Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

logo twitter logo facebook logo flickr logo youtube logo issuu logo RSS app ARPAT per dispositivi mobili
Sei in: Home Notizie ARPATnews 2017 095-17

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Giovedì 01 Giugno 2017

La produzione di rifiuti urbani nei comuni delle province di Lucca, Massa Carrara, Pisa e Livorno


RSS

I comuni della provincia di Livorno producono, in media, la quantità più alta di rifiuti urbani (differenziati e non) in Toscana, pari a 853,04 kg abitante anno

Proseguiamo nella nostra analisi dei dati di ARRR sulla produzione di rifiuti urbani, nel 2015, nei comuni toscani.

Dopo i dati dei comuni dell'ATO Centro, Firenze-Prato-Pistoia, e dell'ATO Sud, Arezzo-Siena-Grosseto, vediamo i dati di produzione dei comuni delle province di Lucca, Massa-Carrara, Pisa e Livorno.

La produzione media di rifiuti totali (indifferenziati e differenziati) in kg abitante anno, nei comuni delle province interessate, risulta la seguente:

  • Lucca: 526,24
  • Massa/Carrara: 506,12
  • Pisa: 548,91
  • Livorno: 853,04

In tutte e quattro le province esaminate, in media, i rifiuti indifferenziati prodotti sono in numero superiore (in kg abitante anno) a quelli differenziati;  i comuni lucchesi fanno registrare un quantitativo medio pro capite annuo di rifiuti indifferenziati di poco superiore a quelli differenziati, come visibile nella tabella sottostante.

 Comuni provincia di Produzione media di rifiuti urbani indifferenziati (Kg/abitante/anno) Produzione media di rifiuti urbani differenziati (Kg/abitante/anno)
Lucca 265,29 260,95
Massa/Carrara 332,81 173,30
Pisa 325,21 223,70
Livorno 527,52 325,53

La produzione di rifiuti urbani nei comuni della provincia di Livorno

mappa rd livornoI comuni livornesi hanno una produzione media di rifiuti urbani (differenziati e non) pari a 853,04 kg anno abitante, si tratta del valore più alto registrato in Toscana.

In questa provincia il comune con la produzione di rifiuti urbani totali (differenziati e non) più bassa è Suvereto, con 468,16 kg pro capite anno, mentre, quello con la produzione più alta risulta Bibbona che raggiunge i 1654,14 kg pro capite annui.

Superano i 1000 kg anno anche Capoliveri, Campo nell'Elba, Castagneto Carducci e San Vincenzo. Quest'ultimo risulta il comune livornese con la più alta quantità prodotta di rifiuti urbani indifferenziata pro capite anno, 794,95 kg.

La quantità media di rifiuti differenziati prodotti nei comuni livornesi si aggira sui 325,53 kg pro capite anno; il comune con la quantità di rifiuti, raccolti in modo differenziato, più bassa è Porto Azzurro, con 127,91 kg pro capite anno.

Nessun comune livornese supera il 65% di raccolta differenziata certificata, che oscilla da un minimo di 18,52 % (Porto Azzurro) ad un massimo di 64,18% (Marciana Marina).

L'immagine sovrastante e quelle successive di uguale natura sono rielaborate da Il sole 24 ore; mettono in evidenza, attraverso la variazione di colore, la situazione della raccolta differenziata nei diversi comuni. I colori variano dal rosso al verde a seconda della percentuale più o meno alta di rifiuti differenziati (il rosso intenso corrisponde ad una bassa percentuale mentre il verde intenso ad un'alta percentuale di raccolta differenziata).

Comuni sotto i 5000 abitanti

ru e rd comuni livorno fino 5000 Comuni da 5000 a 14.999 abitanti

ru e rd comuni livorno da 5000 fino 15000

Comuni da 15.000 a 29.999 abitanti

ru e rd comuni livorno da 15 a 30 000

Comuni da 30.000 a 49.000 abitanti

ru e rd comuni livorno sopra 30000

Comuni superiori 50.000 abitanti

rd e ru livorno

La produzione di rifiuti urbani nei comuni della provincia di Lucca

 

La produzione media di rifiuti, differenziati ed indifferenziati, nei comuni della provincia di Lucca, si attesta a 526, 24 kg pro capite anno.

Il comune con la più alta produzione di rifiuti urbani (differenziati e non) è Forte dei Marmi, 1257,87 kg pro capite anno. Montecarlo risulta, invece, il comune lucchese con la più bassa produzione di rifiuti totali, 350,14 kg anno abitante, di cui 89,64 kg indifferenziati a cui si accompagna un'alta percentuale di raccolta differenziata certificata, pari all' 80,25%.

mappa rd lucca

La percentuale di raccolta differenziata certificata nei comuni lucchesi oscilla da un minimo di 13,92% (Sillano Giungugnano) ad un massimo di 88% (Capannori).

Diversi i comuni lucchesi che superano il 65% di raccolta differenziata certificata, oltre a Capannori (88%), raggiungono e superano l'80%: Barga (83,78%), Montecarlo (80,25%), Altopascio (67,70%), Borgo a Mozzano (68,12), Forte dei Marmi (69,21%), Pescaglia (68,53%), Pietrasanta (68,62%), Pieve Fosciana (67,63%), Porcari (74,71%), Serravezza (73,64%) e Villa Basilica (72,36%).

Menzione speciale per Lucca, che è l'unico capoluogo di provincia in Toscana a raggiungere il 72,84% di raccolta differenziata certificata.

Comuni sotto i 5000 abitanti

rd/ru comuni lucca sotto 5000

Comuni da 5000 a 14.999 abitanti

rd e ru da 5000 a 15 000 comuni lucca

Comuni da 15.000 a 29.999 abitanti

rd e ru comuni lucca da 15 000 a 30 000

Comuni da 30.000 a 49.000 abitanti

rd e ru comuni lucca da 30 000 a 50 000

Comuni superiori 50.000 abitanti

ru e rd comuni lucca sup 50 000

La produzione di rifiuti urbani nei comuni della provincia di Massa e Carrara

Nei comuni della provincia di Massa e Carrara, la produzione media di rifiuti urbani (differenziati e non) è di 506,12 kg abitante anno, il Comune con la produzione pro capite più bassa risulta Fosdinovo, 392,11 kg annui pro capite, al contrario, Massa fa registrare la produzione più alta , 796,52 kg anno per abitante.

mappa rd massa carrara

Montignoso è il comune di questa provincia che raccoglie la quantità maggiore di rifiuti differenziati, 300,30, attestandosi ad una percentuale di raccolta differenziata certificata pari al 59,76%.

La quantità media di rifiuti differenziati pro capite annua è di 173,30 kg, si va da un minimo di 109,56 kg, nel comune di Pondenzana, ad un massimo di 300,30 kg a Montignoso.

Nessuno dei Comuni di Massa - Carrara supera il 65% di raccolta differenziata certificata, le Amministrazioni con le percentuali più alte risultano: Montignoso, Villafranca in Lunigiana e Filattiera, tutte sopra il 50%.

Comuni sotto 5000 abitanti

rd e ru comuni massa sotto 5000

Comuni da 5000 a 14.999 abitanti

ru e rd comuni massa da 5000 a 15000

Comuni sopra 50 000 abitanti

rd e ru comuni sopra 50 000 Massa

La produzione di rifiuti urbani nei comuni della provincia di Pisa

Nei comuni della provincia di Pisa, la produzione media di rifiuti urbani totali (differenziati e non) raggiunge 548,91 kg abitante anno. Santa Maria a Monte ha la produzione più bassa, 346,34 kg anno pro capite mentre Pisa quella più alta, 801,76 kg annui cadauno.

mappa rd pisa

Il comune con la raccolta di rifiuti differenziati pro capite più alta risulta Vecchiano, che raggiunge quindi una buona percentuale di raccolta differenziata certificata, 74, 67%.

Per quanto riguarda la raccolta certificata nei comuni pisani, la percentuale oscilla da un minimo di 14,80% (Guardistallo) ad un massimo di 83,17 % (San Giuliano Terme).

San Giuliano Terme, Calci e Calcinaia sono i comuni della provincia di Pisa che raggiungono e superano l'80% di raccolta differenziata certificata, vicinissimi all'80% sono: Buti (78,85%), Cascina (79,83)%, Castelfranco di Sotto (79,96%), Ponsacco (79,33%), Santa Croce sull'Arno (79,49%) e Santa Maria a Monte (78,50%).

Superano il 65% di raccolta differenziata certificata anche Bientina (69,06%), Pontedera (65,34%), San Miniato (71,80%), Vecchiano (74, 67%) e Vicopisano (73,46%).

Comuni sotto i 5000 abitanti

ru e rd comuni pisa sotto 5000

Comuni da 5000 a 14.999 abitanti

ru e rd comuni pisa 5000 a 15000 

Comuni da 15.000 a 29.999 abitantiru e rd comuni pisa 15000 a 30000

Comuni da 30.000 a 49.000 abitanti
rd e ru comuni da 30 000 a 50 000 Pisa
Comuni oltre 50.000 abitanti

ru e rd comuni pisa oltre 50000


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali