Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2016 136-16

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 136 - Lunedì 18 Luglio 2016

La comunicazione dei dati ambientali


RSS

Intervista a Giulia Annovi, datajournalist e comunicatrice scientifica; collabora con diverse testate, tra le quali Datajournalism.it e Rivista Micron, e si occupa di temi legati alla salute, all’ambiente e all’istruzione

Con questo articolo torniamo ad affrontare la questione dei dati, di cui abbiamo già parlato con Daniela Vellutino e con Ernesto Belisario. Oggi il tema viene affrontato con Giulia Annovi che, come Rosy Battaglia, i dati li utilizza come base di partenza per raccontare storie di tipo giornalistico.

A Giulia Annovi, che abbiamo incontrato in occasione del seminario SNPA "Comunicare la scienza, comunicare l'ambiente", abbiamo rivolto alcune domande. Il contributo si aggiunge alle interviste precedentemente realizzate in tema di conflitti ambientali e processi partecipativi.

Le agenzie ambientali hanno fra i loro compiti istituzionali quello di assicurare l’informazione ambientale, ha avuto modo di avere contatti con qualche ARPA da questo punto di vista e che impressione ne ha avuto?

Il mio primo contatto con l'ARPA l'ho avuto alcuni anni fa, in occasione della mio debutto nel mondo del datajournalism. Secondo le regole di questo particolare ramo del giornalismo, ero a caccia di dati per costruire una storia confrontando valori, numeri e andamenti.

Allora, come oggi, avevo notato una certa disomogeneità tra una regione e l'altra nella forma e nella sostanza con cui venivano resi disponibili i dati ambientali. Alcuni siti Web avevano già avviato una riflessione sul formato dei dati, sui parametri da pubblicare o più banalmente sulle unità di misura da impiegare. Talvolta i dati non erano tra loro confrontabili in modo intuitivo. In altri casi non era possibile trovare il dato pubblicato, anche se io ero ben conscia che quel tipo di monitoraggio fosse stato senz’altro eseguito. E infatti in quell’occasione, come nelle successive, è stato fondamentale il rapporto con gli uffici stampa, che hanno saputo indirizzarmi verso la persona capace di fornire o spiegare le analisi realizzate e le misure raccolte nelle diverse sedi regionali. E io ritengo fondamentale queste stretta collaborazione tra il giornalista e le istituzioni.

Cosa si aspetterebbe, come cittadino, in tema di informazione ambientale da parte delle ARPA?

Rispondo alla domanda con alcuni desideri, talvolta già esauditi dai servizi forniti dalle ARPA. Da cittadina sogno un’informazione puntuale e aggiornata, soprattutto in caso di rischio. Mi piacerebbe avere dati recenti, quasi in tempo reale, anche se comprendo che, dal lato operativo, ci siano difficoltà legate alla loro elaborazione.

Un altro aspetto che mi incuriosisce è il confronto con quello che accadeva in passato o le previsioni per il futuro. Che influenza hanno avuto o avranno le scelte che facciamo a livello politico e sociale sull'ambiente?

Un altro aspetto che credo sia da non sottovalutare è il coinvolgimento del cittadino. Ciascuno di noi oggi sceglie che tipo di informazione avere, ad esempio decidendo chi seguire sui social network o quale link selezionare. Penso che un’informazione più diretta, che parla alle persone e che è in grado di interagire con loro pur rimanendo autorevole, sia una strada su cui occorre riflettere sempre di più. La comunicazione odierna si sviluppa su più piani, che spesso competono tra loro. Ecco perché sarebbe necessario individuare le migliori strategie in tempo di “pace”, per prepararsi al meglio alla situazione di rischio o di allarme.

Le agenzie ambientali sono enti tecnici, i temi da loro trattati hanno una complessità non facile da rendere comprensibile per tutti. Quali suggerimenti può dare ai comunicatori delle agenzie ambientali?

Le caratteristiche che vorrei rimanessero inalterate nell’informazione ambientale sono la chiarezza e la trasparenza. Bisogna accompagnare il lettore nell'interpretazione dei dati e nell'attribuzione di un significato al risultato scientifico. E in questo possono essere di grande aiuto i grafici, che sono una rappresentazione intuitiva del dato. Oppure le mappe, che restituiscono anche l’idea della localizzazione e dell’estensione di un determinato fenomeno. Certo però accanto al dato non può mancare la storia, quella che spiega come sono stati ottenuti i dati e il perché del risultato registrato.

Per guadagnarsi la fiducia del proprio pubblico infatti è fondamentale non tralasciare alcun elemento che concorra a garantire la trasparenza. Possono servire alcune note tecniche che spiegano come è stato raccolto o manipolato il dato e i più esperti possono essere attratti dalla tabella dei dati che, a mio avviso, dovrebbe essere sempre visibile o scaricabile. I meno curiosi possono essere conquistati anche da una foto che mostri le azioni compiute dall’operatore o da un elemento grafico che spieghi i diversi passaggi attraverso cui è avvenuto un campionamento.

I livelli in cui è possibile esercitare la trasparenza sono diversi. L'importante che sia data a ciascuno la possibilità di trovare una risposta alla sua curiosità.

Riguardo agli Open-data, secondo lei quali dovrebbero essere gli orientamenti che dovrebbero assumere le agenzie ambientali?

Ora parlo dal punto di vista dell’utente finale, senza addentrarmi nelle questioni tecniche che non mi competono. In primo luogo credo che le agenzie ambientali debbano soprattutto fare rete, non solo creando protocolli comuni per la gestione dei dati, ma anche per favorire una condivisione delle analisi in modo da avere coperture territoriali più ampie.

Penso che sia molto importante che l'utilizzatore finale possa disporre di una tabella in un formato riutilizzabile e anche di un testo che gli consenta di capire qual è l'origine del dato e la chiave di interpretazione.

Infine ribadisco che anche la rappresentazione grafica può essere un utile mezzo per avvicinare i cittadini a concetti che non sono di facile interpretazione.

Il fine ultimo è quello di aumentare la trasparenza, l'unica strada che mi sembra percorribile per aumentare la fiducia nell'informazione.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali