Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2017 008-17

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
Mercoledì 11 Gennaio 2017

I dati aggiornati sull'inquinamento atmosferico in Europa


RSS

L'inquinamento atmosferico rimane il più grande pericolo per la salute ambientale in Europa, con una stima di 467.000 morti premature ogni anno

La relazione dell'EEA “Air quality in Europe — 2016 report” presenta una panoramica aggiornata e un'analisi della qualità dell'aria per gli anni 2000-2014 sulla base di dati provenienti dalle stazioni di monitoraggio ufficiali in tutta Europa, tra cui più di 400 città.

I dati mostrano che nel 2014 circa l'85% della popolazione urbana nell'UE è stata esposta al particolato fine (PM2.5) a livelli ritenuti dannosi per la salute dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

Il rapporto fornisce anche nuove stime relativamente agli impatti sulla salute per gli inquinanti atmosferici più nocivi sulla base dei dati 2013. L'esposizione a PM2.5 è stata responsabile di circa 467.000 morti premature in 41 paesi europei nel 2013, mentre, all'interno dell'Unione Europea, le morti premature hanno superato le 430.000 unità. Inoltre, sempre in Europa, le morti premature stimate causate da biossido di azoto (NO2) e ozono (O3) sono state rispettivamente 71.000 e 17.000.

Secondo il Direttore esecutivo dell’EEA, Hans Bruyninckx, la riduzione delle emissioni ha portato a miglioramenti nella qualità dell'aria in Europa, ma non abbastanza per evitare danni inaccettabili per la salute umana e l'ambiente, per cui si dovranno affrontare le cause dell’inquinamento atmosferico trasformando in maniera profonda e innovativa i nostri settori produttivi, come quello energetico ed alimentare, e non solo.EU urbanities exposure to air pollution.jpg

La relazione mette in evidenza, infatti, che la qualità dell'aria è comunque migliorata nel corso degli anni, dato che la media annuale del PM10 si è ridotta nel 75% dei siti monitorati durante il periodo 2000-2014.

Analogamente, le concentrazioni di PM2.5, in media, sono diminuite tra il 2006 e il 2014 per tutte le tipologie di stazione (urbana, traffico, di fondo, etc.) e anche l’esposizione a livelli di PM superiori alle raccomandazioni delle Linee guida OMS sulla qualità dell’aria è calata nel corso degli anni.

I principali risultati del report:

  1. Nel 2014, il 16% della popolazione urbana nell'UE-28 è stato esposto a livelli di PM10 superiori al valore limite giornaliero UE, mentre l'8% è stato esposto a livelli di PM2.5 al di sopra del valore obiettivo dell'UE. Inoltre, circa il 50% e l'85% degli abitanti delle città sono stati esposti a concentrazioni di PM10 e PM2.5 che superano i valori più rigorosi stabiliti dalle Linee guida OMS;
  2. il biossido di azoto (NO2) colpisce direttamente il sistema respiratorio, ma contribuisce anche alla formazione di PM e O3. Nel 2014, il 7% della popolazione urbana nell'UE-28 è stata esposta a concentrazioni di NO2 al di sopra dei medesimi valori fissati dall’OMS e UE, con il 94% di tutti i casi di superamento causati dal traffico;NEC Directive
  3. le emissioni di PM2.5 provenienti dalla combustione di carbone e biomasse per il riscaldamento delle abitazioni e degli edifici commerciali e istituzionali non sono diminuite in modo significativo. Per ridurre le emissioni di questi settori sarebbe essenziale attuare pienamente la legislazione vigente, come ad esempio le recenti modifiche alla Direttiva sulla progettazione eco-compatibile per stufe domestiche, la Direttiva riguardante le emissioni originate da impianti di combustione medi, oppure produrre delle guide sulle buone pratiche da adottare per il riscaldamento domestico, etc.;
  4. le emissioni di ammoniaca (NH3) da agricoltura rimangono elevate e contribuiscono soprattutto a mantenere livelli di PM sostenuti;
  5. l'inquinamento atmosferico, specialmente da O3, NH3 e NOx, continua a danneggiare la vegetazione e gli ecosistemi.

La revisione della Direttiva sui limiti nazionali di emissione

Il 14 dicembre 2016 il Parlamento europeo, su proposta della Commissione, ha votato la nuova Direttiva sui limiti nazionali di emissione (NEC) che entrerà in vigore il 31 dicembre 2016 e con la quale si impongono limiti più rigorosi per i cinque principali inquinanti atmosferici (SO2, NOx, NMVOC, NH3, and PM2.5 ) in Europa.

All'interno della direttiva la Commissione, inoltre, dichiara l'intenzione di promuovere la riduzione di emissione anche del Metano e si riserva di presentare una proposta legislativa in tal senso tenendo conto di una serie di studi sul tema attualmente in corso che dovrebbero essere completati nel 2017.

La Direttiva stabilisce limiti nazionali per le emissioni più severi dal 2020 al 2029 e successivamente dal 2030 in avanti espressi come percentuali di riduzione di emissione del 2005; detta inoltre disposizioni relative agli inventari e proiezioni nazionali delle emissioni. Secondo le stime, grazie a questi nuovi impegni, nel 2030 l'impatto dell'inquinamento atmosferico sulla salute dovrebbe essere ridotto di circa il 50% rispetto al 2005.

Gli Stati membri dovranno recepire la Direttiva entro il 30 giugno 2018 e redigere un programma nazionale contro l'inquinamento atmosferico entro il 2019 che stabilisca misure per garantire che le emissioni dei cinque inquinanti siano ridotte delle percentuali concordate per il 2020 e il 2030. Queste misure dovranno essere, inoltre, coordinate con nuovi piani nei settori dei trasporti, agricoltura, energia e clima.

Si prevede che questo richiederà molti investimenti, ma i costi saranno largamente compensati dai benefici nel risparmio per l'assistenza sanitaria e le malattie sul lavoro.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali