Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2015 085-15

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 085 - Lunedì 27 aprile 2015

Conoscere per partecipare: l'esperienza del Dibattito pubblico in Francia


RSS

Per facilitare il dibattito viene creato un apposito sito Web, dove vengono messi a disposizione del pubblico tutti i materiali predisposti

Negli anni ’90 viene istituito in Francia il dibattito pubblico, quale strumento di partecipazione dei cittadini al processo di progettazione di grandi interventi, nel caso in cui i progetti presentino importanti ricadute socio-economiche o possano produrre impatti significativi sull’ambiente e sulla pianificazione del territorio. A tale scopo, la normativa francese istituisce la Commissione nazionale per il Dibattito pubblico (CNDP), quale ente incaricato di stabilire se un’opera/progetto deve essere sottoposta o meno al Dibattito pubblico. Tale autorità indipendente viene rafforzata nel 2002 dalle “Commissions particulières du débat public (CPDP)”, insieme alle quali controlla che sia garantita la partecipazione del pubblico al processo di elaborazione dei progetti, senza tuttavia pronunciarsi su questi ultimi.

Se la CNDP ritiene necessario istruire un Dibattito pubblico, può o organizzarlo delegando l’istruttoria ad una CPDP da lei stessa nominata, o delegare l’organizzazione alla società proponente il progetto o al soggetto pubblico responsabile del progetto; in questo secondo caso la Commissione definisce le modalità di organizzazione del Dibattito e del suo svolgimento.

Il Dibattito, a cui possono partecipare tutte le associazioni e i cittadini che lo desiderano, dura quattro mesi ed è preceduto dalla predisposizione di materiali utili all’istruttoria del Dibattito (dossier, sito Web, data di apertura del Dibattito, calendario degli incontri pubblici), da incontri preparatori tra Commissione ed alcuni attori interessati dal progetto e da un’ampia campagna informativa tra la popolazione coinvolta - tramite stampa e Web - per garantire il più ampio coinvolgimento nel Dibattito.

Dibattito pubblico in Francia

Per facilitare i Dibattiti istituiti viene creato un apposito sito Web, dove vengono messi a disposizione del pubblico tutti i materiali predisposti e cioè:

  • il dossier del progetto, che presenta l’opera, le sue caratteristiche tecniche e gli impatti sul territorio, redatto dall’ente proponente
  • la sintesi del progetto curato sempre dall’ente proponente
  • la documentazione tecnica aggiuntiva al dossier (dagli studi di fattibilità, a studi sul traffico e mobilità...)
  • i “cahiers d’acteurs”, che consistono in contributi scritti da chiunque voglia esprimere valutazioni, porre domande o proporre temi da approfondire, utili al Dibattito
  • le relazioni tecniche di eventuali esperti nominati dalla Commissione e chiamati a pronunciarsi su alcune questioni specifiche emerse nel corso del Dibattito.

Il Dibattito vero e proprio si svolge poi attraverso una serie di assemblee pubbliche in cui si spiega l´intervento, si discutono le eventuali alternative e si apre un confronto tra sostenitori e oppositori; gli incontri sono sia introduttivi e di presentazione del progetto che tematici.

Nella fase di svolgimento del Dibattito è prevista la possibilità di partecipare anche on line, tramite una piattaforma che consente di porre quesiti, lasciare un’opinione, inviare un contributo, proporre temi di discussione, seguire in diretta le riunioni.

Al termine del Dibattito pubblico il presidente della Commissione stila un rapporto in cui illustra i contenuti del Dibattito e gli argomenti pro e contro il progetto che sono emersi. Entro tre mesi dalla pubblicazione del rapporto, l’ente proponente l’opera deve comunicare se intende mandare avanti il suo progetto, modificarlo o ritirarlo.

Per meglio capire quali informazioni e contenuti vengono messi a disposizione del pubblico nel corso di tutto il Dibattito (prima, durante e dopo), andiamo ad analizzare uno dei tanti Dibattiti pubblici che hanno avuto luogo in Francia negli ultimi anni. Dal sito http://www.debatpublic.fr/ è possibile accedere ai siti Web di tutte le singole esperienze, quelle concluse, quelle in corso di svolgimento e quelle in preparazione.

Grand Paris Express: il progetto di rete composto da quattro linee di metropolitana automatica regionale ad anello attorno a Parigi

Dibattito pubblico su progetto Grand Paris Express

Il Dibattito pubblico su questo progetto si è svolto tra il 30 settembre 2010 e il 31 gennaio 2011, attraverso 24 incontri a cui hanno partecipato più di 7000 persone. La relazione conclusiva è stata resa pubblica a marzo 2011. Il dibattito non si è limitato solo ad informare il proponente, ma ha anche portato ad un protocollo d'intesa Stato-Regione relativo ai trasporti pubblici nell’Ile-de-France. Al termine del Dibattito, la CNDP nel dicembre 2012 ha raccomandato al proponente di condurre una concertazione sotto l'egida di un garante: tale concertazione ha avuto luogo dall'11 febbraio al 30 marzo 2013.

Sul sito Web appositamente creato per il Dibattito sono state pubblicate:

  • le pubblicazioni a cura del CPDP: il rapporto conclusivo pubblicato a fine Dibattito, che fornisce sia dati qualitativi relativi al dibattito (argomenti, informazioni, analisi effettuate a sostegno delle posizioni assunte o le opinioni espresse) sia quantitativi (numero di domande, partecipazione agli incontri pubblici, gli accessi al sito Web), e il bilancio del Dibattito pubblico, che mette in evidenza i punti salienti del dibattito e l'evoluzione dell'opinione pubblica e degli attori nei confronti del progetto
  • le documentazioni di altri attori: si tratta dei contributi degli attori del Dibattito (sia essi cittadini che esperti), dei contributi scritti nel corso delle discussioni
  • i documenti pubblicati dal proponente il progetto: il dossier del progetto che supporta il lancio di un dibattito pubblico e la sua sintesi, nonché gli studi commissionati dal proponente per costruire il progetto e i documenti e studi aggiuntivi richiesti dai partecipanti al dibattito, tutto il materiale prodotto dal proponente in occasione delle assemblee.

Sul sito Web sono inoltre pubblicati i quesiti posti dal pubblico e le risposte fornite dal proponente e dalla commissione, le sintesi, i verbali e le registrazioni video delle riunioni.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali