Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2016 178-16

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 178 - Martedì 11 Ottobre 2016

Quale comunicazione delle agenzie ambientali?


RSS

Intervista a Mario Salomone, Presidente Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA)

A pochi giorni dal seminario Comunicare l'ambiente all'epoca della conversazione sociale, organizzato dal gruppo di lavoro Comunicazione del SNPA e dalla Federazione Italiana Media Ambientali (FIMA), abbiamo posto alcune domande al Presidente FIMA, Mario Salomone.

Iscritto all'Ordine dei giornalisti dal 1980, dopo anni di precariato, Mario Salomone è anche sociologo dell'ambiente, autore di vari saggi (l'ultimo, pubblicato da Carocci, è Al verde! La sfida della economia ecologica) e scrittore di romanzi e racconti. Presiede dalla sua fondazione la Federazione italiana media ambientali (FIMA) ed è Segretario generale della rete mondiale che organizza i congressi biennali dell’educazione ambientale (WEEC, World environmental education congress). Dirige alcune testate, tra cui “.eco”.

Cosa ti aspetti dalle agenzie di protezione ambientale in materia di comunicazione?
Più impegno nel fare crescere la domanda di comunicazione. Comunicazione e informazione, infatti, non sono esattamente sinonimi: l’informazione fornisce dati, la comunicazione costruisce una comunità di dialogo intorno a un obiettivo comune, presuppone una qualche forma di interazione reciproca.

Puoi fare qualche esempio?
Anche limitandoci alla semplice domanda di informazione, da un lato essa c'è se i cittadini hanno delle curiosità, se la chiedono, dall’altro se ne fanno un uso, come dire, non personale ma sociale, se poi cioè ne discutono, la condividono con altri, la diffondono, se, cioè, l’informazione si fa comunicazione, che è appunto, come dicevo, un modo per “fare comunità” e se c’è una ricaduta di pubblica utilità, se dunque la comunicazione aiuta tutti a costruire delle soluzioni condivise ed è dunque uno strumento di partecipazione e di democrazia reale.

E per sviluppare la domanda non c’è che una strada: quella di contribuire all’educazione dei cittadini, andandoli a scovare dove si trovano, le scuole, ovviamente (ma è sfondare una porta aperta) e poi, qui sta il difficile, le associazioni, i luoghi di aggregazione, gli eventi grandi e piccoli, i luoghi di lavoro, le comunità religiose, eccetera.

Questo in parte già avviene, specie nelle regioni in cui l'amministrazione ha affidato loro questo compito in modo ufficiale e organizzato.

Cosa dovrebbero fare le agenzie?
Ovviamente le agenzie fanno il loro mestiere di raccogliere dati, magari chi meglio chi meno, forse un po' a macchia di leopardo, con poteri insufficienti e spesso fondi che hanno conosciuto riduzioni così come è successo negli ultimi anni anche in altri settori dei servizi pubblici.

Ma il vero salto qualitativo nel modo di diffondere i dati ambientali è da un lato di darne una lettura integrata in modo da favorire una conoscenza completa del territorio in cui i cittadini vivono e delle interazioni tra i suoi diversi aspetti e, dall'altro, di farne uno strumento di prevenzione e cambiamento. Certo, è fondamentale sapere se l'aria che respiriamo o l'acqua che beviamo ci stanno avvelenando, ma questo dato deve servire a cambiare un intero paradigma. La visione non deve essere né specialistica né settoriale. Culturalmente e comunicativamente è la sfida più difficile, perché ha a che vedere con la complessità del mondo e si scontra con un mondo a compartimenti stagni e una vita che ci rinchiude, nei vari momenti della giornata e dell’esistenza, in scatole diverse. Insomma, la comunicazione ambientale deve… rompere le “scatole”.

Suggerimenti?
Mi rendo conto che la complessità è una sfida difficile e può essere affrontata solo agendo su diversi piani. Credo che si debba parlarne con le reti di educatori (cominciando da quelle dell'educazione all'ambiente e alla sostenibilità), con il mondo accademico e le associazioni o società scientifiche, ma anche con sindacati, ordini professionali, associazioni di categoria, organizzazioni del Terzo settore e via dicendo, stabilendo un forte canale di collaborazione e confronto con tutta la società civile. E trovando, come dicevo prima, dei canali per raggiungere la popolazione “adulta” aggirando la insensibilità dei grandi mezzi di informazione stampata e radiotelevisiva dove anzi lo spazio per l’informazione ambientale si va riducendo (vedi le ultime decisioni della Rai).

Internet e i “social” compensano in parte il deficit informativo, ma non è sufficiente e sappiamo che il web è anche intasato da cose futili, o peggio da bufale e notizie fuorvianti e contraddittorie.

Dobbiamo anche fare ricerca sui linguaggi e sulle modalità comunicative per raggiungere il grande pubblico, quello che fa impennare lo share delle trasmissioni di intrattenimento e confina in una nicchia l'approfondimento. Dobbiamo incuriosire tutti e farci capire da chi per bagaglio culturale e contesto socio-economico fa più fatica a capire l’importanza fondamentale dei temi di cui le ARPA come i media ambientali o gli educatori ambientali si occupano.

Le agenzie ambientali sono però un po' la Cenerentola della comunicazione ambientale. Secondo te quale dovrebbe essere il ruolo/comportamento delle agenzie da questo punto di vista?
Temo che l'ambiente sia una Cenerentola un po' per tutti, tranne quando c’è il caso clamoroso o la catastrofe: i grandi mezzi di informazione privilegiano il sensazionalismo e il catastrofismo e in genere una “notiziabilità” decisa in base a criteri molto discutibili, e non solo in Italia, per non parlare del peso delle lobby economiche e finanziarie.

Sul Guardian, George Monbiot, noto giornalista e scrittore, ha denunciato che i mass media riservano solo qualche noticina alla più grande sfida che l’umanità deve fronteggiare da sempre.

Ad esempio, non è stato dato alcun risalto a come l’ambiente è stato trattato nei programmi per le elezioni presidenziali USA dei Democratici di Hillary Clinton e dei Repubblicani di Donald Trump.

Pur in modo strabico (non mancano obiettivi schizofrenici), Hillary Clinton promette un cambiamento come non si era visto dalla Seconda guerra Mondiale e di arrivare a energie interamente pulite entro la metà del secolo, mentre Trump definisce il cambiamento climatico un “imbroglio” e “una montatura” e nel suo “manifesto” sparge dichiarazioni d’amore verso il carbone e tremende intenzioni di togliere ogni freno alle emissioni di CO2. Proprio mentre chiede le autorizzazioni per proteggere con muri e argini il suo campo da golf in Irlanda, minacciato non dai migranti messicani, ma dall’innalzamento del mare, dall’erosione e dalle crescenti tempeste…

Se la penna ne uccide più della spada, il portafoglio conta più della penna...

Che i mass media (“embedded” nel potere) preferiscano pettegolezzi e banalità, del resto, non è strano, conclude Monbiot. Basti pensare che l’American Petroleum Institute (che rappresenta oltre 650 industrie del petrolio e del gas) ha pagato Washington Post, Atlantic e Politico per ospitare una serie di dibattiti sul clima alle convenzioni di Democratici e Repubblicani con nutrita presenza di negazionisti del riscaldamento globale.

Per contrastare queste tendenze non c'è che una strada che anche le agenzie ambientali devono percorrere: “fare sistema”, costruire ponti con la società civile e alleanze e soprattutto perseverare. La perseveranza dà sempre buoni frutti.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto:
Azioni sul documento
Strumenti personali