ARPAT saranno così verificabili. La Commissione aeroportuale potrà quindi approvare prescrizioni operative il cui mancato rispetto potrà portare a sanzioni per i trasgressori.

Tali proposte riguardano in particolare il rispetto della procedura di contenimento del rumore che determina un profilo di salita degli aeromobili (ICAO A) più ripido rispetto a quello standard e pieno utilizzo della pista che dal 2015 è stata allo scopo resa più lunga e quindi consente un decollo anticipato rispetto al passato di circa 300 metri.

allungamento pista


Per chi vuole approfondire:


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali