Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2016 159-16

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 159 - Giovedì 08 Settembre 2016

Le esperienze di comunicazione scientifica maturate con il progetto "Gioconda"


RSS

Intervista a Liliana Cori (IfC-CNR di Pisa) su un caso molto speciale di approccio alla scienza che riassume alcuni punti chiave che sembrano funzionare positivamente per avvicinare i cittadini alla scienza

Recentemente abbiamo parlato su queste pagine del progetto LIFE+ GIOCONDA (i GIOvani CONtano nelle Decisioni su Ambiente e salute) che propone agli amministratori pubblici di coinvolgere i giovani cittadini nel processo decisionale per rafforzare le politiche in materia di ambiente e salute.

Oggigiorno la scienza non è più considerata attendibile di per sé da parte dei cittadini e, di conseguenza, non è più sufficiente "trasmettere" dei contenuti ma è necessario instaurare un dialogo fra scienza e cittadini. Poiché il tema della partecipazione e della comunicazione di dati scientifici è uno degli aspetti cruciali del progetto, abbiamo chiesto ad una dei suoi protagonisti, la dott.ssa Liliana Cori  - dell’Istituto di Fisiologia Clinica del CNR a Pisa - cosa ci poteva dire sul punto.

"GIOCONDA - risponde -  è un acronimo che significa “i GIOvani COntano Nelle Decisioni su salute e Ambiente”: il progetto propone gli amministratori pubblici di coinvolgere i giovani cittadini nel processo decisionale per rafforzare le politiche in materia di ambiente e salute. I ragazzi a scuola intraprendono un percorso di acquisizione di conoscenze scientifiche, su temi che li riguardano, di consultazione con esperti, di discussione di dati; sulla base di questo lavoro sono chiamati a proporre soluzioni e presentarle agli amministratori locali. È quindi un caso molto speciale di approccio alla scienza, ma riassume alcuni dei punti chiave che sembrano funzionare positivamente per avvicinare i cittadini alla scienza.

Liliana CoriInnanzi tutto il coinvolgimento e l'azione, su temi interessanti e su cui si può dire e fare qualcosa.

Non si può stabilire un tema da comunicare in astratto: vanno studiate e comprese le sue caratteristiche per il pubblico di riferimento per scegliere l'approccio adeguato. Nel nostro caso avevamo deciso di fare monitoraggio dell'inquinamento dell'aria e del rumore fuori e dentro le scuole e di fare un questionario sulla percezione del rischio, all’interno di un percorso lungo un anno scolastico. Dopo aver studiato le caratteristiche del proprio territorio, i ragazzi hanno discusso i risultati ed elaborato proposte.

Abbiamo capito solo durante il progetto che i ragazzi delle scuole secondarie, sia di primo che di secondo grado, sono stati catturati dal tema del rumore e hanno ricavato proposte interessanti dal proprio lavoro. Innanzi tutto non avevano mai pensato al rumore come problema ambientale, ma neppure come problema di salute. Non solo il rumore fa male a ciascuno di noi per il fastidio, perché non ci si sente reciprocamente o per un ronzio alle orecchie, ma può provocare danni cardiaci e al sistema immunitario e problemi psichiatrici.

Il punto è che il rumore - o quello che gli esperti chiamano rumore - può essere considerato da altri un suono piacevole, che sia musica, un motorino smarmittato o una macchina sportiva. È associato a diversi rischi che sono molto attraenti per i ragazzi: è stato stimolante quindi discuterli, mostrare il funzionamento dell'orecchio, vedere come si può rimediare alla momentanea sordità dopo la discoteca riposandosi un po' prima di mettersi alla guida. Invece il rumore nella scuola, alto e fastidioso in tutte le situazioni dove abbiamo lavorato, era da considerare per capire come risolverlo, con grande gioia degli insegnanti.

A parte le strutture da risistemare (infissi o pareti troppo sottili) in ogni classe si può trovare il modo di non fare sentire a chi sta al piano di sotto le sedie che si muovono, provare a limitare il rimbombo della voce, esercitarsi nel silenzio oltre che nella chiacchiera.

Altro aspetto rilevante è la creatività e l'ascolto assieme alla realizzazione di misure concrete.

Tutte le classi hanno elaborato: idee, trasferite su Power point, che hanno dovuto presentare in pubblico; oggetti, disegni e installazioni, che sono stati portati agli eventi in cui erano coinvolti gli amministratori; interviste, filmati, post, foto che sono serviti come documentazione o per supportare le presentazioni in pubblico. E la lista delle idee, presentate per argomento, è stata ascoltata e commentata nei dettagli dagli amministratori, mostrando ai ragazzi che la loro è una voce che importa, una voce che conta.

Nel caso di Ravenna e di Ferrara le proposte dei ragazzi sono entrate nei PUMS, Piani Urbani della Mobilità Sostenibile, e Gioconda è diventato uno strumento di consultazione. A San Miniato e Taranto le autorità hanno accolto l’idea di un Consiglio Comunale dei Ragazzi, per discutere le pianificazioni annuali. In tutte le città gli amministratori e i dirigenti delle scuole hanno preso atto delle problematiche di inquinamento e iniziato a pensare le possibili soluzioni. Qualcosa è cambiato: la voce dei ragazzi è stata ascoltata.

Da ottobre 2016 GIOCONDA si potrà usare consultando la piattaforma: un gruppo di scuole è pronto e gli amministratori presto sapranno che altri giovani cittadini hanno tutte le intenzioni di prendere la parola."


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali