Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2017 099-17

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Venerdì 09 giugno 2017

Uso dei gessi per il ripristino dei siti di attività estrattive


RSS

Il Dibattito pubblico in corso a Gavorrano (GR) proposto dal Comune di Gavorrano e dalla Huntsman P&A Italy S.r.l. e sostenuto dall'Autorità regionale per la partecipazione

L'Autorità regionale per la partecipazione (APP), dopo l’esperienza del primo Dibattito pubblico regionale, sul progetto di ampliamento del Porto di Livorno, ha deciso di sostenere la proposta volontaria del Comune di Gavorrano e della Huntsman P&A Italy S.r.l., proprietaria dello stabilimento di produzione del biossido di titanio di Scarlino (ex Tioxide), di promuovere un Dibattito Pubblico (DP) sull’uso dei gessi per il ripristino di siti di attività estrattive.

Il tema da affrontare, infatti, attraverso il coinvolgimento attivo della popolazione e con il supporto di esperti di diversi argomenti, è il possibile utilizzo dei gessi che risultano dal ciclo produttivo del biossido di titanio, come materiale da usare per il ripristino di cave situate nel territorio del comune di Gavorrano, con tutte le tematiche connesse a questa eventualità.

Il Dibattito pubblico: cosa è

Il DP è lo strumento di partecipazione individuato dalla legge sulla partecipazione della Regione Toscana (LR 46/2013) per attivare un percorso d’informazione, discussione e confronto su opere, progetti o interventi che assumano una particolare rilevanza per la comunità regionale.

ll processo si divide in tre fasi:

  1. una fase preparatoria durante la quale avviene la stesura del Dossier informativo e si svolgono una serie di interviste a soggetti istituzionali, tecnici e rappresentanti dei diversi punti di vista (mappatura dei conflitti);
  2. una fase di svolgimento che prevede 3 incontri pubblici, tavoli di discussione online, FAQ, raccolta di contributi scritti mediante Quaderni degli attori;
  3. una fase finale che consiste nell'elaborazione di una relazione sugli esiti che viene poi pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione Toscana (BURT).

Le fasi del dibattitoEntro 90 giorni dalla pubblicazione della relazione, i promotori del DP devono elaborare una Relazione di risposta, anch’essa pubblicata sul BURT.

La Huntsman P&A Italy S.r.l. ed il Comune di Gavorrano non sono vincolati a rispettare l’esito del Dibattito Pubblico, ma hanno firmato un accordo con la Regione in cui si impegnano ad approfondirli con massima considerazione, chiarendo pubblicamente le ragioni per cui faranno propri i risultati del DP o invece se ne discosteranno.

Il DP è organizzato da un comitato di coordinamento composto dai promotori, e cioè il Comune di Gavoranno e la Società Huntsman P&A Italy, ed i garanti del suo svolgimento, ovvero l’Autorità regionale per la garanzia e promozione della partecipazione (APP) e la Responsabile del Dibattito, selezionata dall'APP tramite bando pubblico.

Quest'ultima, coadiuvata nell'organizzazione e nella comunicazione da una specifica società incaricata, riveste un ruolo terzo e neutrale rispetto alle questioni in discussione, mettendosi a disposizione di tutti, anche del singolo cittadino, per rispondere a dubbi o domande riguardo al metodo e per facilitare il dialogo con i proponenti.

Per assicurare una più ampia visione dei temi in discussione ed avere un ulteriore strumento di analisi e monitoraggio del procedimento, il comitato ha istituito anche un “tavolo di monitoraggio” composto da diversi soggetti istituzionali: i sindaci di Follonica, Roccastrada e Scarlino; i rappresentanti di ARPAT, USL 9 Grosseto, Parco Nazionale delle Colline Metallifere; i responsabili dei settori Bonifiche Autorizzazioni rifiuti ed Energetiche, Pianificazione e controlli in materia di Cave, Politiche per la Partecipazione della Regione Toscana. Al tavolo di monitoraggio è invitata anche l’Assessore regionale all’Ambiente e Difesa del Suolo.

Le tappe del Dibattito

Il Dibattito, che per legge regionale ha una durata complessiva di sei mesi, è stato introdotto da un incontro informativo, il 6 febbraio 2017, finalizzato ad illustrare l’istituto del Dibattito Pubblico regionale (LR 46/13) e far comprendere ai cittadini e ai rappresentanti delle istituzioni e realtà associative o imprenditoriali gli obiettivi del percorso, che è però entrato nel vivo con il primo incontro, il 27 aprile 2017.

In quest'ultima occasione si è affrontato il tema dei gessi rossi dal punto di vista del processo produttivo che li genera, delle caratteristiche fisico-chimiche, della normativa.

Per aiutare a capire la materia, durante l'incontro sono stati ascoltati gli interventi dei tecnici della Hutsman P&A Italy, dell'esperto nominato dall’APP, il Prof. Ing. Paolo Ghezzi della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, e l'intervento programmato di Roberto Barocci del Forum Ambientalista Grosseto. Sono state proposte domande lavorando in gruppi ai tavoli e portati contributi alla discussione. Anche ARPAT ha portato il suo contributo con un intervento di Roberto Palmieri del Dipartimento di Grosseto.

Visita delle caveIl 13 maggio 2017, sotto la guida di due esperti dell’Università di Siena che hanno illustrato le caratteristiche dei siti e del territorio attraversato, si è svolta una visita guidata ad alcune cave, in particolare:

  • ex cava di Poggio Speranzona (prima, durante e dopo i lavori di ripristino con gessi e piantumazione di essenze erbacee, arboree e arbustive)
  • cava della Bartolina
  • cava della Vallina

Il secondo incontro del DP, svoltosi il 23 maggio 2017, ha visto la discussione ed il confronto sullo specifico ripristino di una cava con l'uso dei gessi, partendo dall'esempio di Poggio Speranzona, ex cava ripristinata con i gessi. Sono state illustrate le regole in materia, le procedure e le tipologie di ripristino, i vantaggi e i limiti dei ripristini con i gessi.

All’incontro hanno partecipato i membri dell’APP e gli esperti da loro nominati: Ing. Daniele Martelloni, presidente dello Studio Boeri di Pisa, esperto in gestione rifiuti e bonifiche, e Dott.ssa Brunella Raco, ricercatrice dell'Istituto di Geoscienze e Georisorse (IGG) del CNR di Pisa, esperta in geochimica. Si è tenuto inoltre l'intervento programmato di Clementina Piluso di SOS Piana del Casone.

Aula del dibattitoL'ultimo incontro del Dibattito si svolgerà il 12 giugno 2017 e verterà sui criteri per orientare la scelta del sito: attraverso l'ausilio di esperti ed i tavoli di discussione si analizzeranno il contesto territoriale e normativo regionale e provinciale, le cave esistenti nel territorio di Gavorrano e le diverse ipotesi localizzative, se compatibili con i gessi.

Dopo ogni appuntamento del Dibattito Pubblico è attivato un Tavolo di discussione tematico, legato all'argomento dell'incontro appena svolto, dove sono pubblicate le domande prodotte dai tavoli di lavoro e (entro 10 giorni) le risposte scritte alle domande a cui non è stato possibile rispondere direttamente in sala. Nei tavoli virtuali è possibile continuare a scambiare le opinioni e chiedere chiarimenti agli esperti.

Sul portale di Open Toscana Partecipa sono pubblicati tutti i materiali tra cui il Dossier informativo come "guida alla discussione" ed i riassunti ed i video degli incontri.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , ,
Azioni sul documento
Strumenti personali