Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sei in: Home Notizie ARPATnews 2014 136-14

Dove Siamo

 
ARPAT News - newsletter sulle tematiche ambientali
n. 136 - Venerdì 04 Luglio 2014

Adottate da parte della Regione Toscana importanti linee guida in materia di inquinamento acustico


RSS

Riguardano la gestione degli esposti, le pavimentazioni fonoassorbenti e le valutazioni di impatto acustico

La legge regionale toscana L.R. 01/12/1998, n. 89 dell’1 dicembre 1989 e successive modifiche e integrazioni, che stabilisce "Norme in materia di inquinamento acustico, aveva previsto – con una modifica introdotta nell’agosto 2011 - l’istituzione di un comitato regionale di coordinamento con funzioni di raccordo e coordinamento per l’esercizio delle funzioni di controllo composto da rappresentanti degli uffici regionali competenti in materia di tutela dall’inquinamento acustico ed igiene pubblica, degli enti locali (comuni e province), dell’ARPAT e delle aziende unità sanitarie locali. Comitato istituito nel marzo 2013.

Il Comitato svolge funzioni di raccordo e coordinamento per l’esercizio delle funzioni di controllo di cui alla citata legge regionale, da parte degli enti preposti (Regione, enti locali, ARPAT, ASL), per un’applicazione omogenea della normativa in materia di inquinamento acustico sul territorio regionale, predisponendo documenti, linee-guida, ecc. e curandone la pubblicazione e divulgazione, di norma sui siti web istituzionali, in modo da garantirne la massima diffusione.

Il Comitato nel suo primo anno di attività ha condotto un’approfondita analisi che ha portato alla predisposizione di tre documenti:

  • Linee Guida per la gestione degli esposti ad uso degli Enti Locali, di ARPAT e delle USL;
  • Linee guida per la verifica delle pavimentazioni fonoassorbenti e/o a bassa emissività negli interventi di risanamento acustico ad uso degli enti locali;
  • Linee guida sui procedimenti inerenti la documentazione di valutazione di impatto acustico (VIAC) a seguito dell’introduzione della Autorizzazione Unica Ambientale.

La Regione Toscana, ritenendo che tali documenti buone pratiche di riferimento, nonché un indirizzo tecnico e procedurale da seguire da parte degli enti preposti anche al fini di accellerare la conclusione dei procedimenti amministrativi di volta in volta interessati, gli ha adottati con DGR n.490 del 16 giugno 2014.

Linee guida sulla gestione degli esposti
Indicano agli Enti competenti modalità operative per la gestione delle attività di controllo del rumore, per uniformare le procedure amministrative di risposta agli esposti e la possibile soluzione degli stessi.

Poiché il Comune è il titolare della funzione del controllo ai sensi dell’art. 14 della L.447/1995 qualora la segnalazione del disturbo da rumore venga ricevuta da soggetti diversi, quali: Regione, Provincia, ARPAT e AUSL, questi devono trasmettere l’esposto al Comune, allegando,quando disponibile, qualsiasi documentazione in loro possesso relativa alla zona dell’esposto.

Quindi le linee guida definiscono le modalità specifiche di intervento relative ad esposti riguardanti rumore prodotto da infrastrutture di trasporto; attività produttive,professionali e commerciali; da attività temporanee, da manifestazioni in luogo pubblico o aperto al pubblico e da spettacoli.

 

Linee guida sulle procedure di Valutazione di Impatto Acustico (Viac)
Riepilogano quanto prevedono le diverse normative in materia di documentazione di impatto acustico, in relazione alle diverse tipologie di intervento e quindi ai diversi procedimenti amministrativi di tipo autorizzativi o SCIA (comunicazioni di inizio attività).

Quindi le linee guida definiscono le modalità di effettuazione dei controlli sulle VIAC: i compiti svolti dai diversi enti interessati, se si tratta di controlli documentali a tappeto o a campione, ecc.

 

Linee guida sulle pavimentazioni fonoassorbenti
La Regione Toscana dal 2004 al 2014 ha concesso finanziamenti ai Comuni toscani per il
risanamento acustico delle proprie infrastrutture di trasporto per un importo complessivo pari a 24 milioni di euro. Circa la metà di tale contributo ha riguardato la copertura di spese per ripavimentazione di strade con posa di pavimentazioni fonoassorbenti.

Le linee guida fornisce agli Enti Locali indicazioni per la verifica delle prestazioni delle pavimentazioni stradali fonoassorbenti e/o a bassa emissività, utilizzate negli interventi di abbattimento e contenimento del rumore prodotto dalle infrastrutture di trasporto di interesse regionale e locale in gestione a Enti pubblici (Comuni, Province e Regione).

I risultati dei controlli sulle prestazioni acustiche delle pavimentazioni saranno utile strumento per una migliore definizione degli interventi di risanamento futuri.


Organizzazione con sistema di gestione certificato e laboratori accreditati
Maggiori informazioni all'indirizzo www.arpat.toscana.it/qualita




— archiviato sotto: , , , ,
Azioni sul documento

rumori notturni da spettacoli o attività temporanee

Inviato da Utente anonimo il 07/07/2014 07:31

oltre a definire il "percorso" degli esposti, non sarebbe il caso di informare COSA l'ARPAT possa chiedere al Comune di riferimento, nel caso in cui i controlli verifichino il superamento dei limiti di decibel fissati dalle normative sull'inquinamento acustico per la zona in questione?

rumori notturni da spettacoli o attività temporanee

Inviato da Utente anonimo il 07/07/2014 09:57

L'ARPAT gira la palla al Comune chiedendo che predisponga dei piani di controllo mirati. Come cittadini residenti nel centro storico di Pisa abbiamo gia' fatto molti esposti sulla malamovida..ma nulla di fatto

rumori notturni da spettacoli o attività temporanee

Inviato da Utente anonimo il 07/07/2014 10:24

Riguardo ai problemi di rumore relativo alla "movida estiva" a Pisa, segnaliamo vari interventi fatti da ARPAT e di cui si parla in diverse notizie sul sito: - http://www.arpat.toscana.it/notizie/arpatnews/2013/236-13/236-13-movida-estiva-ed-il-controllo-del-rumore - http://www.arpat.toscana.it/notizie/comunicati-stampa/2013/un-decibel-in-piu-significa-un-incremento-del-rumore-del-25 - http://www.arpat.toscana.it/notizie/comunicati-stampa/2013/troppo-rumore-di-un-circolo-a-pisa - http://www.arpat.toscana.it/notizie/comunicati-stampa/2012/le-misure-di-inquinamento-atmosferico-ed-acustico-di-arpat-nel-comune-di-pisa

rumori notturni da spettacoli o attività temporanee

Inviato da Utente anonimo il 07/07/2014 10:15

Qualora, a seguito di un controllo ARPAT richiesto dal Comune, si verifichi il superamento dei limiti di legge, oltre a sanzionare il locale, vengono inoltre indicate azioni per evitare il ripetersi di tali superamenti.

Strumenti personali