Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

logo twitter logo facebook logo flickr logo youtube logo issuu logo RSS app ARPAT per dispositivi mobili
Sei in: Home Notizie ARPATnews 2014 207-14

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 207 - Lunedì 13 Ottobre 2014

Micron, la rivista di ARPA Umbria


RSS

Intervista al suo direttore, Fabio Mariottini

In un precedente numero di Arpatnews abbiamo parlato di Ecoscienza, la rivista di ARPA Emilia Romagna, anche ARPA Umbria ha da lungo tempo una importante tradizione editoriale con la pubblicazione (cartacea ed online) dal 2004 della rivista Micron. Per questo abbiamo pensato di porre alcune domane al suo direttore responsabile, Fabio Mariottini.

Vuole raccontarci come è nata micron. Quali sono state le riflessioni che avete fatto e che vi hanno portato a decidere di pubblicare questa rivista periodica?
La rivista micron nasce nel 2004, quando le Agenzie di protezione ambientale si stavano ancora organizzando come sistema ed erano alla ricerca di un modo per farsi conoscere dalla popolazione, che storicamente aveva avuto come riferimento per ciò che riguardava i controlli ambientali, il sistema sanitario.
I primi numeri, infatti, erano mirati essenzialmente a tracciare il perimetro delle nuove competenze di Arpa e i risultati più significativi di alcuni studi. Pur non rinunciando ad una apertura alle grandi questioni ambientali, l’impostazione del periodico era più vicina alla forma dell’house organ che a quella della rivista di riflessione. La svolta che ha portato all’attuale forma editoriale si è avuta, a partire dal 2005, con la nuova direzione di Arpa che ha trasformato, seppure gradualmente, l’autoreferenzialità dei primi numeri in una finestra aperta sul mondo dell’ecologia, della società e della scienza

Fabio Mariottini, Direttore della rivistaRecentemente abbiamo trattato di “Ecoscienza”, un’altra rivista importante nel panorama delle agenzie ambientali, cosa vi accomuna e cosa vi differenzia da essa?
Ecoscienza è una rivista che leggo sempre con interesse, perché riesce a proiettare nel contesto più generale un quadro dinamico e stimolante del lavoro che Arpa Emilia-Romagna compie a livello regionale. Poi vicinanze e differenze si possono riscontrare casomai nella costruzione del numero e nella forma di trattazione degli argomenti, come succede tra giornali che si occupano degli stessi fatti però da angolazioni diverse.

Quali sono i destinatari della rivista? Avete dei feed-back da parte loro?
Micron viene inviata gratuitamente a un indirizzario nazionale che spazia dal mondo della politica, e della pubblica amministrazione a quello della ricerca. I giudizi nei confronti della rivista si basano sulle mail che arrivano in redazione. Per noi è importante, perché, così non ci sono costretti a ragionare sul nostro operato prendendo “solo” il considerazione il numero delle copie vendute o dei contatti che un sito ha ogni giorno. I nostri lettori sembrano apprezzare il nostro modo di raccontare i cambiamenti della società e della scienza, anzi sono loro i nostri “primi redattori”, dato che ci propongono sempre molti spunti.

" "Ormai i tempi della comunicazione si accorciano sempre più, e con i social media sono del tutto immediati, c’è sempre spazio per uno strumento di comunicazione più riflessivo come micron?
Questa è una domanda interessante, io credo che per ciò che riguarda la “riflessione” la rivista tradizionale sia ancora uno strumento importante per l’informazione, che appunto ha tempi più; rapidi, invece il cartaceo è diventato uno strumento troppo rigido per essere efficace. La carta non può raccontare l’attualità come si faceva in passato. Basta pensare ai social che dopo qualche secondo da un evento riportano le dichiarazioni dei protagonisti e ne incominciano ad analizzare i contenuti. Secondo me, i giornali di carta non devono abbondare il campo ma hanno la necessità di cambiare il loro modo di raccontare, devono rilanciare la sfida.

Produrre una rivista non è un’operazione semplice, richiede un’organizzazione non indifferente, voi come siete strutturati?
Abbiamo una redazione ristretta, e per gli articoli ci avvaliamo della collaborazione di scienziati, giornalisti comunicatori della scienza. Per ciò che riguarda grafica e impaginazione il lavoro viene affidato a un grafico esterno che ha progettato e seguito l’evoluzione della rivista. Ogni numero ha una sua caratteristica peculiare: adattiamo grafica e foto in base al contenuto degli argomenti trattati.

Micron costituisce una delle pochissime esperienze del genere nel mondo delle agenzie ambientali, sulla base della sua esperienza quali ipotesi si potrebbero avanzare per dotare il nascente Sistema Nazionale della Protezione Ambientale di uno strumento di comunicazione del genere?
La soluzione migliore e anche quella che permetterebbe l’ottimizzazione della spesa, sarebbe certamente quella di costruire un prodotto unico a “rete” con il contributo di tutte le agenzie.
Tutto ciò, però, mi sembra complicato perché ogni territorio ha peculiarità ed esigenze proprie. Comunque se questa operazione può rivelarsi complicata per quello che riguarda il cartaceo, dovrebbe essere più semplice nel web. Quello che è importante però è riuscire a costruire una comunicazione integrata e di interesse per tutto il territorio nazionale.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




Azioni sul documento
Strumenti personali